venerdì 16 novembre 2018

RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE #204

Buon venerdì Lettori!
Ecco le proposte di questa settimana, io ho già scaricato l'anteprima di quelli che hanno attirato la mia attenzione, spero troviate anche voi uno o più titoli che vi tengano compagnia nei prossimi giorni. 
Buon weekend!  




RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE








Titolo: La ragazza della rambla
Autore: Jay Falco
Editore: PubMe Collana Floreale
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 169
Ebook: 0.99
In abbonamento con KU
Trama:  Andrea è un giovane trentenne laureato e con una rendita che gli permette di vivere senza problemi... Il lavoro per lui è un optional nel difficile mondo del giornalismo. Mentre la caccia alle ragazze un successo, per essere un vero e proprio “macho” biondo e con gli occhi azzurri.
L’attentato sulla Rambla lo porta a Barcellona ma lì, oltre alle turiste, ci sono le catalane.
Seduto al tavolo di un locale, Andrea è colpito dallo sguardo magnetico di Aline, e anche se i due non partono col piede giusto, quella che sembrava soltanto una ragazzina bellissima e viziata, si trasforma presto nel suo sfuggente oggetto del desiderio.
Ma la ragazza conosciuta sulla Rambla de Les Flores non è solo questo. Andrea sta per scoprire il più intimo dei suoi segreti...




Titolo: La mia prigione è una stanza spoglia
Autore: Francesca Cay
Editore:  Self publishing
Genere:  Narrativa Racconti
Pagine: 111
Prezzo: 5,99     Ebook: 0,99
In abbonamento con KU
Trama: Un ragazzo riflette sulla sua vita guardando l’oceano. Nella baia rossa di sangue è in atto la mattanza dei cetacei. Con la mente torna ai richiami dell’infanzia, al padre pescatore complice di quel massacro, alla profonda nostalgia di casa, nonostante tutto.
Una donna prepara minuziosamente la cena persa nel dolore della perdita più grande, quella di suo marito. Una cena speciale, l’ultima della loro vita, è un rito.
Una giovanissima prostituta cerca la libertà, il riscatto dalla schiavitù e dal dolore.
Una figlia vede la propria madre precipitare nell’oblio dell’alzheimer e perdere lentamente coscienza di sé.
Una ragazza riflette sull’indifferenza, una bambina sulla morte, una madre piange la conseguenza della sua follia.
Amore e nostalgia guidano i protagonisti di queste storie, prendendoli per mano li riconducono al passato, a rivisitare i momenti più delicati delle loro vite. Si fanno i conti con i ricordi, con i sensi di colpa, con le proprie paure e con la morte, spesso presente come compagna risolutrice. Sette racconti, sette squarci di vita, sette finestre spalancate sull’animo umano.






 Titolo: Fermo! La scimmia spara
Autore: David Cintolesi
Editore: Porto Seguro Editore
Genere:  Pulp surreale
Pagine: 209
Prezzo:  14,90
Trama: Cosa succederebbe se la notte di due ragazze sotto allucinogeni, si trasformasse improvvisamente in un set di un film horror, con zombi assassini e cantanti che si tramutano in bestie cannibali? Se un ragazzo, senza arte né parte, fosse tormentato dalla sua pornostar preferita? E se tua moglie ti stesse osservando di nascosto da delle telecamere, e la tua sorte dipendesse da un dipinto di Banksy? E se la notte di due ladri strampalati, durante l'ultimo colpo prima di cambiare vita, fosse minacciata da un serial killer che taglia i piedi alle sue vittime? Dieci racconti che mescolano tutti i generi: grottesco, commedia, pulp, horror, thriller, noir ma, che trovano in una vena ironica, il loro punto in comune.






Titolo: Gioca con me
Autore: Bibi Rouge
Editore: Self publishing
Genere: New adult Erotico
Pagine: 420
Prezzo:  10,39    Ebook: 0,99
Trama:  Rimini, giorni nostri.
Durante gli esami di maturità, Beatrice Ricci inizia un flirt con Lucio Fabbri, il fratello della sua migliore amica. Presto, però, quella che è cominciata come una semplice avventura si trasforma in qualcosa di totalizzante, un’iniziazione che le fa abbandonare il mondo protetto dell’adolescenza per trasportarla in quello degli adulti. Lucio le chiede di giocare, lei accetta e non si tira indietro, quando è il momento di prendere l’iniziativa. Insieme esplorano, osano, vivono fantasie che di fatto per molti sono lecite soltanto nell’immaginazione. Che cosa succederebbe, però, se una fantasia prendesse forma nella testa e, soprattutto, nel cuore di Beatrice? Un altro ragazzo entra in scena: Alberto Casadei, un compagno della squadra di nuoto di Lucio. E lui non è tipo da accettare un triangolo…






Titolo: Dove cadono le stelle
Autore: Piero Piazzolla
Editore: Self publishing
Genere:  Narrativa rosa
Pagine: 224
Prezzo:  4,52    Ebook: 0,99
In abbonamento KU
Trama:   Tra passato e presente, Fabio si ritrova a ripercorrere gli ultimi cinque anni, vissuti in America dopo aver accettato un nuovo incarico lavorativo. Una sorta di diario della sua memoria, che riporterà alla luce gli errori commessi con Anna e i tanti propositi di riconquistarla. 
A volte, bisogna perdersi per potersi ritrovare. Dopo tante relazioni occasionali, capirà d'avere ancora bisogno di quell'amore mai dimenticato. Ci sono persone che, quando le rivedi, tutto ricomincia dal momento esatto in cui vi eravate interrotti. Fabio si ritroverà a sperare che con Anna andrà esattamente così...







Titolo: Il mistero della torre
Autore: Salvatore Paci
Editore:  Edizioni Esordienti E-book
Genere: Gialli, suspense
Pagine: 168
Prezzo:  11,90    Ebook: 3,49
Trama:  Tra le viuzze e le piazze di un paesino siciliano degli anni Sessanta, il giovane Filippo vive la sua vita tranquilla, semplice e abitudinaria. Gestisce una bottega di generi alimentari e, orfano da tempo, ha come compagni di vita un ex professore di latino molto avanti negli anni e il suo inseparabile cane. Fino a un certo punto tutto sembra procedere con i ritmi di sempre: casa, lavoro, Zio Cono e Nicu. Sembrava. Perché il destino ha deciso diversamente. A stravolgere tutto sarà l'incontro con Teresa — una donna sposata con colui che presto diventerà il suo migliore amico — e l'acquisto di una villa misteriosa nella quale accadono cose sempre più strane. La passione per Teresa e il fascino arcano che la villa emana prenderanno il sopravvento sulla ragione. Ciò che accade nella Stanza della torre è indefinibile e Filippo dovrà far affidamento su tutte le sue energie per non sprofondare nel baratro della pazzia. Un romanzo ricco di mistero, passione, tensione.



