giovedì 17 settembre 2020

SEI IL MIO EFFETTO COLLATERALE Isabella Vanini Recensione

Se avete voglia di leggere di una storia d' amore atipica, che faccia riflettere sulle preclusioni, il giusto e lo sbagliato, e che tra le righe rosa  abbia il potere di far traballare certezze apparentemente ben radicate , Sei il mio effetto collaterale  fa al caso vostro. 


Self publishing 
SEI IL MIO EFFETTO COLLATERALE
ISABELLA VANINI


Covere: Sherazade Digital art 
Genere: rosa contemporaneo
Pagine: 254
Prezzo:€ 10.55
ebook: € 1,99 compreso nell' abbonamento KU
QUI il link Amazon per l' acquisto

La Trama
Si può perdere la testa se la differenza di età è tanta? Sembra di sì, quando la trentaquattrenne Giulia incontra Daniele di soli diciotto anni. Complice lʼopen night alla scuola superiore dove lei vorrebbe iscrivere il figlio lʼanno seguente, in Giulia si risvegliano desideri profondi e incontrollabili. In fondo è divorziata e dunque libera, ma benché un futuro insieme a quel ragazzo sia inimmaginabile e impossibile, non riesce a resistergli. Diversa è la reazione di Daniele, che si accorge delle attenzioni insistenti della donna e le trova fastidiose e fuori luogo, quasi inquietanti. Ma per quanto si ostini a volerla rifiutare, i piani del destino per fargliela incontrare o anche solo pensare sono in agguato. Cosa accadrà quando sarà il momento, considerando che niente è facile e “forze sinistre” impersonate dagli stessi familiari minacciano qualsiasi sicurezza?

Opinione di Charlotte 

Si tratta di un romanzo  assai ben scritto  e avvincente,  e non nascondo che nonostante l’ apparenza “ innocua” mi abbia  messa un bel po'  in crisi,  facendo affiorare in me dei pregiudizi che non pensavo nemmeno di avere,  raccontando la storia di una passione travolgente tra un ragazzo poco più che maggiorenne e una donna ben più adulta e madre di un adolescente.  Una domanda mi è ronzata in testa costantemente durante la lettura  : sono sicura che se l’ età di lui e quella di lei fossero state invertite avrei dato la stessa importanza alla differenza anagrafica ? Avrei considerato altrettanto trasgressivi e “disturbanti “ un uomo di 34 anni e una ragazza di 19 attratti fisicamente e destinati a incontrarsi, o una sorta di maschilismo latente inconsapevole mi avrebbe fatto sorvolare maggiormente su questo aspetto ? Mettendo da parte l’ opinione personale - ognuno leggendo la storia ha la possibilità di  maturarne una   in base alla propria esperienza e al proprio vissuto -  è innegabile che Isabella Vanini faccia riflettere sullo squilibrio in una relazione tra chi nella vita ha già compiuto delle scelte  e ha la consapevolezza e  gli strumenti per arrivare dove vuole, ma convive con doveri, rimpianti e dubbi,  e  chi invece , appena affacciatosi all’ età adulta e senza indipendenza economica, non ha le idee chiare su nulla  ma ha dalla sua quell’ esuberanza e quelle potenzialità ancora inespresse  che lo rendono tanto sfrontato  quanto ingenuo.  Daniele trascorre le sue giornate fra lo studio , gli svaghi “ teen”  e l’ amicizia preziosa dell' esuberante So-yon,  senza la zavorra di sensi di colpa che contrappunta la routine di  Giulia,  moglie tradita e madre messa da parte da un figlio confuso che sta staccando il cordone ombelicale . I problemi, la morale  e le pulsioni del genitore , del figlio, dell' amico,  dell’ amante si accavallano e vengono amalgamati alla tentazione, al sapore del proibito  e a quello rétro delle musiche anni '80 facendo emergere pensieri e sensazioni dei protagonisti di una relazione al contempo tenera e scandalosa, vibrante di emozioni contraddittorie. Molte poi sono le sequenze che alleggeriscono un liaison complicata da molteplici fattori, primo fra tutti l' auto condanna di un' attrazione   insolita dalle ripercussioni imprevedibili. Lucido, dolceamaro, intenso sia nell' erotismo sia nella componente emotiva e riflessiva ,  Sei il mio effetto collaterale non lascia indifferenti, risultando talora perturbante in una sfida continua con se stessi ad esprimere giudizi tra libertà e sconsideratezza, ponderazione e avventatezza,  diritto di amare e necessità di tener conto di impedimenti reali e "pseudomorali ( sti)"  . 


