martedì 10 febbraio 2015

L’AMORE È COME UN PACCO REGALO Barbara Schaer Recensione

Immaginate di aver progettato tutto, la casa, la proposta di matrimonio, l'anello, il futuro marito, il numero dei figli (un maschio e una femmina), il loro nome, la quantità  dei giorni belli, quella dei giorni brutti, i sorrisi, i pianti, le vacanze.... tutto insomma, proprio tutto. E nel momento esatto in cui ogni cosa sembra andare per il verso giusto, quando tutti i  pezzi di quel puzzle trovano la loro giusta collocazione, ecco che salta fuori un piccolissimo dettaglio: il secondo protagonista si accorge di avere programmi un tantino diversi ed esce di scena....un bel pasticcio in pratica, soprattutto perché ogni volta che un sogno, piccolo o grande che sia, viene distrutto calpestato e fatto a pezzi, ricominciare diventa un terreno instabile e terrificante. Si finisce per commettere errori irreparabili,  come versare un intero vassoio di flùte di champagne addosso alla cantante pop del momento,  star male con delle sbornie stratosferiche e finire per colpa di una semplice svista (e sottolineo semplice) nel letto sbagliato al momento sbagliato.....




L’AMORE È COME UN PACCO REGALO
Barbara Schaer 

 Genere: Romanzo rosa
Pagine: 306
Ebook: 0.99 €
Romanzo autopubblicato



Trama

Giada ha ventinove anni, lavora come grafica pubblicitaria in un ufficio sull'orlo del fallimento e l'unico sogno che coltiva da sempre è sposare l'uomo che ama e avere dei bambini. 
Tutti i suoi piani, però, falliscono quando il suo fidanzato la lascia all'improvviso. 
Tornata single dopo tanti anni deve decidere cosa fare della sua vita, e fra le sue liste di buoni propositi e i consigli non proprio convenzionali delle amiche e della madre incontra Sebastiano. 
Lui è il classico bello e dannato e non la considera minimamente. Lei è ben decisa a stargli lontana. Ma, complice una notte di follia di cui Giada non ricorda nulla, le loro strade collidono, si intrecciano, si complicano. 
Sebastiano accetta di aiutarla nel tentativo di riprendersi l'uomo che ama e nel frattempo le fa conoscere Michele che, gentile e ricchissimo, potrebbe rivelarsi proprio l'uomo giusto per lei. 
Protagonista di buffe peripezie che le danno una notorietà che decisamente non vuole, Giada dovrà capire cos'è che desidera davvero. Se aggrapparsi al passato, vivere la storia d'amore perfetta e tranquilla che farebbe felice sua madre, o abbandonarsi a quello che segretamente prova per l'uomo sbagliato.