Titolo:  Innamorarsi un po'
Autore: Simona Frio
Editore: Self publishing
Genere:  Romanzo rosa
Pagine: 118
Ebook: 0,99
In abbonamento con KU
Trama: Possono una valigia e un libro causare scompiglio nella vita di una persona? Eccome! Portia lo sa benissimo, soprattutto quando si trova a dover scambiare il proprio trolley con quello di un certo Sirk Meyer, residente niente meno che nel castello di Ludovico II di Baviera... Ma, mancano pochi giorni al Natale, il tempo non fa che peggiorare e lei si trova costretta ad accettare ospitalità proprio a Hohenschwangau, bloccata da un diluvio universale. Complice il libro, un romanzo alquanto piccante, Portia e Sirk saranno costretti a stringere un patto pur di salvare Charlotte. 
Ma, chi è Charlotte?
Introduzione a cura delle scrittrici Amanda Foley e Simona Liubicich





Titolo: Segreti e bugie
Autore: Laura Schiavini
Editore:  Self publishing
Genere:  Narrativa
Pagine: 141
Ebook: 1,99
Trama:  Romanzo epistolare basato su una storia vera.
L’autrice ripropone, in versione e book, un romanzo uscito a puntate su una nota rivista di narrativa femminile, basato su una storia vera.
Stella, una ragazza di venticinque anni in procinto di sposarsi, riceve una lettera firmata da una donna, Nora, che vive a Londra e che sostiene di essere la sua madre naturale.
Sulle prime pensa che si tratti di uno scherzo di cattivo gusto. Lei ha già una madre: Teresa. E un padre: Alfredo. Ha pure un fratello, Giorgio, con cui non va molto d’accordo.
Ma quando chiede spiegazioni ai suoi genitori si scontra con un muro di omertà: Teresa e Alfredo, pur non negando che Nora dica la verità e nonostante le insistenze di Stella, si rifiutano di parlare del passato e di darle spiegazioni. Profondamente ferita e in piena crisi di identità, Stella si trasferisce da Stefano, il suo fidanzato, chiudendo momentaneamente i ponti con la sua famiglia.
Tuttavia non è disposta ad andare avanti con la sua vita, prima di aver dipanato le ombre che la minacciano.
L’unica che può aiutarla a scoprire la verità è Nora, alla quale Stella decide di rispondere.
Nasce così, fra madre e figlia, un rapporto epistolare che chiarirà molti punti oscuri, fra cui la tormentata storia d’amore fra Nora e suo padre. Scambiandosi prima lettere poi una serie di e mail madre e figlia imparano a conoscersi avvicinandosi l’una all’altra. Perché, come sostiene Nora, “la parola scritta è più pacata e meditata, consente di tornarci su, limare e correggere…”
Ma la verità ha due facce e, a causa di un evento imprevisto e tragico, Stella scopre un’altra verità, che non coincide con quella riferita da Nora.
Tuttavia Stella non si dà per vinta, con tenacia e determinazione cercherà di smontare l’impalcatura di Segreti e bugie che ha condizionato pesantemente il passato di tutti.




"Unstoppable" è l'attesissimo sequel di "Invincible"

Titolo: Unstoppable
Autore: Marta Maddy
Editore: PubMe Collana Floreale
Genere:  Dark romance
Pagine: 281
Ebook: 0,99
Trama: «Allora ragazzina, sei pronta per tornare all’inferno?»
«Credo di non essermene mai andata!»
Liam Ryders rischia di perdere tutto quello che ha costruito a causa di Mia Carter, la donna che ha stravolto il suo mondo e tutto ciò in cui credeva. Ora, per sopravvivere, non gli resta che una scelta: trovarla e ucciderla! Ma se rivedere i suoi occhi fosse come riscoprire anche un pezzo di sé? E se Mia non fosse più soltanto un’ingenua e docile preda? Bugie, tradimenti, conti in sospeso, vite da spezzare… niente è come sembra, tutto è ancora da decidere. Il diavolo è tornato e ha intenzione di riportare la sua ragazzina all’inferno!
N.B. **Il romanzo contiene scene destinate ad un pubblico adulto e consapevole.**




Titolo: Dimentica le nuvole
Autore: Cinzia La Commare
Editore: Self publishing
Genere:  Romance contemporaneo
Pagine: 406
Prezzo:  9,99   Ebook: 0,99
In abbonamento con KU
Trama:  Un paesino tra le Alpi del Trentino.
Una giovane dottoressa arrivata dalla città, un malgaro scontroso e un'antica rivalità mai risolta.
Le leggi dell'amore però non seguono logiche e certe volte non possono essere ignorate...











Titolo: Follow my shivers
Autore: Sea Leila
Editore: Self publishing
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 288
Ebook: 2,99
In abbinamento con KU
Trama:  "Esisto solo se resisto."
Questo è il motto di Amélie Blanco, ventiquattro anni, una vita segnata da un destino ingiusto e da inganni inferti da chi avrebbe dovuto proteggerla. La sua esistenza scorre abbastanza tranquilla tra le pareti del piccolo appartamento, affacciato sulla Rambla, che condivide con la sua migliore amica, Viki.
In un giorno qualunque, mentre i tetti di Barcellona iniziano a bruciare sotto i raggi del sole rovente e la sabbia ne custodisce il calore, Gabriel entra nella sua vita.
Nascosto dietro ciuffi ribelli, un fascino Bohèmien e due occhi grigio verdi, capaci di soggiogarla e imbarazzarla, cattura Amélie nel suo incantesimo.
Ma in quelle iridi specchiate, forse magiche o forse maledette, sembra esserci nascosta una verità che lui stesso cerca di omettere.
Cosa accadrebbe se, osservandole da vicino, Amélie scoprisse che quella verità ha la stessa faccia del suo dolore?
*ROMANZO AUTOCONCLUSIVO*
* ATTENZIONE *
Il romanzo contiene scene di sesso. Se ne consiglia la lettura a un pubblico consapevole.


lunedì 12 novembre 2018

COVER REVEAL - BRIANNA DI WIAS Daniela Jannuzzi



Quello di oggi è un cover reveal al quale tengo in modo particolare, in virtù del mio legame con  Daniela Jannuzzi e con questo suo romanzo che ho avuto il piacere di vedere nascere , evolvere e  compiersi capitolo  dopo  capitolo :  interiorizzandolo a tal punto da arrivare a sognarlo!
Elaborato con cura e ponderazione, ma anche con originalità e grande passione da un' autrice della cui penna  non è consigliabile  dare niente per scontato fino all' ultima pagina di una storia, Brianna di Wias è avvincente, spietato e al contempo empatico: forte di una ricostruzione storica coerente e meticolosa, e di una trama assai articolata  impreziosita da sequenze corali efficaci, la vicenda che scaturisce  dalla penna incisiva di Daniela Jannuzzi è modellata su  protagonisti tridimensionali, divorati da pulsioni e passioni sia salvifiche che venefiche . Il vizio e l' altruismo, l'aridità e il sentimento, l' egoismo e il sacrificio duettano e duellano come la determinazione  di Brianna e di Sir Gareth nel tentativo di entrambi di prevaricare l' una sull' altro, regalando al lettore un' avventura tra le righe drammatica e oltremodo appassionata. 
Literary Romance ha reso possibile questo viaggio tra le righe con la  dedizione,  la serietà e la competenza che la contraddistinguono,  tra i numerosi contributi attribuendo a Brianna di Wias una cover variopinta ed evocativa e  un booktrailer   stimolante,  in  perfetta sintonia  con lo spirito del romanzo di Daniela Jannuzzi. 
Buona visione!