L' Autrice 

Isabella Vanini ha scritto e pubblicato fumetti cartacei e  bimestrali su una rivista in vendita a Milano e poesie, uscite su  inserti di giornale, riviste del settore e siti online.  Con lo pseudonimo di Evelyn Storm ha collaborato con riviste letterarie, blog/siti e case editrici (Ginger Generation, Passione lettura, Almax Magazine, La mela avvelenata e altri). 
Ha ideato un racconto di gruppo con ventidue autori, ha continuato a pubblicare poesie e racconti su diverse antologie di case editrici e siti e romanzi sia in self che con casa editrice. 
È stata giudice per tre volte di concorsi di poesia internazionali e ha avuto spazi su riviste cartacee come “Ragazza Moderna” e “Skup Magazine”. 
Attualmente, tornata al vero nome, scrive più che altro romanzi. 
Contatti 
- Pagina Facebook: 
- Instagram: 
- E-mail: 
isabellavanini19@libero.it 
evelynstorm@libero.it 

Libri della stessa autrice 
Con lo pseudonimo di Evelyn Storm: 
Incontriamoci allo Sweet Temptations (uscito con Delos 
Digital, in tutti gli store online) 
Le note del destino (su Amazon) 
Una notte a Londra (su Amazon) 
La voce del sentimento (4 racconti in 1 romanzo. Su Amazon) 
Donʼ t leave me for Christmas (su Amazon) 
Tu, come una valanga (su Amazon) 
Evanescent Appearances (su Amazon) 
Vorrei essere te (su Amazon) 
La rivincita dell ʼ amore (contenente Una notte a Londra, Don ʼt leave me for Christmas e Tu, come una valanga. Su Amazon) 
Questione di gusti (su Amazon) 
A girl for two (su Amazon) 
A girl for me (su Amazon) 
Il mio unico desiderio per Natale (su Amazon) 
Inferno (su Amazon) 

Con il vero nome: 
Natale sugli sci (su Amazon) 


martedì 15 settembre 2020

SWEET DORIS #reviewtour Emma Mei

Buongiorno Lettori!
Oggi abbiamo il piacere di ospitare il review tour del romanzo di Emma Mei, Sweet Doris. Ringrazio come sempre l'amica Raffaella che ormai conosce i miei gusti e mi coinvolge in letture inaspettate e per questo molto più apprezzate! Con grande soddisfazione mi trovo a consigliarvi e sostenere un  bellissimo e toccante romance che non potrà lasciarvi indifferenti. 




Self Publishing


REVIEW TOUR 
9 - 18 Settembre 

Sweet Doris
Emma Mei 






IL ROMANZO

Titolo: Sweet Doris
Autore: Emma Mei
Editore: Self Publishing
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 259
Prezzo: 11,99   Ebook: 2,69
In abbonamento con KU
Trama: Dopo un doloroso passato, che le ha causato un serio crollo emotivo, Doris ha deciso di riprendere in mano le redini della sua vita, imparando ad amare se stessa e stringendo nuove amicizie. Prossima alla laurea, che la riporterà a lavorare alla Foster’s Industries, compila liste dei pro e dei contro sul ragazzo di cui è perdutamente innamorata: Mextli Foster, per il quale, quattro anni prima, ha lavorato come segretaria personale.
Mextli è il classico figlio di papà, bello, affascinante e con la sindrome di Peter Pan. Ha trentun anni, ma non ha ancora messo la testa a posto e, con la complicità dei suoi amici si diverte a prendersi gioco di Doris, persino durante il suo turno di lavoro come cameriera al 50’s.
Tutto cambia la sera dell’addio al celibato di un amico di Mextli, durante la quale il ragazzo viene coinvolto in una goliardica prova di coraggio.
La cantina del ristorante sarà testimone silenziosa del colpo di fulmine – seppur a scoppio ritardato – che Mextli proverà nei confronti di Doris.
L’ostacolo?
Convincere la ragazza dei suoi reali sentimenti.


opinione di foschia75

Le ferite della vita lasciano sempre un segno sul cuore. Possono essere piccoli dispiaceri che si presentano sotto forma di fini e sottili linee, oppure profonde ferite emotive che non cicatrizzano, continuando a sanguinare nonostante diversi medicamenti.


