lunedì 25 aprile 2016

QUESTIONE DI PELLE Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti Recensione



 Self publishing

QUESTIONE DI PELLE
Elisabetta Flumeri 
&
Gabriella Giacometti

Editore: Flumeri e Giacometti
Genere: Romance contemporaneo 
Pagine: 107
Prezzo: € 0.99


La Trama

Francesca lo ama da sempre, ma Andrea è il figlio del padrone della conceria dove suo padre lavora come operaio.
Per lei è un amore impossibile, un amore da dimenticare.
Ma dieci anni dopo, al suo ritorno, Andrea non ritrova la ragazzina che gli preparava filtri d’amore, bensì una donna bellissima, la chimica di punta dell’azienda di famiglia, la fidanzata di suo cugino.
La passione divampa come un incendio inestinguibile.
Francesca per lui è disposta a tutto….
… anche a subirne il disprezzo.
Un triangolo esplosivo.
Un amore travolgente.
Un amore a cui non si può dire no.
Perché l’amore è …
QUESTIONE DI PELLE 


Opinione di Charlotte

L' amore ai tempi della crisi nel nordest. 
Torna a sorpresa il duo romantico più  collaudato del rosa italiano,  e lo fa deliziando il lettore con una nuova storia  d' amore, di quelle che talora fanno arrabbiare per l' ostinazione e la cecità  dei suoi protagonisti,  ma che ricompensano abbondantemente con appaganti riappacificazioni.
L' impatto con il contesto nel quale è ambientato Questione di pelle è stato per me molto forte, poichè i luoghi e i modi di pensare che contestualizzano la vicenda romantica  fanno parte del mio vissuto passato e presente, e racchiudono una serie di contraddizioni che Elisabetta e Gabriella  hanno esposto con pochi tratti ma in maniera molto efficace   . Presentando la Val di Chiampo, con i suoi dolci declivi  , le suggestive vestigia del passato,  ma anche  le industrie conciarie che l' hanno resa operosa e ricchissima  e al contempo l' hanno spoetizzata. Plasmando una serie di figure che con i loro tratti  rappresentano i "tipi" che popolano la provincia vicentina,  ora irritante, superficiale  ed emotivamente  arida, ora intrisa di valori ancestrali: mostrando  il culto dell' azienda intesa  come famiglia allargata, l' orgoglio di farla prosperare e di tramandarla di generazione in generazione, ma al contempo evidenziando gli atteggiamenti poco puliti  e infondati che in taluni si traducono  in megalomania, inganno,  ostentazione, superiorità.     I due piccioncini del romanzo  a modo loro sono  caratterizzazioni " buone" ma opposte nello stesso contesto: Andrea fugge la responsabilità rinnegando i valori che i genitori gli hanno insegnato , cercando la sua strada al di fuori dell' azienda di famiglia, mentre Francesca si vota alla causa della ditta per un senso del dovere e di appartenenza che di fatto non sarebbe tenuta a manifestare essendo una dipendente. 
Entrambi  pesci fuor d' acqua disorientati e incompleti,  il loro avvicinamento  è inesorabile:  l' uno trova nell' altro la realizzazione dei propri desideri, e una nuova occasione per essere davvero se stesso. 
Dopo aver tentato di essere analitica nell' introdurre il romanzo,  è la volta di partire   per la tangente raccontando le emozioni romance, quelle che mi hanno fatta sdrucciolare tra le righe nutrendo a dovere  il mio lato sentimentale: abbiamo di fronte una storia d' amore di quelle roventi, dolcissime, con profonde - e un po' magiche -  radici nel passato, e molta attrazione fisica repressa da esternare.  In quest' ottica  il nostro simpaticissimo e arguto duo di amiche si diverte a stuzzicare il lettore con lo zuccherino, regalando interludi intimi e sensuali assai confortanti, salvo poi disturbare l idillio con la stoccatina spiazzante,la battuta al vetriolo, l' accusa ingiusta,  che sembrano  far tornare il legame tra Andrea e Francesca ai nastri di partenza  : anche se la lettrice romance in cuor suo sa bene che deve pur  trattarsi di un trucco...
Tra equivoci e sensi di colpa, castelli di menzogne e sentimenti che spaventano ma che non si possono soffocare nè ignorare, emergono verità e amore, e la favola rosa trova il suo delizioso  compimento :  pagina dopo pagina si perfeziona un legame fortissimo, scritto nel destino, e vengono operate delle scelte importanti che coinvolgono la sfera affettiva e lavorativa delle  esistenze di Francesca e Andrea a 360 gradi . Quali siano queste decisioni , starà a voi scoprirlo, divertendovi e sognando  tra le righe,  guidate dalle Autrici Felici  in un percorso che si gode appieno... a pelle!