Dal 15 Novembre 2018 

Literary Romance 
BRIANNA DI WIAS 
DANIELA JANNUZZI 


genere: rosa  storico 
pagine: 394
prezzo ebook: € 2.99
QUI il link Amazon  per il preorder 
QUI il link Kobo per il preorder 

La Trama

La vita non è stata generosa con Brianna di Wias. Rimasta orfana di madre alla nascita, non è che una ragazzina quando è costretta a dire addio anche al padre. Da quel giorno, l’unico obiettivo di Brianna diventa quello di salvare la sua gente perché nessun bambino sia più costretto a patire ciò che ha sofferto lei.
In una terra devastata da guerre e miseria, la sua unica fonte di gioia è rappresentata dall'amore che vede sbocciare e crescere tra la cugina Tallia e Rori, suo amico d'infanzia.
Confortata da quell’affetto, ella vive una doppia esistenza: di giorno aiuta alla fattoria degli zii, ma di notte cerca in tutti i modi di sabotare i piani del terribile re Oghren.
Il destino, però, ha in serbo un'amara sorpresa: ben presto, il suo cammino si scontra con quello di Sir Gareth di Leithian, temuto guerriero al soldo della corona.
L'odio che prova per quest'uomo, a cui imputa le misere condizioni in cui versa la sua gente, finisce per consumarla. Ma non sarà solo contro di lui che si troverà a combattere: un sentimento mai provato prima, nascerà dentro di lei. Riuscirà l’amore a prevalere sull’odio?

Mentre l'eco di un'antica profezia risuona tra la foresta e le fredde pietre del castello di Black Storm, Brianna si troverà a dover scegliere tra la sua felicità e il destino della sua gente.

Il Booktrailer








L' Autrice 

Daniela Jannuzzi, classe ’78, nasce a Messina ma vive a Lipari da quindici anni, dove ha modo di coltivare la sua passione infinita per i libri e la scrittura che, nata insieme a lei, diventa presto la sua arte e passione più grande. 
Adora la natura, gli animali e vive in campagna circondata dal verde, tra paesaggi mozzafiato da cui trae l’ispirazione per le sue opere letterarie. Tuttora commessa in un negozio, dedica però ogni minuto libero alla scrittura, perseverando con passione per realizzare i suoi sogni. 
Dopo il suo esordio letterario avvenuto nel 2013 con il romanzo: Il cuore e la maschera, ha proseguito nella sua carriera pubblicando altre opere e partecipando a concorsi letterari con ottimi risultati. A settembre 2014 ha pubblicato il racconto lungo: La bambola, edito da Lettere Animate. Il 13 gennaio 2015 è uscito per Delos Digital (passioni romantiche) il racconto lungo “La maschera del passato”. A marzo 2016 pubblica “Toivoa”, un romanzo di formazione per ragazzi, con la casa editrice Bibliotheka edizioni. Ad aprile 2016 vede la luce “Nessuno è perfetto”, edito da Omnia One Group editore, un urban fantasy sui vampiri.
Per la Literary Romance fa il suo esordio con “Brianna di Wias”.

#advertising 

venerdì 9 novembre 2018

RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE #203

Buongiorno Lettori!
Eccoci arrivati alle porte del weekend. Cosa meglio di una nuova lettura può accompagnare i giorni di relax e spensieratezza?
Ecco le proposte di questa settimana. Buone e rilassanti letture!




RUBRICA SEGNA(LA)LIBRO TRICOLORE 




Titolo: Cuore barbaro
Autore: Lucia Cantoni
Editore: Self publishing
Genere: Historical romance
Pagine: 277
Ebook: 0.99
In abbonamento con KU
Trama:  777 d.C
La guerra imperversa tra il popolo franco e quello longobardo per il controllo del nord Italia e del ducato del Friuli. 
Biancofiore di Garold, figlia maggiore di un membro di spicco dell’aristocrazia longobarda, si vede costretta a uno straordinario atto di coraggio: offrirsi in pegno al nemico pur di salvare la vita della sua famiglia.
Rhies di Friulf è il fratello nonché capo delle guardie del nuovo duca del Friuli, il suo animo impetuoso, ma giusto lo spinge a salvare le sorti della giovane fanciulla rinchiusa nelle segrete della loro fortezza, prendendola in moglie. 
Tuttavia, per Biancofiore essere sposata al nemico non sarà la prova più difficile da affrontare… non quando il vero avversario sarà il suo cuore.
Nella corte di Carlo Magno, tra guerrieri, antichi amori e leggende, solo il più puro tra i sentimenti guiderà alla vittoria.



 Titolo: Il soldato divenne quello per cui era nato
Autore: Olivia Ross
Editore: Self publishing
Genere:  Narrativa rosa
Pagine: 304
Prezzo:  9,99   Ebook: 1,99
In abbonamento con KU
Trama:   Un amore non convenzionale, di quelli travolgenti ma che ti inducono anche a osteggiare la realtà dei fatti, che a volte sfianca, sfinisce, però è anche pura bellezza. 
Un amore che sembra una lotta, ma che spinge a dare il meglio di sé, a pretendere, a non accontentarsi; una relazione che emoziona, coinvolge, attrae.
Sogni che si accantonano per combattere il terrorismo, necessità di trovare una pace interiore che aiuti a vivere intensamente ogni giorno senza più il pericolo che tutto finisca improvvisamente. E poi un dipinto che con la sua storia sovverte il destino di chi lo possiede. 
Le cose non sono mai semplici come appaiono, non lo sono per niente, ci sono mille insidie, emozioni contrastanti da assorbire, voleri che non possono essere appagati, ma è proprio per la difficoltà di affrontare le insidie che la vita assume quel valore inestimabile che dà un tocco magico alla storia.




 Titolo:  Wahya
Autore: Luca Martina
Editore: Self publishing
Genere:  Paranormal thriller
Pagine: n.d.
Ebook: 1,79
In abbonamento con KU
Trama:  "La natura è una madre, e in quanto tale essa cura, nutre e protegge i propri figli.
Ma una giusta madre sa anche punire quei figli che non le riconoscono rispetto e che peggio ancora la offendono.
Wahya è un araldo dell’ancestrale spirito creatore.
E reca con sé un castigo che si rivelerà terribile."