Sono ormai più di otto anni che leggo e sostengo il buon self publishing nostrano. In questo lungo tempo ho assistito all'evoluzione dell'autopubblicazione sostenendo con entusiasmo le penne più promettenti. Oggi mi permetto di proporvi un romance davvero inatteso, vuoi perché ultimamente per non farmi influenzare non leggo quasi più le trame, vuoi perché il titolo e la cover mi hanno tratto un po' in inganno sul tenore di questa bellissima, tormentata e commovente storia d'amore che tocca argomenti quanto mai attuali e spinosi. 
I miei più sinceri complimenti vanno a Emma Mei, che non conosco e spero di leggere tanto in un futuro prossimo, perché è riuscita a toccare le corde del cuore in modo semplice e naturale, ma allo stesso tempo graffiante. Come avrete intuito stiamo parlando di una commedia romance caratterizzata da una tavolozza di emozioni dalle diverse sfumature, ora pastello, ora dai toni piuttosto decisi, capaci di creare un groppo e rischiare di vedere tracimare la lacrima (nel mio caso non è stato difficile). 
Quando esprimo un parere su una storia romantica, l'ultima stellina è dedicata alle emozioni inattese, quelle capaci di tirar fuori dai lettori empatici tutte quelle sensazioni fisiche capaci di spiazzarci e lasciarci con una discreta tensione allo stomaco spesso dovuta a profonde riflessioni sulla sfera femminile, quanto mai attuali. 
Quello che mi ha conquistato di questo romanzo è il personaggio femminile, la sua resilienza, la sua tenacia nel cercare di essere felice nonostante il suo aspetto. La dignità femminile che in una storia come questa non ha prezzo, che non può essere barattata con un amore non totalizzante. Ecco, questi sono i personaggi femminili per cui leggo i romance! Queste sono le donne che non si spezzano e nemmeno si piegano, rinunciando alla loro personalità per un uomo. 
Il romance contemporaneo DEVE affrontare temi come quelli scelti da Emma Mei: il bullismo e l'aspetto fisico, in una società sempre più esteriore e poco interiore. Grazie Emma, per avermi fatto conoscere una donna che ci ricorda quanto valiamo quando crediamo in noi stesse, quando sappiamo di valere molto più di quello che siamo agli occhi degli altri. L'amore, lo sogniamo tutte, ma che amore ci può essere se non amiamo prima noi stesse? Se rinunciamo alla nostra dignità per piacere agli altri? 
Doris è una donna fragile che dei suoi difetti ha fatto scudo imparando, dopo anni di soprusi, a valutare cosa sia più importante. Doris cerca un uomo capace di vederla per come è dentro, senza fermarsi alle apparenze e nei momenti più difficili potrà fare affidamento solo sui suoi due amici più cari. Il suo passato continua a inserirsi prepotentemente nel suo presente, constringendola a combattere una strenua battaglia su più fronti, non ultimo un prepotente sentimento per un uomo che ancora deve maturare e capire che l'amore non si presenta quasi mai come lo abbiamo immaginato. 
Bello, commovente, romantico quanto basta ma soprattutto capace di restituirci una protagonista che spesso è molto simile a quella che ci ammicca dallo specchio. 


L'autrice

Emma Mei adora la montagna ma vive in mezzo alla pianura Padana. Osserva il mondo con occhi curiosi, fotografa le nuvole dalle forme particolari e considera il giovedì una giornata no. È una persona timida, riservata e cerca di affrontare la vita con ironia. I cassetti della sua scrivania sono pieni di quaderni, agende e biro colorate sempre pronte per prendere appunti di qualsiasi tipo. Da piccola si divertiva a inventare filastrocche, e brevi fiabe, che scriveva sul suo diario segreto perché non voleva che nessuno le leggesse. Da grande ha continuato a scrivere e narrare storie della buona notte immaginarie a suo figlio. Decide di pubblicarsi in self publishing dopo una serata di chiacchiere, trascorsa con un'amica, che, unita alla passione per gli abiti degli anni cinquanta, dà forma al dolce personaggio di Doris.



giovedì 10 settembre 2020

SOTTO LA STELLA DEL LUPO #reviewparty Rosanne Parry

Il branco appartiene alle montagne e le montagne appartengono al branco. Ma su tutti noi splende la stella del lupo. 

