martedì 22 maggio 2018

Blog Tour LA LEGGENDA DEL RAGAZZO CHE CREDEVA NEL MARE Settima tappa

Buongiorno Lettori!
Oggi abbiamo il grande piacere di ospitare l'ultima tappa del Blog Tour dedicato al nuovo atteso romanzo di Salvatore Basile edito da Garzanti in uscita il 24 Maggio. La leggenda del ragazzo che credeva nel mare è un romanzo sulle seconde possibilità, un tuffo nella vita in apnea, affondare per poi risalire e ricomciare a respirare. Oggi parleremo del mare, dei suoi "filosofi": i pescatori.
Ringrazio la mia cara amica Sara di Diario di un Sogno per avermi coinvolto in questo bellissimo tour introspettivo alla scoperta di una storia "agra" come i limoni che maturano al sole, e salata come le lacrime ora di commozione, ora di gioia, che albergano nelle vite di tutti noi. 


Garzanti



BLOG TOUR 
LA LEGGENDA DEL RAGAZZO
 CHE CREDEVA NEL MARE



SETTIMA TAPPA
IL MARE, I PESCATORI E LA PESCA


Prima di parlarvi del mare e di come questo sia legato alla vita dei personaggi, vi lascio le info sul romanzo:

DAL 24 MAGGIO IN LIBRERIA
e sugli store online



Titolo: Il ragazzo che credeva nel mare
Autore:  Salvatore Basile
Editore: Garzanti
Genere: Narrativa
Pagine: 250
Prezzo:  17,60   Ebook: 9,99
Trama:  Quando si tuffa Marco si sente libero. Solo allora riesce a dimenticare gli anni trascorsi tra una famiglia affidataria e l'altra. Solo allora riesce a non pensare ai suoi genitori di cui non sa nulla, non fosse che per quella voglia a forma di stella marina che forse ha ereditato da loro. Ma ora Marco ha paura del mare. Dopo un tuffo da una scogliera si è ferito a una spalla e vede il suo sogno svanire. Perché ora non riesce più a fidarsi di quella distesa azzurra. Perché anche il mare lo ha tradito, come hanno sempre fatto tutti nella sua vita. Eppure c'è qualcuno pronto a dimostrargli che la rabbia e la rassegnazione non sono sentimenti giusti per un ragazzo. È Lara, la sua fisioterapista, che si affeziona a lui come nessuno ha mai fatto. Lara è la prima che lo ascolta senza giudicarlo. Per questo Marco accetta di andare con lei nel paesino dove è nata per guarire grazie al calore della sabbia e alla luce del sole. Un piccolo paesino sdraiato sulla costa dove si vive ancora seguendo il ritmo dettato dalla pesca per le vie che profumano di salsedine. Quello che Marco non sa è il vero motivo per cui Lara lo ha portato proprio lì. Perché ci sono segreti che non possono più essere nascosti. Perché per non temere più il mare deve scoprire chi è veramente. Solo allora potrà sporgersi da uno scoglio senza tremare, perché forse a tremare sarà solo il suo cuore, pronto davvero a volare.



IL MARE, I PESCATORI E LA PESCA

«Perché se hai paura di lui, se non sai nemmeno nuotare... lo rispetti di più. E stai più attento a non fare cazzate, cerchi di fartelo amico. E per fartelo amico lo devi conoscere come le tue tasche, devi imparare a capire come e quando ti può fottere o tradire. Perché il mare all'improvviso esce pazzo, senza una spiegazione. Ma prima di impazzire e diventare feroce, qualche segnale te lo dà».