 Titolo: La casa delle streghe
Autore: Claudia Piano
Editore: Self publishing
Genere: Racconto
Pagine: 27
Ebook: 0,99
In abbonamento con KU
Trama:   Ciao, mi chiamo Melissa, Mel per gli amici. Ho tredici anni e abito nella bellissima casa padronale su sulla collina chiamata “La Casa del Pino”, assieme alla nonna Ortensia e a molte altre cugine e consorelle. 
La mamma è scappata di casa quando aveva poco più di quindici anni e, adesso che ne ho compiuti tredici, la nonna mi tiene d'occhio come un falco, anzi come un piccione… Poi vi spiegherò. 
Lei e la mamma si odiano, praticamente non si parlano da anni, solo perché la mamma non ha mai voluto accettare il nostro stile di vita.
Ah, dimenticavo, noi siamo Streghe...





Titolo: L'identità perfetta
Autore: Sarah Arenaccio
Editore: Self publishing
Genere: Narrativa
Pagine: 202
Prezzo:  9,98   Ebook: 2,99
In abbonamento con KU
Trama:   Dario ha quasi sette anni quando si trasferisce in città con sua madre. Ha una passione sconfinata per la matematica ed è un bambino all'apparenza un po' strambo, ma non per Laura, che decide di trascinarlo per un braccio nel mondo e mostrargli come ci si sente a essere tanto diversi da lui. Crescono insieme, scontrandosi con la realtà della vita, senza mai riuscire a comprendere l'altro, ma soprattutto se stessi. Perché, se è facile imparare a contare, la vera difficoltà è arrivare a capire cos'è che conta davvero.
In fondo, le incognite dell'esistenza e quelle matematiche non sono poi così diverse: siamo tutti in qualche modo alla ricerca dell'identità perfetta.






Titolo:  Fiocchi di neve e bianche bugie
Autore: Carragh Sheridan
Editore: Self publishing
Genere: Narrativa rosa
Pagine: 103
Prezzo:  5,99   Ebook: 0.99
In abbonamento con KU
Trama:    Graham Cooper è un genio della moda. Uno stilista affermato e riconosciuto non solo a New York dove c'è il principale punto di una catena di atelier e la sede del suo brand. Lo stesso marchio che è un'icona di eleganza a livello mondiale.
Professionalmente è ineccepibile. Invidiato, adorato e stimato anche se i magazines di gossip pubblicano in continuazione pezzi sulla sua movimentata vita privata e sui suoi frequenti flirt con bellissime donne. È popolare ed è una sorta di maestro da cui ogni aspirante stilista vorrebbe imparare. E tra queste aspiranti c'è anche la giovane e talentuosa Alisha Taylor che crede di poter vivere finalmente il suo sogno quando riesce a ottenere un lavoro come sarta nel prestigioso atelier Cooper di New York.
Alisha viene da Wolf Lake, un piccolo paese di provincia, dove ha imparato a tenere l'ago in mano fin dalla tenera età ed è cresciuta in mezzo ad abiti, pizzi, tessuti e cartamodelli nel piccolo atelier gestito da sua madre e sua zia.
Il grande Graham Cooper la prende sotto la sua ala protettiva, la plasma e le insegna tutto ciò che lui stesso conosce sulla moda, che ha imparato negli anni di duro lavoro che lo hanno portato a essere ciò che è diventato. Tre anni di lavoro insieme, giorno dopo giorno, fianco a fianco fino a trasformare Alisha in una delle migliori stiliste dei suoi atelier. Tre anni di solo lavoro perché, nonostante la nomea che circonda il prestigioso stilista, con Alisha l'uomo ha un comportamento irreprensibile, professionale, addirittura distaccato. Nonostante ciò la ragazza cade inesorabilmente vittima del suo fascino pur sapendo che il suo è un amore non ricambiato. La notizia della perdita improvvisa della madre, però, obbliga Alisha a lasciare New York e tornare a casa per un periodo. Una volta lontana dal logorante stress di un ambiente scintillante ma crudele come quello dell'alta moda, dalle tensioni che ormai consumano la sua esistenza quotidiana nella grande città e convinta che continuare a rimanere accanto a Graham diventerebbe solo una straziante tortura per un amore impossibile da vivere, decide di non tornare più indietro, restare a Wolf Lake e lavorare nel piccolo atelier che dopo la morte di sua madre dirige sua zia Cora.
Ma Graham Cooper non è dello stesso avviso. Non sopporta l'idea di perdere la miglior stilista che ha formato in tanti anni, come non è disposto a perdere una donna che forse, si è reso conto, non è solo un talento della moda come ha creduto fino al momento in cui lei è partita lasciando al suo posto un vuoto e il timore di non rivederla più. Così poche settimane prima di Natale, Graham prende il primo volo che parte da New York con la ferma intenzione di andare a riprendere Alisha e riportarla indietro.





Titolo: Il rimbalzo del gatto morto
Autore: Giuseppe Siino
Editore: Streetlib
Genere:  Narrativa
Pagine: 320
Prezzo:  8,42   Ebook: 0,99
In abbonamento con KU
Trama:   Roberto è un ragazzo brillante e la sua vita scorre tranquilla fino a quando un giorno, lungo la sua strada, compare Camilla, una donna sfuggente e misteriosa, che lo ammalierà trascinandolo nel promettente mondo della Borsa e dei mercati finanziari. Una scelta sbagliata porterà Roberto a perdere tutto ciò che ha: il lavoro, la casa, i risparmi di una vita, compreso l’affetto di Michela, una giovane amica innamorata di lui da tempo. Con il perenne tormento di riprendersi tutto ciò che la vita ingiustamente gli ha tolto, il cammino di Roberto si incrocerà con quello di altri personaggi grotteschi: una postina che non consegna le lettere, un commerciante che odia i cinesi, un famigerato playboy, e due poliziotti in cerca del caso perfetto. Camilla, braccata da un passato controverso, finirà suo malgrado per intrecciare le loro esistenze cambiando per sempre i loro destini. Travolto dagli eventi di una realtà a lui sconosciuta, in una notte di tempesta, Roberto scoprirà sulla sua pelle che a volte bisogna perdere tutto ciò che si ha per scoprire ciò che si vuole veramente.




Titolo: Enchanted. L'inganno del corvo
Autore: Chiara Mineo
Editore: Self  publishing
Genere: Fantasy
Pagine: 129
Prezzo: 12,48    Ebook: 0,99
In abbonamento con KU
Trama:  La vita di Sky è sempre stata popolata da fantastiche storie, libri di fiabe custoditi nel negozio d’antiquariato dei suoi nonni. La sua vita scorre come quella di una qualsiasi liceale finché, un giorno, non incontra Carter. Dal momento in cui i loro sguardi s’incontrano, Sky comprende che la sua vita è destinata a cambiare. Misteri aleggiano intorno al giovane, Sky avverte qualcosa di strano strisciare sulla sua pelle: ogni suo tocco è in grado di trasmetterle un dolore lancinante, un dolore che richiama a sé lacrime amare. L’incontro con un corvo e un gatto sconvolgerà la sua vita. Ma cosa può fare Sky quando i Gargoyles invadono la città di Charleston? Sky può solo fuggire e per farlo attraverserà lo specchio incantato. Un mondo a lei sconosciuto, popolato da creature fantastiche, si presenta ai suoi occhi. Un regno al quale si rifiuta di credere, spaventata dalla crudele verità che nasconde. Un’antica storia divide i quattro regni collegati dall’Enchanted, il bosco incantato. Il popolo ha bisogno d’aiuto per riconquistare la felicità e le terre perdute, prima che la sterilità del Regno d’Inverno cancelli ogni incanto. Sky dovrà mettersi in viaggio per riappacificarsi con la Regina di Ghiaccio, colei che governa il Regno d’Inverno e così scoprire la vera se stessa. Ma cosa attende Sky nel mondo incantato?Un Regno fiabesco, dove l’impossibile diventa realtà. A Sky sarà affidato il compito di salvare il Regno, ma chi è veramente il giovane che cammina al suo fianco? 