Buongiorno lettori, oggi abbiamo il piacere di partecipare al #reviewparty Sotto la stella del lupo edito da Harper Collins e uscito la settimana scorsa. 
Ringrazio Tiziana del blog The Mad Otter per l'invito a questo evento e ringrazio le altre blogger compagne in questo avventuroso viaggio. 



HARPER COLLINS 



REVIEW PARTY




SOTTO LA STELLA DEL LUPO 
Rosanne Parry 


IL ROMANZO



Titolo:  Sotto la stella del lupo
Autore: Rosanne Parry
Genere: Narrativa ragazzi
Editore: Harper Collins
Pagine:  212
Prezzo: 13,00     Ebook:  5,99
Trama: Fulmine vive felice insieme ai suoi fratelli lupacchiotti nella tana in mezzo alle montagne, e da grande sogna di diventare un fiero capobranco come suo padre. Ma un giorno succede l'impensabile. Un gruppo di lupi nemici invade il territorio, e dopo una feroce battaglia Fulmine si ritrova solo e affranto, di fronte a una scelta difficile: rimanere in quel luogo ormai devastato, o mettersi in cammino in solitaria. Non immagina quanto sia lungo il viaggio che lo aspetta, quali pericoli e imprevisti troverà lungo la strada. Ma se riuscirà nell'impresa, non solo avrà trovato dentro di sé il coraggio di un vero capobranco, ma - cosa più importante - saprà di nuovo distinguere, tra milioni di profumi, il profumo di casa. Ispirato alla storia vera di OR-7, un lupo selvaggio che ha affrontato un'estenuante traversata di oltre 1600 chilometri nel Nordovest del Pacifico, "Sotto la stella del lupo" è un romanzo che parla di coraggio, di lealtà e dello straordinario spirito di adattamento di questi animali affascinanti. Età di lettura: da 8 anni.



L'autrice







opinione di foschia75


Sotto la stella del lupo è una lettura adatta a un pubblico molto giovane, una storia narrata dal punto di vista di un cucciolo di lupo durante il suo primo anno di vita.
Non conosco la storia di come è nato questo romanzo, ma sicuramente per poter conoscere gli equilibri di un branco, l'autrice si deve essere documentata e probabilmente aver ossservato i lupi in natura, perché ci sono dei passaggi molti dettagliati sulle dinamiche di un gruppo familiare articolato come quello di questi animali complessi e fieri. 
Per la semplicità della narrazione è adatto a un pubblico molto giovane e invita il lettore a vedere il mondo e l'habitat delle montagne americane, con gli occhi di un piccolo inesperto predatore, costretto a fare i conti con le attività antropiche, sempre più pressanti e stressanti per la salvaguardia di questo bellissimo e schivo animale. 
Sotto la stella del lupo è un viaggio introspettivo, di crescita personale e consapevolezza, il racconto di come un evento tragico ci catapulta dal regno dell'infanzia "dove nessuno muore", alla dura realtà di un mondo ostile e semisconosciuto. Una parabola della deriva generazionale che stiamo attraversando, dove sempre più spesso gli adolescenti perdono di vista troppo presto i veri punti di riferimento e soprattutto il senso vero delle cose, quelle che contano, come la famiglia, l'armonia all'interno di un gruppo di coetanei. Fulmine suo malgrado dovrà abbandonare la terra dove è nato e cercare il suo posto nel mondo, affrontando imprevisti e vicissitudini che in appena poco più di un anno lo renderanno il lupo fiero che aveva promesso al padre di diventare. 
Quante disavventure e incontri strani dovrà affrontare prima di capire che spesso è necessario "bastare a se stessi" prima di trovare felicità. 
Se devo fare un appunto, lo farei sul finale frettoloso seppur molto bello; avrei apprezzato qualche pagina in più per descrivere un momento molto importante nella vita di un nuovo potenziale gruppo familiare di lupi.
Consigliato come regalo per quei piccoli naturalisti in erba che hanno dimostrato una certa empatia verso la natura e sono stati già travolti dal fascino di un animale ancora troppo "maltrattato" dalla comunicazione (errata) di massa e spesso delineato come un animale pericoloso. 



sabato 5 settembre 2020

ORGOGLIO E SENTIMENTO Linda Kent Recensione

Il "problema", come lo definiva tra sé, era che sembrava impossibile trovare riuniti in una sola persona i tre requisiti che riteneva indispensabili a rivestire quel ruolo: una dote consistente, una certa piacevolezza fisica e, quantomeno, uno spirito vivace. 

