domenica 1 febbraio 2015

L ' ISTANTE ESATTO CHE LEGA DUE DESTINI Angélique Barbérat Recensione

Il destino. Quante volte ne abbiamo parlato. È il filo invisibile che ci guida ogni giorno, è la mano che ci spinge a seguire una strada piuttosto che un'altra, spettatore silenzioso delle nostre azioni, complice di ogni più breve attimo della nostra esistenza, forza eterea che ci accompagna nella semplicità delle nostre vite e che ci sussurra silenziosamente all'orecchio la decisione da prendere.
È terribile e allo stesso tempo immensamente stupendo essere in balìa del destino. Un fuoco potente che gioca a scacchi con le nostre esistenze, il cui solo lento scoppiettare può creare nella vita di una persona un vero e proprio uragano. Ma bisogna essere sinceri: non è questo il bello? Forse il destino è davvero alla base di tutto, ci rende fragili, vulnerabili, potenti e coraggiosi, ci offre una via d'uscita e ci permette di scoprire quanto bella e imprevedibile sia la vita, sia nella buona che nella cattiva sorte.

“VORREI risalire all'istante esatto che lega i destini”



L'ISTANTE ESATTO CHE LEGA DUE DESTINI
Angélique Barberat



Traduzione a cura di Marina Karam
Casa editrice: Sperling & Kupfer
Genere: Romanzo contemporaneo
Pagine: 432
Prezzo: 16.90 €
Ebook: 9.99 €



Trama

Basta un istante per cambiare il corso del destino: un fuoriprogramma, un contrattempo. Un semplice sguardo tra un uomo e una donna. Kyle e Coryn appartengono a due mondi lontani, due orbite che mai avrebbero potuto incontrarsi. Lui è una giovane rockstar, sempre in giro per il mondo; lei è prigioniera del suo ruolo di moglie e madre in una gabbia dorata, sottomessa a un marito geloso che la considera al pari di uno dei suoi tanti oggetti di lusso, da sfoggiare e possedere. Un giorno, mentre è bloccato nel traffico di San Francisco, Kyle decide di cambiare strada. Una brusca sterzata, un incidente. E lincontro con Coryn: ai due, è sufficiente uno sguardo per innamorarsi, un altro sguardo per riconoscersi. Perché Kyle sa leggere la paura negli occhi della donna, la stessa paura che, da bambino, vedeva negli occhi di sua madre, e che lo ha reso incapace di provarefelicità. Da quel momento, amare Coryn e desiderare di salvarla sono la stessa cosa. E anche se a dividerli ci sono ostacoli insormontabili, i loro destini adesso sono legati per sempre: soltanto insieme potranno guarire le ferite che si portano dentro e tornare finalmente a vivere.


Opinione di Sybil

Kyle e Coryn sono due perfetti estranei. Lui vive in America, lei in Inghilterra. Lui è un musicista, al posto del sangue sente le note scorrergli nelle vene, lei è ancora una giovane donna che sogna l'amore, quello vero. Due esistenze diverse, apparentemente lontane, ma tenute insieme da un filo invisibile. Coryn è l'unica figlia femmina in una famiglia numerosa. È intelligente, brillante, piena di sogni. Immagina una vita intensa, soddisfacente, lontano dalla periferia di Londra. È bella, molto bella, così tanto che il padre, sopraffatto dal terribile presentimento di vedere il suo onore distrutto, decide di farla sposare con un giovane venditore d'auto arrivato da poco in città. Coryn rimane colpita dal suo futuro sposo, bello, avvenente, ricco quanto basta per offrirle una vita agiata, rispettosa, ma dentro di lei qualcosa le dice di scappare, il più lontano possibile. Si ripete che non può essere quello l'amore, non può limitarsi a due occhi profondi, a qualche parola dolce e ad una bella casa in città. Nonostante ciò il suo presentimento viene soffocato, ammutolito, bloccato dalla razionalità stessa e, a diciassette anni Coryn si reca all'altare al braccio di suo padre per sposare questo giovane alto, affascinante, ma quasi sconosciuto.
All'altro capo del mondo Kyle sta vivendo il suo sogno. È il leader di una rock band nel pieno del successo, è talentuoso, enigmatico, profondamente ferito da un passato del quale porta costantemente il peso sulle spalle. È terrorizzato dalla vita tanto quanto ne è stimolato, si sente padrone dei suoi sentimenti, ma al contempo ne è vittima innocente. Porta dentro di se delle ferite profonde e crudeli che nessuno riuscirà mai a far guarire, nemmeno il suo più grande amore:la musica, che sin da bambino lo ha posseduto, lo ha guidato a cercare nel mondo il suo posto, il suo ruolo. Kyle scrive le sue melodie, le suona, le canta e sarà proprio grazie a questa sua dote che comporrà una canzone, quella canzone che, all'altro capo del mondo, riuscirà a risvegliare dal torpore un cuore sanguinante e ferito a morte. Ed ecco che arriva il destino, quello strano movimento di coincidenze che mette in moto dei meccanismi vitali  fino ad allora persi nel microcosmo. Il destino che inesorabile bussa alla porta di noi poveri esseri umani senza darci il tempo di reagire. E nell'istante esatto in cui Coryn sente uscire dalle casse dello stereo le parole e le note di quella canzone, il destino dei due giovani si lega indissolubilmente. Ancora nessuno dei due sa della loro reciproca esistenza. Coryn non sa chi sia Kyle e Kyle non sa chi sia Coryn. A tenerli avvinghiati sono solo le dolci parole incise su di una melodia profonda, indescrivibile, la voce di un giovane sconosciuto. Sarà quella voce, intima, intensa a risvegliare in Coryn la speranza di sentir nascere l'amore. La stessa speranza che, per un fugace momento, le permetterà di fuggire dalla prigione nella quale si trova rinchiusa dal giorno del suo matrimonio, da un marito possessivo, irrazionale, violento, da una giovinezza spezzata e gettata in un buco nero. Quella canzone, quei pochi minuti di intima confidenza, le permetteranno di volare oltre le alte mura che la vita le ha costruito intorno con dolore e sconfitta.
Vi ho appena parlato del momento in cui due giovani lontanissimi, straziati dalla vita, si sono trovati vicini al punto da sentire le loro anime toccarsi. Del come questo sia realmente successo non ve ne parlerò, lascio a voi il piacere di scoprirlo.