Ho sempre pensato che i pescatori siano dei grandi poeti e filosofi che, essendo nati, cresciuti e invecchiati a contatto col mare, abbiano avuto tutto il tempo per imprimere nella loro memoria tutto ciò che la distesa azzurra ha raccontato loro giorno dopo giorno, notte dopo notte. Il mare è come una musa, come una donna, bello, intrigante ma spesso imprevedibile. Ora esci con un mare che sembra olio, dopo neanche due ore devi tirare su l'ancora perché Lui ha deciso di gonfiarsi incitato dal vento. 
Leggere La leggenda del ragazzo che credeva nel mare, ha riportato "a galla" nella mia memoria bellissimi ricordi di bambina e ragazza, quando uscivo con mio padre e mio fratello a pescare calamari alla luce della lampara. Momenti indelebili che mi hanno insegnato più dei documentari. Lo sciabordio che ti culla liberandoti dei pensieri della giornata appena trascorsa, il verso della Berta minore come un lagnoso pianto di bambino, i pesci che nuotano incessantemente sotto la luce, il rumore dei delfini che "sbuffano" a pochi metri. 
Il mare è incantatore, capace di farti sentire ora immenso, ora minuscolo. I pescatori sono i custodi dei segreti che il mare trattiene gelosamente. Sono metereologi infallibili, guardando l'orizzonte la sera prima sono capaci di dirti con pochissimo margine d'errore che vento tirerà il giorno dopo. Le loro rughe sono direttamente proporzionali alle ore passate tra il nylon delle reti e le punture degli ami dei palamiti. Quando hai la fortuna di sentire un pescatore raccontare, fermati e goditi il momento, sarà meglio di un libro stampato, ti farà sentire parte della storia, fino a percepire la salsedine sulle labbra e il vento tra i capelli. 
I pescatori veri sono quelli che come i notai passano il mestiere di generazione in generazione. Padre, figlio, nipote, tutto scorre tra alta e bassa marea, tra correnti inaspettate e mareggiate che costringono a lunghi giorni sulla terraferma. Togliere il mare a un pescatore sarebbe come togliere le radici a un albero: impossibile sopravvivere. 
I protagonisti di questo romanzo hanno un legame fortissimo con il mare, seppur per motivi apparentemente diversi. Entrambi sono stati respinti dal mare, perchè non ne hanno accettato le semplici regole.  Dovranno ritrovare se stessi prima di poter essere riaccolti dalla distesa azzurra che tanto li attrae. Sarà proprio l'imprevedibilità del mare a insegnare loro come non aver paura di restare a galla nella vita, come non temere di gettarsi a capoffitto nelle seconde possibilità e imparare a nuotare per ritrovarsi. 

Come due scogli che inevitabilmente subiscono il ritmo della marea, ora privi dell'amore, ora immersi nel sentimento che a lungo li ha privati della sua presenza, sapranno trovare la giusta spinta per tornare a respirare nuove emozioni. 

«Quando parti e vai in alto mare, non sai mai cosa ti capita. Capisci il mare, capisci il vento, le correnti... ma non sai mai cosa troverai quando tiri su la rete. Ogni volta è una sopresa... un regalo del mare. Questo mi piaceva»

Ecco, il mare è sorpresa, sarà proprio per questo suo potere di regalarti ogni giorno qualcosa di nuovo e inaspettato, che il suo richiamo è così forte e irresistibile. Ti ricorda ogni momento quanto sia bello lo stupore, anche quando pensi di essere ormai troppo vecchio e aver visto tutto. 

Salvatore Basile vi invita a vivere il suo romanzo come fareste con il mare, assaporando il sale della vita, la forza dei ricordi e la potenza delle emozioni che come un'onda d'urto dirompono nelle nostre esistenze. 


L'autore, il mare e i pescatori 



REGOLAMENTO 
per vincere una copia cartacea del romanzo
(il blog tour inzia il 16 Maggio e termina il 22 Maggio a mezzanotte)

-Seguire tutti i blog coinvolti nel blogtour;
-Commentare tutte le tappe;
-Condividere pubblicamente l'evento (LINK) che trovate su Facebook (l'azione può essere ripetuta ogni giorno per avere più possibilità di vincita). 




Le tappe precedenti che dovete commentare









7 commenti:

Lara Milano ha detto...

Ciao Foschia :-)
Wow, andavi a pescare da piccola? Quindi sicuramente ti sarai immedesimata tanto durante la lettura del libro!
CHe bella tappa piena del sapore del mare, del cullare delle onde, di ricordi... ben fatot Foschia75! ;-)
Mi è piaciuto molto il paragone dell'autore riferito all'imprevedibilità del mare...e della vita, perché bisogna imparare a vivere giorno per giorno, momento per momento "ignari" di cosa possa realmente accadere. Gettare la rete è sempre un punto di domanda, ma si possono avere anche delle belle soprese, ed è quello che auguro a questo libro! ^_^
P.S.= Salvatore Basile dice di essere negato per i video, invece ha fatto davvero un buon lavoro coi video di ogni tappa!

luigi ha detto...

Concordo con la filosofia dei pescatori che in fondo sono dei filosofi. Mi ispira moltissimo questa storia e ringrazio tutte le blogger per il lavoro che avete fatto con questo tour ;)
Luigi Dinardo

Marianna Facciolli ha detto...