Torna come sempre attesissima la magistrale penna di Linda Kent e questa volta con una gradita sorpresa, lasciandosi ispirare dai romanzi immortali di Jane Austen e creando due personaggi di cui si sentirà la mancanza una volta arrivati all'epilogo. Non smette mai di stupirmi. Una lettura che ha il potere di sospendere il lettore dai pensieri quotidiani regalando ore piacevoli e momenti di sensuale evasione. 




Mondadori Classic

DAL 5 SETTEMBRE IN EDICOLA 
E SUGLI STORE ONLINE



ORGOGLIO E SENTIMENTO
Linda Kent

Collana: Classic n. 1207
Genere: Regency
Pagine:  272
Prezzo: 5,50
Ebook:  2,99


Trama 

Maximilian Rosworthy ha ereditato il titolo di visconte ed è deciso a prendersi cura della sua gente. Purtroppo la proprietà è in rovina e le spese sono troppe, dunque non gli resta che cercarsi una moglie ricca. Peccato sia attratto da Penelope Foxmore: lei è tutto ciò che il suo cuore desidera, ma è priva di dote. L’orgoglio deve cedere all’amore o viceversa? Max non ha dubbi. Dal canto suo, Penny è una ragazza molto sensata e per questo ha deciso di sposare Mr Hobbs, un placido reverendo. Finché il caso e una serie di imprevedibili avventure la costringeranno a scegliere fra ragione e sentimento.


opinione di foschia75

Che dire, ogni volta mi devo ricredere, perché Linda Kent ha il pregio di non scadere mai nel riutilizzo delle sue trame precedenti seppur riadattate. Un pregio da non sottovalutare quando si scrivono diversi romanzi in un anno. Orgoglio e sentimento ha un'idea di fondo vincente che conquista sin dalle prime pagine, ricordandoci quanto le opere di Jane Austen, in modi diversi, facciano parte del nostro immaginario romantico. Ripercorrendo alcuni dei passaggi salienti dei romanzi ci introduce, capitolo dopo capitolo, nel suo nuovo avvincente romanzo che si legge davvero tutto d'un fiato e dal quale è difficile e malinconico prendere commiato una volta letto l'epilogo. 
Come avrete intuito, i protagonisti di questa storia, ambientata nel periodo Regency, ci terranno avvinti alle pagine in un crescendo di emozioni e aspettative che prontamente l'autrice saprà soddisfare. Una storia che allegerisce una giornata storta, un romanzo che ci rimette in pace con il romance storico di qualità (come lei ci ha ben abituate) e ci accarezza l'animo con un sentimento intenso e sensuale capace di tendere ogni muscolo durante la lettura. 
Lo so, sono di parte, ma come faccio a non esserlo se ogni volta riesce a immergere la mia immaginazione nelle sue eleganti e travolgenti storie? 
Prendete una donna che ha sacrificato tutto per crescere da sola sua sorella, rinunciando a un matrimonio felice per mettere da parte la dote per la più giovane, fatela incontrare con un visconte che ha ereditato un titolo all'improvviso e non sa come gestirne le proprietà con i pochi soldi lasciati dal suo predecessore. Ora, in mezzo a questi due personaggi che la fortuna non ha certo baciato in passato, mettete un sentimento capace di crescere in modo veloce e soffocato, fino a quando l'attrazione non li costringerà a venire allo scoperto e, vicissitudini permettendo, saranno costretti ad ammettere entrambi che quando c'è l'amore, la ricchezza materiale non conta. Così è troppo semplice, perché avete dimenticato l'orgoglio che di solito arriva molto prima del sentimento e rischia di rovinare anche la storia più bella e intensa. Penelope e Maximilian sono molti più simili di quello che pensano, hanno gli stessi principi morali, ma l'etichetta tende a frenare il loro più sincero istinto. Come aggirare le fastidiose convenzioni e poter ammettere davanti a tutti i propri sentimenti? Ci pensarà la neve e una lettera fraintesa. 
Come sempre Linda Kent tratteggia personaggi che bucano le pagine per sentimento e carattere, senza mai farli scadere nel cliché, dosando magistralmente gli atteggiamenti e arricchendo il tutto con dialoghi impeccabili. Davvero una lettura intensa e sensuale, dove la danza dell'attrazione tende ogni muscolo del lettore in un crescendo che lascia piacevolmente soddisfatti. Così deve essere il romance nelle sue tante sfumature: una morbida e sensuale carezza capace di farti dimenticare per una o due sere i pensieri della vita quotidiana. 