L'istante esatto che lega due destini è un libro bellissimo. L'ho adorato dalle prime prime righe fino all'ultima parola dell'ultima pagina. Mi è entrato dentro, mi ha fatto soffrire, emozionare e mi ha stupita con la sua profonda e intensa semplicità. È uno di quei libri che parla al cuore senza mezzi termini, senza illusioni e falsi moralismi. Affronta temi intensi come la violenza, il dolore, la sconfitta fisica ed interiore la prepotenza e la durezza della vita in ogni sua declinazione, senza lasciare nulla al caso. Il risultato è una storia che ci insegna a non perdere mai il contatto con la realtà, ma allo stesso tempo ci fa osservare un mondo nel quale non bisogna mai smettere di sognare, di vivere, di prendere in mano le redini dell'esistenza e correre al galoppo.
Un romanzo vero, intenso, attuale, profondo, travolgente come l'amore, struggente come a volte la vita sa essere, indimenticabile.

“Forse i pittori fremono solo davanti alle luci e ai colori e i poeti avvertono solo le emozioni, ma lui – il musicista – udiva la musica della vita. Il respiro di Coryn era come un canto, e posando le sue mani su di lei Kyle sentì tutte le note che la riempivano.”




 L'autrice





ANGELIQUE BARBERAT è cresciuta ascoltando le storie che le raccontava il nonno russo: forse è per questo che ha sempre amato scrivere. Ha lavorato come insegnante ed è autrice di vari romanzi, tra cui alcuni libri per bambini. L'istante esatto che lega due destini, il romanzo che le ha dato notorietà, ha ricevuto il consenso unanime di critica, lettori e librai francesi grazie a un passaparola che non accenna ad arrestarsi.




4 commenti:

Starlight ha detto...

Una splendida recensione tesoro, come sempre! Sono a 4 capitoli dalla fine e concordo con le tue parole, tutte. Un libro assolutamente stupendo, che fa riflettere e che ti da un'idea inaspettata del destino. Un bacio enorme e grazie per l'ottimo consiglio, ti adoro <3

Sybil Sognandotralerighe ha detto...

Cara Starlight, come sempre ci troviamo a viaggiare sulle stesse corde... Hai ragione, è un libro davvero stupendo e sono felice di averti dato un consiglio utile e sincero... Un abbraccio grande grande! <3

Marina Karam ha detto...

Mi sento molto onorata! Se il libro è stupendo, mi prendo un piccolo merito, se me lo permettete, perché vi ho permesso di leggerlo in italiano :-)
Grazie!
Marina Karam - la traduttrice

Sybil Sognandotralerighe ha detto...

Cara Marina, hai ragione a sentirti onorata! Infatti il merito dell'atmosfera che si respira nel libro va attribuito proprio alla traduzione che tu hai fatto, cogliendo ogni sfumatura e regalandola a noi lettrici italiane! Non a caso nel blog segnaliamo sempre il nome del traduttore proprio sotto la cover del libro, così da sottolineare l'importanza della traduzione nella riuscita stessa della lettura!!!
Grazie infinite per il tuo lavoro! Un abbraccio!