Opinione di foschia75


LA ROMANCE TERAPIA DELLE AUTRICI FELICI

Ho visualizzato un blister di pillole della felicità, dentro ogni scomparto c'è una novella o un romanzo delle Autrici Felici (non è un caso se tutte le conosciamo con questo nome!). Ogni mese schiaccio il blister e ingoio in preda a dipendenza, una delle loro storie. 
Le Autrici felici fanno felici le lettrici! 
E' un dato di fatto. 
Ho letto tutto quello che hanno scritto fino ad oggi, e ancora non ho trovato una storia che non mi abbia risucchiato nella narrazione, sospendendo il tempo in una bolla dalla quale a malincuore devo scendere quando arrivo all'epilogo. Eppure, quelle ore passate in bàlia dell'intensità delle emozioni trasmesse dai loro personaggi e dalle vicende, sono per me una cura infallibile per il buonumore, leggo la storia la sera, la mattina mi alzo con una positività e un'allegria dirompenti.
Questione di pelle, è un brivido che striscia fin dalle primissime pagine, che ti trascina in una narrazione fluida e purtroppo talmente incalzante da arrivare al finale in una manciata di ore, e lasciare quel fastidioso senso di malinconia che ti assale quando finisce un bel libro.
Ho chiesto loro di scrivere un racconto o un romanzo breve ogni mese, perchè io ne ho assoluto bisogno, sento la necessità di tuffarmi nelle loro storie, rimanere in un'insana apnea fino all'ultima riga, vivendo e bruciando di passione, quella forte sensazione che solo loro riescono a trasmettere in modo così "tellurico" e dirompente. 
Ribadisco che aspetto le loro storie, come i pesci rossi i fiocchi, soprattutto perchè sono certa che l'ambientazione sarà assolutamente MADE IN ITALY, e la sceneggiatura impeccabile... e anche in questo ultimo magistrale lavoro, non si sono smentite. Quello che avvolge il lettore non sono solo le emozioni dei personaggi, ma soprattutto la tridimensionalità della scenografia, ogni volta diversa e con una storia di cultura e costume nostrani. Questa volta è toccato alla lunga tradizione del vicentino, alla lavorazione dei tessuti e dei pellami, che fanno da sfondo all'intensa storia d'amore, tra presente e passato, di Francesca e Andrea, che si conoscono fin da bambini, ma non saranno pronti a quello che si scatenerà chimicamente tra loro dopo dodici anni di lontananza. 
Una deflagrazione che si riverbera senza scampo sul lettore.
Non starò a raccontarvi cosa succederà, perchè la parte emotiva della recensione, l'ha già analizzata impeccabilmente Charlotte. Ma voglio consigliarvi con ogni fibra del mio essere, questa nuova esplosiva storia delle Autrici felici, non ve ne pentirete... e la giornata vi sorriderà!
Le loro storie, non solo funzionano, ma sono intrecciate in modo unico col tessuto del nostro Bel Paese, arricchite della nostra cultura e tradizione, di quelle eccellenze (compreso l'amore!) che rendono famosa l'Italia agli occhi del mondo. GRAZIE Autrici felici, perchè ci rendete orgogliose del Romance Italiano, adesso anche nel vasto panorama del self dove, già con soli due romanzi siete riuscite a distinguervi a pienissimi voti!!!

Lo so, sono spudoratamente di parte, ma dopo aver letto Questione di pelle, se sono stata una bugiarda, tornate a dirmelo!


Le Autrici Felici



Il loro sito ufficiale


Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti sono da anni una collaudata coppia creativa. Esordiscono come autrici di romanzi, per poi passare a scrivere per la radio, la pubblicità e le riviste per ragazzi. Successivamente lavorano come sceneggiatrici televisive di lunga serialità, affrontando generi diversi, dalla commedia al sentimentale, dal ‘legal’ al dramma in costume. Hanno pubblicato con Emma Books e Sperling & Kupfer divenendo grazie a L’amore è un bacio di dama autrici di best-seller internazionali. La loro ultima sfida è l’autopubblicazione. Convinte che anche in Italia sia arrivata l’ora dell’autore ibrido, hanno seguito le orme di molti autori anglosassoni. Grazie alla loro esperienza di sceneggiatrici, hanno voluto scommettere su #StuntLove, una serie ambientata all’ombra della nostra Hollywood sul Tevere, protagonista una famiglia di stuntman. Storie d’amore intrecciate a ricordi del cinema che ha fatto grande Cinecittà. Angelica è il primo titolo della serie #StuntLove

I loro romanzi


Serie STUNT LOVE (Selfpublishing)
#1 Angelica (rec. QUI )

I LOVE CAPRI  (rec. QUI )
L'AMORE E' UN BACIO DI DAMA

PROFUMO DI TE (sperling privé)  (rec. QUI )
SCRIVILO SULLA MIA PELLE (sperling privè)  (rec. QUI



Mi raccomando, tenetele ( e teneteci)  d' occhio perchè è in arrivo un blog tour con giveaway!!!




3 commenti:

Elisabetta Flumeri ha detto...

Ragazze, cosa dire? è difficile trovare nuove parole per ringraziarvi dell'entusiasmo, della stima, dell'empatia... credetemi lo è davvero! Siamo felici che, senza volerlo, abbiamo parlato di un territorio caro a Charlotte, che ci ha affascinato e intrigato per le sue contraddizioni, i suoi paesaggi, il suo vissuto, perché era sconosciuto anche per noi ed è stata una bella e indimenticabile full immersion.
E poi essere una pillola che dispensa momenti belli... a quanti viene attribuito un simile magico potere? Grazie Foschia, amica sincera che non ci deve nulla e non conosce la piaggeria e per questo ci rende ancora più...felici.

Sì, grazie ragazze, e sono certa di parlare anche a nome di Gabriella, perché siete il carburante, il propellente che ci spinge ad andare sempre più forte! Grazie per esserci e per esserci così, e non solo per le cose belle che scrivete di noi, ma per l'amicizia e il supporto. Un abbraccio grande e forte.

gabriella Giacometti ha detto...

Grazie ragazze per le vostre parole, siete voi che ci rendete felici e ci spronate a continuare questo meraviglioso lavoro

foschia settantacinque ha detto...

Care Autrici, siamo noi a esservi grate, per tantissimi motivi, primo fra tutti la bella amicizia nata grazie ai vostri magistrali lavori. Io probabilmente non sarò più credibile agli occhi di chi legge, ma il mio amore per le vostre storie ha rotto gli argini (si evince?).
Grazie, continuate così, almeno una volta al mese, datemi la mia pillola rosa della felicità... un abbraccio