L'autrice 


Linda Kent è lo pseudonimo che ho scelto in omaggio a mia madre e all’ambientazione anglosassone dei miei romanzi. 
Divido la mia vita fra la magica atmosfera di Roma e la campagna toscana, un’oasi di tranquillità nella quale mi rifugio quando la scrittura richiede maggiore concentrazione. 
Amo profondamente la letteratura, la poesia e la storia del passato, soprattutto quella del Regno Unito e, non appena mi è possibile, compio lunghi viaggi nei luoghi in cui ambiento i miei romanzi, per poterli descrivere fedelmente ai lettori.

Potete contattarmi sul mio sito: www.lindakentauthor.com

martedì 25 agosto 2020

LA MISURA DEL TEMPO Gianrico Carofiglio Recensione

Finalista  Premio Strega 2020, La misura del tempo è un romanzo che si presta a molteplici chiavi di lettura. 

Einaudi
LA MISURA DEL TEMPO
GIANRICO CAROFIGLIO 

genere: legal thriller
Pagine:
Prezzo: € 18,00
ebook: € 9,99
disponibile su Audible, letto dall' autore 
QUI il link Amazon per l' acquisto 

La Trama 
Tanti anni prima Lorenza era una ragazza bella e insopportabile, dal fascino abbagliante. La donna che un pomeriggio di fine inverno Guido Guerrieri si trova di fronte nello studio non le assomiglia. Non ha nulla della lucentezza di allora, è diventata una donna opaca. Gli anni hanno infierito su di lei e, come se non bastasse, il figlio Iacopo è in carcere per omicidio volontario.
Guido è tutt'altro che convinto, ma accetta lo stesso il caso; forse anche per rendere un malinconico omaggio ai fantasmi, ai privilegi perduti della giovinezza.
Comincia cosí, quasi controvoglia, una sfida processuale ricca di colpi di scena, un appassionante viaggio nei meandri della giustizia, insidiosi e a volte letali.
Un romanzo magistrale. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario - distillato purissimo della vicenda umana - e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.
«Col passare del tempo alcuni luoghi della città mi ricordano sempre piú intensamente sensazioni e fantasticherie del passato remoto. Un'epoca di stupore. Ecco, certi luoghi della città mi fanno sentire nostalgia per lo stupore. Essere storditi dalla forza di qualcosa. Mi piacerebbe tanto, se capitasse di nuovo».

Opinione di Charlotte

Ho sentito opinioni contrastanti su questo romanzo, al quale sono stati contestati eccessivi tecnicismi : io l' ho ascoltato su Audibile letto dall' autore stesso, con la sua cadenza barese e tutte le sfumature interpretative atte a valorizzare ogni cambio di registro: e personalmente l' ho apprezzato moltissimo .
Il libro è la sintesi di un vero e proprio processo penale in appello: Gianrico Carofiglio, ex magistrato con il dono della narrazione elegante e sintetica, rende comprensibile anche agli impreparati in materia l' universo dell' avvocatura, regolato da norme dalle  interpretazioni disparate e sovente foriero nell' avvocato stesso di perplessità e dubbi morali. 
La nuova indagine dell' avvocato Guido Guerrieri, uomo maturo e autoironico dalle abitudini consolidate , coadiuvato da collaboratori fidati dalle spiccate abilità e personalità, vede emergere dal passato la figura di una fiamma scostante e carismatica del protagonista: ora disillusa , spenta caricatura di se stessa , terrorizzata dal fatto che il figlio accusato di omicidio, in carcere a fronte di prove apparentemente schiaccianti eppur da lei ritenuto innocente, rimanga in galera. Rivedere Lorenza fa riaffiorare in Guido la storia del loro legame sbilanciato, e di riflesso uno spaccato di gioventù spensierata, incerta e talora sofferta, riletto con il senno, la lungimiranza, il distacco di poi: forse a tratti nostalgico delle emozioni assolute che si provavano,  ma senza rimpianti né pretesa di bonarie saggezza o onniscienza .
Ne scaturiscono una lotta donchisciottesca per tentare di difendere il figlio di Lorenza, e di pari passo una riflessione lucida, emotivamente partecipata , talora malinconica ma anche spiritosa, sull' età che scorre e sui binari dell' esistenza che portano a destinazioni impreviste: non la misura del tempo  dell' orologio, ma quella delle scelte fatte , subite, incompiute, irreversibili. 