lunedì 5 novembre 2018

MACCHINE MORTALI Philip Reeve Anteprima

Pubblicato per la prima volta in Italia nel 2004, ripubblicato nel 2013 con il titolo Hungry city, sta per tornare sugli scaffali il romanzo post apocalittico di Philip Reeve, Macchine mortali che ha ispirato il nuovo lavoro cinematografico di Peter Jackson, già regista de Il Signore degli Anelli. Personalmente ho già sul comodino Hungry city e sono molto, molto curiosa di immergermi in un contesto dove città grandi mangiano città più piccole e dove ragazzi coraggiosi sfidano il sistema... Sono pronta a scommettere che tra le righe ci sia un messaggio sociale profondo e toccante. 






Mondadori Chrysalide 


DA QUESTO ROMANZO IL FILM DI PETER JACKSON, 
NELLE SALE DA DICEMBRE 2018



Dal 13 Novembre in libreria 


MACCHINE MORTALI 
Philip Reeve

Traduttore: M. Bastanzetti 
Collana: Chrysalide
Genere: Fantasy, fantascienza
Pagine: 264
Prezzo:  17,50
Ebook: 8,99



Trama


In un futuro prossimo post-apocalittico, in seguito a un olocausto nucleare che ha causato terribili sconvolgimenti geologici, le città sono diventate enormi ingranaggi a caccia di altre città di cui cibarsi per sopravvivere. Tom, giovane Apprendista Storico di Terza Classe, lavora nel museo di Londra, una delle città più potenti. Un caso fortuito porta il ragazzo a sventare il piano omicida di Hester, una giovane orribilmente sfigurata che attenta alla vita del capo della Corporazione degli Storici, l’archeologo Valentine. Prima che la misteriosa ragazza si dilegui, Tom riesce a farsi rivelare la sua identità. Ma, da quel momento, da eroe si trasforma in preda.


L'autore



Philip Reeve, nato a Brighton nel 1966, ha iniziato a scrivere storie da quando aveva solo cinque anni. Ha lavorato come libraio e come illustratore, fino a quando non ha deciso di dedicarsi completamente alla scrittura.Ha conquistato il pubblico con il suo romanzo d'esordio, Macchine mortali (Mondadori 2004). Da allora ha riscosso grande successo, aggiudicandosi premi prestigiosi come la Carnegie Medal, il Guardian Children¿s Fiction Prize, lo Smarties Book Prize e il Blue Peter Award. Con Mondadori ha pubblicato anche Freya delle Lande di Ghiaccio (2005), il seguito di Macchine mortali.




Le edizioni precedenti sempre edite Mondadori

2004



2012






DAL 13 DICEMBRE AL CINEMA
PER LA REGIA DI PETER JACKSON

(Locandina non ufficiale, fonte Cineon)

Sinossi del film 

Migliaia di anni dopo la distruzione del mondo civilizzato a causa di un cataclisma, la razza umana si è adattata e si è evoluta con un nuovo stile di vita. 
Gigantesche città in movimento vagano per la Terra, prendendo brutalmente di mira le più piccole città trazioniste. Tom Natsworthy (Robert Sheehan)—proveniente da una classe inferiore della grande città trazionista di Londra—si ritrova a dover combattere per la sopravvivenza dopo essersi imbattuto in Hester Shaw (Hera Hilmar), una pericolosa fuggitiva.
I due opposti, i cui sentieri non avrebbero mai dovuto incontrarsi, sigleranno un’alleanza destinata a cambiare il corso del futuro.







Siete curiosi?
Seguite la pagina Fb dedicata al film, 
ogni giorno qualche novità nell'attesa dell'uscita nelle sale












PRIMO TRAILER ITALIANO







SECONDO TRAILER ITALIANO 






EMOZIONI E IMPRESSIONI DEL REGISTA E DEGLI ATTORI





Questo è un post di promozione gratuita, 
i riferimenti alle notizie sono presi dai seguenti siti:

www.librimondadori.it
www.cineon.it.
www.amazon.it 
www.youtube.com 


A UN PASSO DALLA VITA Thomas Melis Segnalazione e Intervista all' Autore


A un passo dalla vita, romanzo che mi aveva colpita  per grinta, lucida spietatezza e capacità di coinvolgere il lettore, in occasione del quarto anniversario della prima pubblicazione torna in una nuova edizione, con una cover diversa decisamente più inquietante e rispondente all' ambivalenza dei personaggi della storia, nonché con qualche modifica al testo. 
Dopo la pubblicazione di “Nessuno è intoccabile”, seconda opera di Thomas Melis uscita per la Butterfly di Reggio Emilia, l’editore pugliese Lettere Animate infatti ripropone ai lettori il romanzo con cui l’autore sardo si fece conoscere nell’ottobre del 2014. Come espresso dalla CE  nel comunicato stampa dedicato a questo evento, " L’opera di Melis è un noir/hard boiled dalle tinte fosche, ricco di colpi di scena, che ambisce a mettere in luce i drammi e le contraddizioni della cosiddetta “generazione perduta” attraverso la storia di un gruppo di giovani, nati negli anni ’80, decisi a scalare le gerarchie del mondo criminale di Firenze.
In una parabola incentrata sul narcotraffico e sul crimine organizzato, il romanzo racconta dei drammi di una generazione in balia delle proprie debolezze e dei propri vizi, imprigionata dentro un sistema socioeconomico che si è ribellato ai propri creatori, illusa dalle bugie attraverso cui una televisione grottesca l'ha cresciuta. Una storia di ingiustizie, tradimenti, amicizie e amori forti ma drammaticamente condannati."

L' Autore del romanzo ha gentilmente concesso un' intervista, dalla quale si evincono una  personalità forte, una conoscenza  molto approfondita   delle tematiche affrontate  , un acume impietoso. Ringrazio Thomas Melis per la disponibilità e l' esaustività nel raccontare la propria avventura tra le righe. 

