domenica 19 aprile 2015

QUELLA NOTTE IL VENTO Rossella Romano Recensione


Chi leggendo il racconto Nel buio  ha apprezzato lo stile  di Rossella Romano,   con questo libro avrà modo di riconoscere il suo tocco e di  addentrarsi in modo  approfondito nella sua mente visionaria e nella sua poetica. Quella notte il vento è un libro in cui componenti molto diverse di forte impatto visivo si uniscono e contrappuntano:  in particolare viene sviluppato il tema fantasy  che spazia da Lovecraft a Tolkien all’ horror gotico,  e che viene declinato in modo molto  personale e infarcito di richiami  dark e romantici di grande suggestione.  

QUELLA NOTTE IL VENTO
ROSSELLA ROMANO 


Editore: Self publishing
Genere: Fantasy horror
Pagine: 468
Prezzo: € 15,58
e-book : € 0,99 ( promozione ancora per poche ore)   

La Trama 

Fani decide di trascorrere l’estate dopo il diploma nella casa della nonna paterna, in collina. Cerca pace e riposo, ma non solo. Da tredici anni tutta la famiglia ha rotto i ponti con la donna, per una lite di cui, a casa sua, nessuno parla mai. La ragazza, un po’ per gioco, un po’ seriamente, si è convinta che la nonna Epifania, di cui porta il nome, nasconda un segreto inconfessabile. Fani non lo sa, ma il vento ha già cominciato a chiamarla. Soffia dalle profondità del bosco, di notte, portando fino a lei uno stormo di creature alienate, nate col solo scopo d’impedirle di rispondere al suo richiamo; di seguirlo fino all’accesso ai territori misteriosi, stupefacenti, ma anche pericolosi, da cui proviene. 

Opinione di Charlotte
  
"Tu non sei mai stata toccata, non ti hanno nemmeno sfiorato, magari riusciresti a vivere quello che io ho potuto soltanto immaginare"
 
