giovedì 6 luglio 2017

ALAKIM. LE CATENE DELL'ANIMA Anna Chillon Recensione

Lei si voltò e non vide le mura sordide, le nere macchie di sangue, il luogo di prigione e tortura; vide soltanto lui, accucciato, simile a un predatore in attesa di spiccare un balzo. Era ancora in tempo per mettere la testa nella sabbia, fuggendo da Alakim, da sé, da tutti ciò che bramava con un'intensità da mozzarle il respiro. Accettare la sua oscurità la rendeva sua complice, ma rifuggire la verità come aveva fatto finora era soltanto da codarda. 

Torna uno dei personaggi più belli e dannati di sempre, il Serafino nel corpo di un irlandese: Alakim. Lo so, sono spudoratamente di parte, me ne sono innamorata sin dal primo romanzo, è stato un vero implacabile colpo di fulmine che si rinnova ogni volta più intensamente. Anche in questo nuovo capitolo Anna Chillon non delude, restituendoci una trama affascinante, come sempre sensualissima e incalzante. Una tra le serie paranormal romance più belle e incisive di sempre, credo di poter dire che Alakim e la sua banda non abbiano nulla da invidiare ai migliori arcangeli internazionali. 





Self Publishing



ALAKIM 
Le catene dell'anima
Anna Chillon 

#3 Alakim series
Editore: Anna Chillon
Genere: Paranormal Romance erotico
Pagine: 457
Prezzo: 13,90
Ebook:  3,90



Trama 

Combattere pur avendo perso le forze,
scoprendo sentimenti avversi,
facendo della propria debolezza la propria arma.
***

Con i nuovi arrivi in città, una grande minaccia incombe su Alakim. Privato del potere e stremato da una fame che non è più in grado di soddisfare, diviene facile preda dei suoi nemici.
Questa volta lottare insieme a Nicole e Muriel non gli basterà a salvare se stesso e tutti coloro che lo circondano da un male che dilaga inarrestabile, contagiando Marsiglia intera. 
Questa volta ciascuno dovrà porsi dinnanzi allo specchio per scoprire l’origine della propria fragilità e svelare i reconditi sentimenti dell’animo.
Perché la vera forza sta nel guardarsi dentro, faccia a faccia con i propri demoni, accogliendo qualunque realtà venga rivelata, per quanto dura essa sia.

ATTENZIONE: contiene scene esplicite di violenza e sesso.



opinione di foschia75


Ormai ho finito gli aggettivi. 
L'unico consiglio appassionato che vi posso dare è 
 leggere e diventare schiavi di questa serie.


Non mi dispiacerebbe se questa serie diventasse lunga come quella della confraternita di J.R.Ward, non ne ho mai abbastanza e se anche possiamo godere di questi indelebili personaggi una volta all'anno, io sono ben felice di attendere: ne vale sempre e assolutamente la pena! Lo so, sono di parte e non lo nascondo, ho letto tutto quello che questa autrice ha scritto finora, dimostrando una stoffa come poche, soprattutto quando si parla di erotismo e di come si scrive.
In questo terzo capitolo della serie, Alakim avrà a che fare con una forza oscura che risucchierà inesorabilmente il suo potere, fino quasi a prosciugarlo prima di capire contro chi dovrà combattere per non soccombere. Anche uno come lui, troppo sicuro di sé, vacillerà tenendo il lettore avvinto alle pagine in un crescendo di colpi di scena come Anna Chillon ci ha abituato sin dal primo romanzo. Accanto al serafino più tormentato di sempre, ci saranno i suoi più cari amici: Muriel e Samshat e la donna che ha il potere di tenerlo un po' sulle spine.
Il male è ovunque, si insinua anche nel cuore e nella mente dei più forti, mettendoli davanti ai loro demoni interiori. Alakim combatte per non soccombere, ma per capire come reagire al male che prosciuga la sua energia, avrà bisogno di tornare indietro nei ricordi, quando era ancora un magnifico e luminoso serafino.
Il tempo scorre, il male dilaga, e i nostri protagonisti saranno impegnati ognuno nella propria non facile battaglia personale, nessuno escluso, neanche l'irreprensibile madre di Nicole, Elizabeth. 
Saranno tutti chiamati a guardare la propria anima, la parte più oscura e corrotta, quella che fanno di tutto per tenere lontana dal giudizio altrui.
Anche Nicole dovrà fare i conti con il suo modo di vedere se stessa e ciò che la circonda, permettendo all'oscurità di entrare a far parte della sua vita.
In tutto questo caos di malvagità dilagante, qualcuno osserva i protagonisti annaspare alla ricerca di risposte, e qui un plauso all'autrice per quella persistente sensazione di essere osservati e mossi come marionette da una forza più grande contro la quale sarà difficile avere la meglio, perlomeno non in questo capitolo.
Alakim è un personaggio che non farà mai quello che il lettore si aspetta, anche quando sembra abbassare la guardia con i sentimenti, ti spiazza con un atteggiamento inatteso e crudele; la sua inaffidabilità e insensibilità mi affascinano come pochi altri. Se cercate un paranormal romance crudo, nero e mostruosamente sensuale, allora dovete assolutamente leggere questa serie. 
Con il finale la Chillon fa il botto, dimostrando come si chiude un romanzo lasciando comunque appagato il lettore. 
Brava, magistrale come in tutte le trame che ordisce.
Ma veniamo alla ciliegina, il marchio distintivo di questa grande e graffiante penna: l'erotismo.
Poche come lei riescono a renderti davvero voyeristico spettatore di menage a trois appena tratteggiati, ma così tremendamente sensuali e scabrosamente millesimati da tenerti avvinto alle pagine come schiavo.
Non mi stancherò mai e poi mai di ribadire che una scena di puro erotismo non può essere descritta da tutti in modo così "elegante", quasi come una danza, senza rischiare di scadere nel volgare. Trovo che Anna Chillon sia tra le migliori. Non edulcora ma non eccede se la scena non lo richiede, ma quando ci vuole sa misurare passando da uno sguardo lascivo a una scena scabrosamente esplicita.
Come sempre magistrale Anna! Grazie per aver creato un dannato così speciale. Spero tanto che questa serie ci tenga compagnia ancora a lungo, molto a lungo.



2 commenti:

Bruny D. Rizzo ha detto...

Wow 😍solo leggere le prime parole mi è venuta la pelle d'oca. Lo aspettavo questo libro perché come te sono rimasta affascinata e innamorata già dal primo libro di Alakim. la Chillon è veramente bravissima in questo genere fantasy. È una bellissima recensione Foschia, non vedo l'ora di leggerlo.

foschia settantacinque ha detto...

Cara Bruny, ora che lo hai letto, spero tu sia d'accordo con me sul fatto che Anna Chillon è un'autrice magistrale, come poche ne abbiamo in Italia.