Lettere Animate Editore 
A UN PASSO DALLA VITA 
THOMAS MELIS 






Genere: Noir/Drammatico
Pagine: 322
Prezzo : € 14.99
ebook : € 0,99 compreso nell' abbonamento Kindle Unlimited 
QUI il link Amazon per l' acquisto 



La Sinossi 
È una Firenze fredda, notturna e mai nominata quella che fa da palcoscenico alla storia di Calisto e dei suoi sodali, il Secco e Tamagotchi. La città è segnata dalla crisi globale, dietro l’opulenza patinata del glorioso centro storico si nasconde la miseria dei quartieri periferici. Calisto è intelligente, ambizioso, arriva dal Meridione con un piano in mente e non ha intenzione di trasformarsi in una statistica sul mondo del precariato. Vuole tutto: tutto quello che la vita può offrire. Vuole lasciarsi alle spalle lo squallore della periferia – gli spacciatori albanesi, la prostituzione, il degrado, i rave illegali –, per conquistare lo scintillio delle bottiglie di champagne che innaffiano i privè del Nabucco e del Platinum, i due locali fashion più in voga della città. Calisto vuole tutto e sa come vincere la partita: diventando un pezzo da novanta del narcotraffico. 
"Questo libro ha le qualità di un piccolo capolavoro". scrittura-mania.blogspot.it"
Una storia nuda e cruda, raccontata in modo magistrale". paroleacolori.com
"Un libro bellissimo, carico di spunti di riflessione, ma anche di adrenalina e di sentimenti." conilibriinparadiso.wordpress.com
"Melis ha uno stile, una capacità di narrare i fatti e di tenere con il fiato sospeso i lettori propri di uno scrittore affermato". lamaisondeilibri.blogspot.it
"Da leggere e rileggere". ithinkmagazine.com
"Un passaggio consigliato per qualsiasi aspirante autore che fatichi a trovare genialità nella propria scrittura". rivistaunaspecie.com 
"Un testo crudo, spudoratamente reale ed espressivo". chelibroleggere.blogspot.it 


Opinione di Charlotte 
Una narrazione incisiva, atta a restituire lo spaccato di una gioventù perdente in partenza: nullafacenti alle prese con tentazioni, vizi, ambizioni e valori di riferimento distorti e venali. Su tutti - politicizzati, borghesi, figli di papà, tossici, malavitosi - troneggia droga tutti i tipi: chimica, vintage, pesante, e soprattutto bamba, motore dell’ intera vicenda. 
A partire dal prologo, in modo scarno, asciutto ed essenziale viene delineata la personalità del protagonista . Calisto è un ragazzo problematico fin dall' infanzia, dominato da complesso di inferiorità e sentimento di rivalsa derivati dalla sua condizione di “ diverso venuto dal sud”. La sua rara intelligenza è al servizio dello spaccio e della criminalità fin dai tempi della scuola media, e all' età di 27 anni, in qualità di studente universitario, temporeggia fra locali esclusivi e status symbol, sballo e vuotezza: che solo raramente e per poco tempo riesce a mettere da parte a favore di spontaneità ed essenza autentiche, invariabilmente soffocate e sconfitte. L' impresa criminale che Calisto e i suoi " soci" si prefiggono è un pericoloso e inconsistente gioco di ruolo fatto di degrado: combattuto in nome del desiderio di appartenenza ad un branco di individui scelti in base alla loro posizione in una società oligarchica ed edonista: in cui il termine “ famiglia” non ha il significato che comunemente gli si attribuisce e in cui bisogna sapersi vendere, poiché a tutto e a tutti viene attribuito un prezzo.
Da queste premesse viene sviluppato un intreccio che a volte mi ha ricordato a grandi linee Trainspotting, a volte per certi versi Gomorra: una storia che potrebbe prestarsi ad una serie tv , ad una sceneggiatura da biopic o da film documentario.
Incalzante, ricco di personaggi e situazioni mai condannati in toto, mai definibili simpatici, A un passo dalla vita ha il grande merito di non essere impersonale e didascalico, e di lasciare intravedere in molte situazioni lo spettro evanescente dell’ anima negli individui più disparati: dalla ragazza facile, al trafficante albanese, allo sbirro cinico, tutto viene esaminato dallo sguardo impietoso di Calisto. In questo contesto Thomas Melis colpisce e affonda, si dimostra intenso emotivamente , sapiente nell’ impiego dell’ aggettivo d’ impatto, della frase essenziale e non infiorettata, del gergo giovanile e dell’ intercalare dialettale dosati con equilibrio ed efficacia a restituire immediatezza e autenticità alle scene da lui concepite.

Perché mai, infatti, avremmo dovuto accontentarci delle misere briciole che un paese corrotto come l’Italia era disposto a lasciare a chi come noi non era nato sotto una buona stella? Per nessun motivo l’avremmo fatto. Era giusto farsi spazio con ogni mezzo necessario, anche se questo voleva dire violare le regole e sporcarsi le mani... “Andava bene faticare, ma non come avevano fatto i nostri genitori. Non a quel prezzo “.

Duro spietato schietto, Thomas Melis in un variegato sottobosco di criminalità e povertà di ideali regala momenti di azione, di suspense e di poesia, senza perdere mai la luce tetra negli occhi . Calisto, affascinante nel suo acume ma decadente, “ sprecato” nella sua accidia, con la sua lucida analisi riflette sugli avvenimenti, si sofferma a trarre conclusioni: e nonostante non sia indulgente nè con se stesso nè con gli altri, riprende a rincorrere un obiettivo che sembra perennemente quasi raggiunto, ma che immancabilmente gli sfugge. Si ha pertanto la netta percezione che lui e gli altri protagonisti restino sempre indietro di un passo, non vivano mai appieno, e facciano immancabilmente i conti con se stessi e con la costante ambiguità tra la voglia di innocenza e l’ impossibilità di ottenerla, tra il disprezzo per il mondo in cui si trovano e la consapevolezza che in qualche modo gli appartengono: in questa realtà, avere una fede, un ideale è un miraggio, e più il lettore si addentra nel torbido, nel cattivo, più prende coscienza dello sconforto, della rassegnazione, del fatto che il confine tra arrivare ai vertici e precipitare in un baratro è davvero labile . A un passo dalla vita è una lettura davvero illuminante, che incuriosisce e stimola riflessioni inedite: con la sensazione latente che non esistano vincitori né vinti.

Intervista con l' Autore
Come e perché nasce questo progetto, frutto di un processo creativo e fantasioso, ma anche "sostanzioso" dal punto di vista dell'ambientazione e del contesto sociale illustrati?
“Il progetto nasce da un substrato di studi accademici, e personali, sul sistema socioeconomico occidentale e dalle mie riflessioni su questi. Un gruppo di ragazzi nati negli anni ’80, cresciuti nel contesto ultraliberista degli anni ’90, si trova ad affrontare la più grande crisi economica dalla Grande Depressione del 1929 e, soprattutto, si rende conto che la ricchezza e il benessere promessi dalla società e propagandati dal braccio mediaticamente armato della televisione non arriveranno mai. Peggio, i personaggi di A un passo dalla vita realizzano, anzi studiano sui libri dell’università, che per loro il futuro sarà caratterizzato da precarietà e miseria. Il romanzo racconta la reazione violenta, la scelta sbagliati di Calisto e dei suoi sodali, il Secco e Tamagotchi: venuti dal Meridione, decidono di scalare i vertici del narcotraffico di Firenze e di mettersi in affari con il crimine organizzato. La città toscana è stato lo scenario perfetto per ambientare questa storia di contraddizioni e ipocrisie, con un centro storico dalla bellezza eccezionale e i quartieri degradati della periferia”.