WONDERFUL abbiamo finito crescendo !!!
Stupenda quest'ultima tappa,ho avuto quasi il sentire dell'area dei suoi profumi e le onde.
Concordo con l'autore,la vita è in po come il mare ... imprevedibile !!!
Grazieeeeeeee di questi splendidi momenti trascorsi insieme,é stato bello conoscere questo autore la la sua splendida opera !!!
Condivido su Facebook
Vi seguo sul blog come Marianna Facciolli
La mia mail: marianna1056@hotmail.it

Elisabetta Zerbo ha detto...

Partecipo e condivido, il mare il nostro amico e nemico al tempo stesso quello che ci affascina in una frazione di secondi con il suo naturale e stupendo colore azzurro che solo a guardarlo ti fa innamorare, le sue onde che ti abbracciano dolcemente prima e dopo violentemente avvolgendoti in una immensa fragranza di pura freschezza spigendoci nella sabbia bagnata, e poi ci sono i pescatori che sono i pilastri che sanno tutti i segreti di questa meravigliosa acqua trasparente solo loro sanno come domarlo e quando gettano la rete sanno cosa esso gli offre. Complimenti all'autore, libro da leggere assolutamente.
Seguo il blog come: Elisabetta Zerbo,
fb: Elisabetta Zerbo,
email: metal.1985rockpuro@email.it

Grazie per quest'ultima tappa per le latre e per tutti i video, bellissimo blogtour :)

Layla Cadoni ha detto...

Il mare.... il suo profumo... il suo moto che ti trasporta e che ri entra dentro... da sarda senza il mare non posso vivere... mi riempie, mifa sognare, mi porta lontano. Ha lui ho raccontato i miei segreti ed ho regalato le mie lacrime ed i miei sorrisi... i miei ricordi più belli sono legati al mare... mi mancheranno i video di Basile, ed finalmente siamo a -2 il 24 maggio è segnato nel mio calendario un rosso 😍😍😍❤❤❤

Laura Colucci ha detto...

Che bella tappa! È stato un piacere navigare attraverso il pensiero dei pescatori e i tuoi ricordi del mare!

Elysa Pellino ha detto...

Questa tua tappa ha scatenato in me tantissime emozioni e sensazioni positive.❤️
Adoro il mare, per cui ogni tua parola è per me come magia. ❤️
Gli estratti che hai scelto per questa tua tappa sono molto belli, si percepiscono tutte le sensazioni che il mare trasmette. ❤️
Davvero da piccola pescavi insieme a tuo padre e a tuo fratello? Wow deve essere stata una bella esperienza, avrai sicuramente dei ricordi magici da portare nel cuore. ❤️
Sono sempre più emozionata per la pubblicazione di questo libro, adoro Salvatore sto contando i giorni. ❤️
Questo nuovo libro è un inno a non arrendersi mai e a trovare tutte le risposte alle mille domande che la vita ci mette davanti. ❤️
Spero di regalarmi presto la lettura di questo libro, ho amato "Lo strano viaggio di un oggetto smarrito" ❤️
Bellissimo quest'ultimo video dell'autore, non è vero che non gli riesce fare i video. ❤️
Partecipo con gioia a questo vostro BlogTour e al Giveaway. ❤
Di seguito vi elenco tutte le regole che ho rispettato. ❤
. Seguo tutti i blog partecipanti a questo BlogTour con il nome: Elysa Pellino. ❤
- Hook a book.
- diario di un sogno.
- Sognando dietro ai libri.
- LE tazzine DI Yoko.
- DESPERATE BOOKSWIFE.
- Il libro sulla finestra.
- Sognando tra le Righe.
. La mia e-mail: mora_1993_@hotmail.it
. Ho il "Like" alla pagina Facebook della casa editrice "Garzanti Libri" con il nome: Elysa Pellino. ❤
. Ho condiviso l'evento Facebook di questo BlogTour sulla mia bacheca Facebook in modalità (Pubblica) taggando le pagine Facebook di tutti i blog partecipanti a questo BlogTour. ❤
- Hook a Book.
- Diario di un Sogno.
- Sognando dietro ai libri.
- Le tazzine di Yoko.
- Desperate Bookswife.
- Il Libro Sulla Finestra- Blog.
- Sognando tra le Righe.
. Link Condivisione: https://www.facebook.com/elysa.pellino/posts/10212828134271934
(Ho commentato tutte le tappe di questo vostro BlogTour) ❤
- Ho completato il form in tutti i suoi campi.
Grazie per la partecipazione!!
Buona Fortuna a Tutti. ❤