Di Gianrico Carofiglio Sognando tra le Righe ha recensito:



lunedì 24 agosto 2020

NERO VELLUTO S.D. Buzzi Recensione

Letteralmente divorato grazie all' anteprima fornitami dall' autrice, Nero  velluto mi ha colpita come qualcosa di diverso dal solito:  nello spirito, nei contenuti, nel tratteggio dei personaggi. 

Self Publishing 

NERO VELLUTO 
S.D. BUZZI
Illustratore: Martina Tognon 
Genere: romance contemporaneo 
Pagine: 205
Prezzo ( ebook): offerta lancio € 0,99, compreso nell' abbonamento KU 
QUI il link Amazon per l' acquisto 

La Trama
La seconda opportunità di chiunque tra noi hai un solo nome: si chiama Amore.
Theodore e Perlah sono due universi paralleli, che non dovrebbero potersi incontrare. Al massimo potrebbero sfiorarsi, per poi sfrecciare via in direzioni opposte.
A dividerli ci sono quindici anni, l’opposta estrazione sociale e perfino la nazionalità.
Ad accomunarli c’è solo la sofferenza. Un dolore radicato e profondo che nulla sembra poter estirpare.
Lei è una prostituta di strada, lui un uomo di successo.
Cosa succederebbe se le loro vite s’intrecciassero in una maniera che nessuno avrebbe mai potuto prevedere? Potranno amarsi o si faranno solo del male a vicenda?

Opinione di Charlotte 

Un nome nuovo, ma basta leggere l' estratto per capire che  non  è certo alle prime armi, esordisce con una storia d' amore appassionante, costruita su disperazione e annientamento: il racconto di un sentimento che faticosamente, e non senza ripensamenti e voltafaccia a più riprese, attecchisce come un seme resiliente e splendido nel terreno più squallido e malsano che si possa immaginare, descritto con estrema efficacia e partecipazione emotiva dall' autrice. Tra rabbia e rassegnazione , Perlah è una ragazza  usata e abusata senza ritegno, Theodore un uomo potente senza scrupoli a cui basta pagare per poterne disporre a piacimento. Inviso alla lettrice per la sua prepotenza e la sua anaffettività - aventi radici, lo si scopre in un secondo momento,  in un passato crudele -  l' uomo cerca il massimo del degrado di se stesso, e pensa di trovarlo nella prostituta  senza futuro e senza più sogni, giunco sottile e in balia dei venti che pur esposto a qualsiasi vessazione non si è ancora spezzato . L' incontro impersonale e  nelle intenzioni di lui unicamente a sfondo sessuale   - lei non può mai decidere nulla, la sua verosimile impotenza è agghiacciante, destabilizzante  - ha dei risvolti imprevisti per entrambi, ed è destinato  a cambiare radicalmente il corso delle loro esistenze.  Il romanzo non è esplicito nel linguaggio - l' autrice è in grado di trasmettere tutta la volgarità e l' orrore del mondo della prostituzione con freddezza ed empatia ( o assenza di essa ) ma senza scurrilità-   e il tono d' insieme è  estremamente brutale e prevaricatore, spesso amorale:   per questo,  soprattutto nella prima parte della storia risulta disturbante. Ed è proprio questo disagio indotto al lettore il suo punto di forza: la purezza che scaturisce dalla bassezza,   le metamorfosi interiori dei due personaggi ,  il cambiamento seppur a piccolissimi passi degli equilibri tra Theodore e Perlah , sono il clou di una storia appassionante  in cui la speranza  e la lotta vengono ritrovate e coltivate,  in cui l' amore può salvare e la sua assenza distrugge. Nero velluto è una lettura avvincente  consigliata ad un pubblico cosciente di approcciare temi sordidi e desolazione: vale assolutamente la pena affrontarli e lasciare affiorare dalla malinconia e dal veleno  un sentimento tenace,  pulito e salvifico.    


https://www.facebook.com/SDBuzzi/