Opinione di Sybil

Cari amici oggi mi sento davvero di buon umore! Sono affetta dai chiari sintomi di una sovraesposizione a raggi ultravioletti di categoria ironica-dolce-romantica! E il merito di tutto ciò va attribuito a Barbara Schaer che con il suo romanzo mi ha regalato un pacco pieno di emozioni e con esso delle ore divertenti e spensierate passate insieme a Giada e Sebastiano. Come tutti noi sappiamo esistono libri capaci di fare bene al cuore, di alleggerire l’anima e di permettere a chi li legge di trarne un particolare beneficio, che sia un’ora di evasione dalla routine, uno scacciapensieri prima di un evento importante, una doccia energizzante per iniziare la giornata.
L’amore è come un pacco regalo appartiene a questa categoria di letture, riesce a strapparti un sorriso, uno dopo l’altro fino a che ti ritrovi a ridere di gusto coprendoti con le lenzuola per non svegliare tuo marito che dorme, dato che sono le 2 e 45 del mattino…
È una storia dolce, spassosa, briosa che mantiene ad ogni pagina alto l’interesse e l’attenzione, tanto che leggi tutte le parole con l’affanno di non perdertene nemmeno una, per paura di lasciare indietro anche solo una sfumatura delle emozioni vissute dai personaggi. Complice di tutto ciò è l’incredibile maestria con la quale l’autrice ha descritto l’alternarsi di situazioni simpaticissime ad altre imbarazzanti, ponendo l’occhio del lettore al centro di un vortice magnetico e vibrante. La sua è una narrazione davvero impeccabile, fluida, attraente, ironica e sarcastica, che vi farà davvero sentire nel bel mezzo di una commedia romantica coi fiocchi, di quelle che fanno sorridere ma che sanno anche donare delle emozioni travolgenti. 
Veniamo alla storia.
Giada è una ragazza alla soglia dei trent'anni, è indipendente e molto innamorata. Proviene da una famiglia ricca e ha ricevuto un’educazione rigida e conformista alla quale, naturalmente, non si attiene. Secondo i diktat della madre una donna dovrebbe trovare un marito ricco, appartenente ad una famiglia in vista e disposto a mostrarla come un trofeo alle cene di gala o alle aste di beneficenza. Giada invece sogna l’amore, quello travolgente, passionale, semplice nella sua quotidianità, che regali stabilità, controllo. Lei ama programmare ogni cosa, tanto che si ritrova mentalmente a progettare tutto il suo futuro insieme al compagno, con il quale divide l’appartamento. Per loro immagina una casa più grande, un matrimonio da favola, due bambini, una vita piena, dolce, tranquilla. Un giorno però le arriva una doccia gelata. Quella doccia che nessuno vorrebbe ricevere in testa al risveglio dopo un bellissimo sogno. Stefano le dice che vuole una pausa di riflessione, per capire cosa realmente prova per lei. Il suo mondo si sgretola, cade a pezzi e in men che non si dica si trova costretta a fare i bagagli e a trasferirsi nella camera per gli ospiti della casa di sua sorella, che è sposata con una sorta di musicista rock incompreso tutt'altro che amato dalla loro famiglia. Insomma, ricapitolando: Giada l'innamorata dell’amore si ritrova disarcionata dal cavallo bianco del suo principe azzurro, abbandonata di fronte al ponte levatoio del castello e lasciata ad osservare la sua vita mentre sprofonda nel baratro.
Decide così di riconquistarsi il suo uomo a tutti i costi, pronta ad armarsi contro qualsiasi sfida, convinta che dimenticare sarà impossibile. Ma sarà proprio durante una delle sue prime sere da single che ad una festa incontrerà Sebastiano, un giovane adone sbucato fuori dal nulla e per niente interessato a ciò che lei ha da offrirgli, o almeno così sembra. Sebastiano possiede tutti gli ingredienti per incarnare la perfetta immagine di quella che sua madre chiamerebbe “una cattiva compagnia”: è bello, arrogante, ha una moto, è squattrinato, è caldo, passionale, dannatamente sfacciato…. Potrei continuare per ore e non riuscirei comunque a mettere fine alla sua descrizione.
Insomma, un ragazzaccio capitato al momento giusto… o forse no… Soprattutto perché all'orizzonte si intravede l’arrivo di Michele che, al contrario di Sebastiano, possiede tutti gli attributi per diventare l’uomo perfetto, quel principe azzurro tanto agognato da Giada.

Consiglio questo romanzo a tutti coloro che cercano ristoro all'interno di una bella storia d’amore, senza abbandonare il gusto di farsi qualche sonora risata. Lo consiglio agli eterni romantici che desiderano il lieto fine e se lo assaporano fino all'ultima goccia. E lo consiglio a tutti quelli che, come me, non si stancano mai di rendersi conto che quando una porta si chiude ce n’è sempre un’altra che si apre, pronta per essere oltrepassata.


“ L’amore è come un pacco regalo che non sai quando ti arriva. Non è come uno di quei regali che hai chiesto di ricevere o un oggetto che sai già che ti serve. Non è qualcosa che ti risolve la vita, piuttosto è qualcosa che la complica. Come un soprammobile che non sai dove mettere o un paio di scarpe difficili da abbinare. Eppure è una sorpresa che ti rende felice, che ti stampa sul viso un bel sorriso. E bisogna conservarne il fiocco, piegare per bene la carta, fare buon uso della scatola e apprezzare quello che si trova all'interno perché custodire l’emozione che hai provato a scartarlo ti aiuterà nel futuro incerto, nei giorni che non saranno rosei, ma grigi o neri.”



L'autrice

BARBARA SCHAER ha trentuno anni e abita a Genova con il marito e suo figlio. Di giorno lavora come business analyst, ma di sera, appena il bimbo si addormenta e in casa scende il silenzio, accende il pc e incomincia a scrivere. Per lei scrivere è il passatempo più bello al mondo, lo adora, lo fa da sempre ed è segretamente convinta che non riuscirà mai a smettere. L’amore è come un pacco regalo è il suo terzo romanzo auto-pubblicato. Il primo è Alis Grave Nil e il secondo è Onislayer, entrambi romanzi urban fantasy.








3 commenti:

Starlight ha detto...

Cavolo, una bella storia romantica, di quelle che piacciono a me!! Come sempre una recensione stupenda, si sente che questo libro ti ha davvero colpita! Messo in lista, lo leggerò!! Un bacione, ti adoro <3

Ika ha detto...

Dell'autrice ho letto e amato alla follia Alis Grave Nil... dalla tua recensione, ho capito che non posso farmi scappare nemmeno questo *-*

lilia63 ha detto...

Cara Sybil sono proprio d'accordo con te ! Le avrei tirato il collo certe volte ma troppo simpatica !
Molto molto carino