Come hai affrontato la stesura di questo romanzo? tempi, spazi, stato emotivo...
“Ho sentito molto il processo di creazione per tutta una serie di motivi: si trattava del mio esordio, si parlava della mia generazione e dei suoi problemi. Tieni presente che il libro è stato scritto a partire dall’estate del 2012, quindi qualche mese dopo la grande crisi dello spread che portò alle dimissioni del governo Berlusconi, nel novembre 2011, e, comunque, nel momento di maggiore violenza della recessione iniziata nel 2008. Mi trovavo come tanti a essere una statistica sul mondo del precariato, come Calisto e i personaggi del mio libro, quindi ero molto coinvolto nelle tematiche trattate. In questo scenario sociale ben definito è stata inserita una traccia noir, che mi consentisse di affrontare tutta un’altra serie di problematiche meno visibili. Per esempio in pochi sanno che Firenze è una delle principali città europee per consumo di stupefacenti (lo dicono le analisi scientifiche delle acque dell’Arno) e le attività criminali legate al narcotraffico, ai più livelli bassi, sono per la gran parte portare avanti da giovani appartenenti alla generazione di cui si parla nel romanzo. Per quanto riguarda i tempi e gli spazi, ho impiegato una decina di mesi, seduto davanti alla scrivania del mio appartamento di Cagliari, in completo silenzio e occupandomene per il massimo delle ore disponibili in una giornata”.

Quali sono le difficoltà maggiori che hai riscontrato e le componenti che invece  sono scaturite dalla tua penna in modo  più facile e spontaneo?
“Non c’è stata una distinzione di questo tipo. Non scrivo mai di getto e tendo a studiare molto prima di ragionare su un paragrafo, quindi non ho riscontrato il tipo di difficoltà o semplicità di cui parli. Il libro ha subito decine e decine di revisioni, che hanno reso il risultato finale profondamente diverso da quello che, in ogni caso, era stato raggiunto inizialmente dopo numerose riscritture”.

C'è qualcosa di te in uno o in alcuni personaggi? 
“No, i miei personaggi sono molto più spietati. Quello che ci accomuna è il modo di guardare il mondo secondo l’antica espressione homo homini lupus – l’uomo è un lupo per i suoi simili –, elaborata, nel romanzo, seguendo la visione pessimistica dell’umanità di filosofi come Machiavelli, Hobbes o Schopenhauer: la negatività, l’egoismo, la guerra e la violenza sono parte dell’animo umano e non scompariranno mai, lo insegna la storia. Il solo obiettivo socialmente realizzabile è quello di creare un sistema di istituzioni e di regole che limiti l’influenza del nostro lato oscuro.”

Nel romanzo sei molto cinico nel raccontare i giovani adulti e i legami che stringono fra di loro: cosa ti ha spinto a questo approccio assai critico?
“Come ti dicevo prima, è un approccio che esiste da millenni nel pensiero occidentale: non c’è niente di nuovo in questo modo di vedere le cose. La semplice analisi della realtà mi ha portato a costruire dei personaggi così cinici o descriverli in quei termini. A volte mi è sembrato di esagerare, di essere iperbolico, ma poi puntualmente mi è capitato di leggere le cronache dei giornali e di ritrovare situazioni tanto negative da non riuscire nemmeno a immaginarle”.

Cosa deve aspettarsi il lettore da questo romanzo? 
“Deve aspettarsi una storia che unisce un’analisi della società contemporanea e un racconto noir, in cui il disagio delle periferie e la ricchezza dei centri storici, il futuro assicurato delle dinastie di notabili e la disperazione di chi non ha mai avuto nulla, finiscono per intrecciarsi mostrando quanto siano diverse, ma anche uguali, le vite delle persone che si incontrano nelle strade delle nostre città.”

Quali sono gli elementi che rendono più " tuo" questo romanzo?
“Sicuramente il fatto di essere ambientato a Firenze, città che amo sin da quando sono bambino e in cui ho trascorso oltre sette anni della mia vita. Oltre a essere un romanzo sui temi di cui ho parlato, A un passo dalla vita è una dichiarazione d’amore alla città di Dante.”

È cambiata secondo te la nostra società da quando hai scritto la prima versione del romanzo? Cambieresti o approfondiresti qualche elemento dopo quattro anni? 
“La nostra società è cambiata molto da allora. Purtroppo è peggiorata, se possibile. Ai danni causati dalla globalizzazione, dall’ultraliberismo e dalla scomparsa della dimensione pedagogica della politica, si sono aggiunte le conseguenze devastanti dell’espansione incontrollata dei social network. Concetti di cui in passato ci si vergognava, come razzismo e ignoranza, oggi vengono esibiti con orgoglio da eserciti di cosidetti leoni da tastiera, gente che avvelena il clima politico e il contesto sociale, creando una situazione di violenza latente e di intolleranza manifesta. Mentre in passato, non dico nella Prima Repubblica ma ancora fino a meno di un decennio fa, i rappresentanti della politica esprimevano ideali più o meno accettabili, ma comunque proponendo alle persone un esempio di società e di comportamento – la dimensione pedagogica dell’arte politica, appunto –, oggi, gli esempi peggiori vengono proprio da chi ci dovrebbe governare. Credi che tutto questo non avrà effetto sulla psiche, sulla formazione e sulle scelte dei giovani di domani?”

In cosa somiglia e in cosa si discosta "Nessuno è intoccabile", il tuo romanzo successivo, da questo progetto? 
“Beh, sono entrambi dei noir decisamente torvi, ma sono molto diversi. A un passo dalla vita parla di un gruppo di giovani che reagiscono violentemente a una condizione di miseria sulla quale non hanno potere, una sorta di rivoluzione criminale. I personaggi di Nessuno è intoccabile sono invece uomini e donne che vivono da sempre in un mondo violento, regolato da leggi immutabili e non scritte che si basano sull’obbligo morale e sociale di vendicare le offese subite.”

Quali sono i tuoi progetti futuri? 
“Nel breve termine conto di continuare il ciclo di presentazioni del mio secondo romanzo, Nessuno è intoccabile. Il libro è uscito ad aprile di quest’anno ed è stato discusso davanti ai lettori in diverse città della Sardegna. Probabilmente ci sarà anche qualche evento legato alla promozione della nuova edizione di A un passo dalla vita. Sto poi iniziando il lavoro di ricerca preliminare per quello che forse sarà il mio terzo romanzo, ma siamo ancora in alto mare ed è troppo presto per parlarne.”