Una vacanza post diploma è il pretesto per fare emergere una realtà inimmaginabile, aprendo le porte al mondo sconosciuto, pericoloso e irrinunciabile  nel quale si muove Fani,  la protagonista del libro:  una diciottenne che in virtù della sua età e della sua indole sognatrice, pur  essendo in fase di passaggio dalla “ teen age” all’ età adulta, non è stata ancora influenzata dallo scetticismo proprio dei grandi. I suoi occhi sono ancora ben aperti sull’ immaginazione e la fantasia, e questa dote è decisiva nello stabilire le sorti di un popolo, di una famiglia, di Fani stessa.
Il romanzo parla di epoche, luoghi, razze diverse, ma il comune denominatore è il vento del titolo, in tutte le sue accezioni: confortante e rapace, astratto e personificato,  foriero di compagnia e di aiuto ma anche di pericoli. Tutti i personaggi della storia hanno a  che fare con questo elemento dotato di un’ aura magica,   ora amico ora nemico.
La storia è raccontata tra passato e presente sovrapponendo  piani spaziotemporali differenti:   anche se strutturato in modo complesso, il disegno d’ insieme risulta  fluido e coerente e alterna i  punti di vista dei  personaggi,  impiegando stratagemmi narrativi quali corrispondenze epistolari, riflessioni tra sé e sé,   passando dalla prima persona alla terza persona, alla visione più distaccata di   un narratore esterno. I diversi  modi di leggere le vicende   restituiscono  una visione a tuttotondo della storia e ne evidenziano tutti gli aspetti, permettendo la conoscenza delle personalità, delle fragilità, delle caratteristiche peculiari dei vari protagonisti.
Anche lo stile è mutevole: preziosa, sofisticata, dettagliata nelle descrizioni -  con particolare lirismo per quanto riguarda paesaggi naturali e sensazioni “ pure”, intime  - Rossella Romano  diventa discorsiva, briosa, giungendo a fare   uso di  elementi gergali e di neologismi quando a interagire sono i personaggi del presente. Ed è una  caratteristica che colpisce, questa   capacità spontanea dell' autrice   di cambiare registro a seconda del personaggio che parla, dell’ epoca in cui si trova  e degli stati d’ animo  che  sta attraversando.
Pagina dopo pagina  Quella notte il vento  è un susseguirsi di sensazioni spiazzanti, rumori e silenzi, luci e visioni , paura e determinazione, minacce e alleati: nel progressivo  disvelamento  di segreti che hanno radici nella natura e nel passato.  Fani è divisa tra la  modernità di una ragazza di oggi e le componenti  ancestrali che la riguardano molto da vicino;  e che una volta manifeste comportano delle   responsabilità e delle scelte,  che le piaccia o no.
E così  la giovane si trova a combattere il panico e i suoi avversari mossa  da curiosità e da fiducia,  divisa tra l’ inquietudine dell’ ignoto e dell’ inspiegabile  e la tranquillità  del razionale,  interagendo con  luoghi e creature talora ostili, talora impalpabili : mescolando passato, presente  e futuro . Valorizzando la potenza e la grandezza dell’ essenza femminile, e infine scoprendo anche l’ amore sublime:  quello che si riconosce a pelle, che annulla la volontà, per il quale vale la pena vivere e lottare  anche quando sembra destinato a finire lasciando cicatrici indelebili.  
Uno dei tratti  distintivi  di questa lettura è la straordinaria affinità  nonna-nipote: la corrente fatta di  geni e di sensibilità che spesso nella vita reale si ha la fortuna   di provare e che proprio in virtù di questa verosimiglianza  risulta particolarmente vivida ed efficace nel costituire  spunto alla narrazione della vicenda da più punti di vista, tra passato e presente, abbattendo le barriere generazionali. Nonna Epifania è una figura misteriosa e ammaliante nella sua saggezza, più di ogni altra persona affine alla nipote Fani e  a lei legata indissolubilmente nonostante siano sempre state tenute distanti.  
L’ alter ego di Fani  è il fratello gemello Arturo: anch’ egli protagonista di un percorso personale accidentato e ricco di colpi di scena,  diviso tra la  difficoltà nell' aprirsi al mistero e la naturale predisposizione ad    accettarlo. Sui due gemelli confusi e spesso contraddittori  hanno influenza determinante  le  radici nel passato, nella storia personale della nonna, fatta di amore, di sensibilità sovrannaturali,  di scelte anche sofferte.
Su tutto aleggia un sentore di ineluttabilità, come se Tempo e Spazio fossero d’ accordo nel portare le creature che vi si muovono all' interno  a vivere determinati istanti in determinati momenti, collegando in questo modo realtà parallele. 
 In sintesi, tanti elementi concorrono a creare  un mix che tiene avvinto e  in costante trepidazione il lettore, nell’ attesa di scoprire  l’ esito finale della vicenda narrata:  le conseguenze delle scelte di Fani e dei suoi comprimari, la determinazione dei loro destini. 
Tra  location suggestive, pittoresche, romantiche, oscure, Quella notte il vento si rivela un ricamo tessuto con pazienza,  sulla base  di quel che i suoi protagonisti  riescono a seminare e  a   raccogliere durante il loro viaggio all’ inseguimento  di chimere e obiettivi reali: tra premonizioni, desideri e  demoni interiori.  
Una lettura che sicuramente è destinata ad appassionare i fantasy - addicted, grazie alle descrizioni articolate e particolareggiate  di popoli, mondi, battaglie, oggetti magici;  ma che offre molti  spunti romantici, drammatici, intimisti confacenti  anche a lettori meno portati per questo genere narrativo.   



La parola all' Autrice

Una precisazione: anche se ne ho concluso la stesura soltanto in questi giorni, ho ideato la storia e scritto i primi capitoli alla fine del 2004, collocandola temporalmente nell’estate precedente, (prima dell’avvento di Facebook e smartphone). Specifico che si tratta di un romanzo fantasy totalmente inedito ed autoconclusivo: non fa parte di una saga, non è il primo di una trilogia, non è venduto a capitoli. Buona lettura. I miei primi due romanzi: “Il Segno dei Ribelli”, (fantasy), “Immateria”, (fantascienza), il terzo "Quella notte il vento" (fantasy), e il racconto “Fuga da IA” (fantascienza) sono disponibili per l’acquisto su Amazon.


Il suo profilo pubblico: 
http://sellocreations.deviantart.com/


Di Rossella Romano Sognando tra le Righe ha recensito anche 
Nel buio ( recensione QUI

Notizia molto interessante!!
A partire dal 21 Aprile 2015  il racconto di fantascienza distopica "Fuga da IA" di Rossella Romano  sarà scaricabile gratuitamente

3 commenti:

Sello Selloso ha detto...

Grazie mille Charlotte!
Ho lasciato il romanzo in promozione a 0, 99 € invece che 2, 99 € per tutta la giornata di oggi, domenica 19, per onorare la tua bellissima recensione!
Rossella

Ika ha detto...

Wpw mi ispira un sacco! Non lo conoscevo ma l'ho aggiunto nella mia WL *-*

Charlotte Sognandotralerighe ha detto...

Ciao Ika, è davvero una lettura suggestiva e molto particolare, che tocca l' anima in molti modi e soddisfa pienamente gli amanti del fantasy ma non solo