L' Autore 
Thomas Melis è nato a Tortolì, in Sardegna, nel 1980. Ha studiato presso le Università di Firenze e Bologna concludendo il suo percorso accademico nell’anno 2008. Nella vita si è occupato di progettazione su fondi comunitari e consulenza aziendale. Ha scritto per diverse riviste on line, dedicandosi ad analisi di politica interna e degli scenari internazionali. Attualmente gestisce un’attività commerciale, lavora come copywriter, crea contenuti per aziende attive sul web e, dal 2017, collabora con il sito di critica letteraria MilanoNera. La prima edizione di "A un passo dalla vita”, romanzo d'esordio, è stata pubblicata da Lettere Animate nel 2014, seguita l’anno successivo dallo spin off "Platino Blindato". Nell’aprile del 2018 è uscito “Nessuno è intoccabile”, il suo secondo romanzo, e a ottobre la nuova edizione di “A un passo dalla vita”

venerdì 2 novembre 2018

FIGLIE DEL MARE Mary-Lynn-Bracht Recensione

Un racconto così intenso da sembrare soffocante. La storia di Hana ed Emi mi ha completamente travolta, lasciandomi priva di parole per il dolore, la sofferenza e la vergogna che milioni di donne hanno dovuto subire solo perché donne. Figlie del mare è una denuncia per tutti gli abusi che quotidianamente vengono compiuti verso bambine e donne e per una pagina della storia che tutt’ora viene insabbiata e nascosta.





Longanesi


FIGLIE DEL MARE
Mary-Lynn-Bracht

Traduzione di K. Bagnoli
Collana: La Gaja scienza
Genere: Storico drammatico
Pagine: 370
Prezzo: 18,60
Ebook:   9,99




Trama

Corea, 1943. Per la sedicenne Hana sapere immergersi nelle acque del mare è un dono, un antico rito che si trasmette di madre in figlia. Nel buio profondo delle acque, è solo il battito del cuore che pulsa nelle orecchie a guidarla sino al fondale, in cerca di conchiglie e molluschi che Hana andrà a vendere al mercato insieme alle altre donne del villaggio. Donne fiere e indipendenti, dedite per tutta la vita a un'attività preclusa agli uomini. Nata e cresciuta sotto il dominio giapponese, Hana ha un'amatissima sorella minore, Emi, con cui presto condividerà il lavoro in mare. Ma i suoi sogni si infrangono il giorno in cui, per salvare la sorella da un destino atroce, Hana viene catturata dai soldati giapponesi e deportata in Manciuria, dove verrà imprigionata in una casa chiusa gestita dall'esercito. Ma una figlia del mare non si arrende, e anche se tutto sembra volerla ferire a morte, Hana sogna di tornare libera. Corea del Sud, 2011. Arrivata intorno agli ottant'anni, Emi non ha ancora trovato pace: il sacrificio della sorella è un peso sul cuore che l'ha accompagnata tutta la vita. I suoi figli vivono un'esistenza serena e, dopo tante sofferenze, il suo Paese è in pace. Ma lei non vuole e non può dimenticare... In Figlie del mare rivive un episodio che la Storia ha rimosso: una pagina terribile che si è consumata sulla pelle di intere generazioni di giovani donne coreane. E insieme vive la storia di due sorelle, il cui amore resiste e lotta nonostante gli orrori della guerra, la violenza degli uomini, il silenzio di oltre mezzo secolo finalmente rotto dal coraggio femminile. 



opinione di Persefone

«Sono una haenyeo» disse lei, guardandolo con furore. Le parole le salirono alle labbra come una confessione. «Come mia madre, e come sua madre prima di lei. Come lo saranno un giorno mia sorella e le sue figlie...ero solo una donna del mare, nient’altro. Né tu né nessun altro potete togliermi questo»

Ho ancora le lacrime mentre scrivo le mie impressioni su questo romanzo così intenso e straziante. La sofferenza che sono costrette a subire le due sorelle, Hana ed Emi, è perpetua e sconvolgente. Non esistono abbastanza parole per descrivere l’orrore di quello che realmente hanno subito oltre  200 000 donne  coreane e cinesi.  L’essere rapite, vendute e sfruttate come schiave sessuali; considerate beni di prima necessità per i soldati giapponesi.
La potenza del romanzo si cela proprio nella denuncia, nello svelare senza mezzi termini lo squallore e l’indecenza di certe realtà. Sottolineare che la guerra porta con sé solo morte e dolore, da entrambe le parti. Fratelli che si trasformano in nemici, i vicini di casa che diventano sospetti nei tuoi confronti, denunce infondate, fame e solitudine.
L’aspetto che l’autrice ha voluto evidenziare tramite il personaggio di Emiko è la rilevanza fondamentale della testimonianza e del ricordo. Bisogna raccontare per non far cadere nell’oblio le atrocità che milioni di donne hanno patito e continuano a patire ogni giorno in tutto il mondo. 
È stato straziante sapere che l’unico appiglio delle ragazze per sopravvivere erano le loro famiglie. Il ricordo delle risate di Emi sono state lenitive per il cuore ferito di Hana, l’hanno spinta a non lasciarsi morire, a continuare a lottare per la sua dignità e per la speranza di rivedere un giorno i visi dei suoi cari.  L’unica forma di gentilezza era la compassione che le ragazze dei bordelli condividevano tra loro,l’unico sentimento che le facesse ancora sentire degli esseri umani e non delle bestie. 
La scrittura dell’autrice è fluida ed incalzante; alterna momenti di poesia tramite i ricordi di Hana dell’isola di Jeju ai racconti diretti e senza filtri delle violenze subite nei bordelli.
Forse l’aspetto che mi ha realmente toccato è stato il legame indissolubile tra  le due protagoniste. Unite nella loro sorte di dolore e maltrattamenti, si aggrapperanno all’amore che le ha sempre legate per sopravvivere. Non lo sapranno mai, ma sono state l’ancora l’una per l’altra.
È stato per me un sollievo sapere che Hana, alla fine del suo tormento, abbia incontrato persone gentili. Ho realmente gradito che l’autrice le abbia donato una parvenza di serenità. Non avrei sopportato vederla spegnersi da sola, lontano da casa.
Figlie del mare è una romanzo potente e straziante, una lettura difficile e toccante. Mi sono sentita travolta e soffocare dall’intensità di questa testimonianza. I sentimenti che trasmette sono travolgenti e il dolore di queste ragazze è palpabile. Bisogna ricordare e lottare per avere giustizia, per tutte quelle ragazze strappate dalle loro famiglie e sfruttate come schiave. 

“Lei era arrivata proprio a bordo di uno di quei treni, classificata come generi di prima necessità sulla lista dei rifornimenti”




L'autrice 




Mary Lynn Bracht, scrittrice americana di origini coreane, vive a Londra. Tramite la madre, cresce a stretto contatto con una comunità di donne emigrate dalla Corea del Sud. Nel 2002 visita il villaggio dove è nata sua madre e lì sente parlare per la prima volta delle comfort women. Quel toccante viaggio e le successive ricerche hanno ispirato il suo romanzo d’esordio, Figlie del mare, in uscita in tutto il mondo.