venerdì 20 marzo 2015

L' ESTATE DELL' AMORE PERDUTO - Tracy Guzeman Recensione



«Più divento vecchio, Mr Lapine, più mi accorgo che certe volte è meglio non conoscere le risposte. Anzi, spesso vorrei non avere mai sentito la domanda.»

Non è una lettura della buonanotte, non è stato scritto per far scendere la lacrima facile:   libri come questo  si assaporano pagina dopo pagina con rispetto e inquietudine, fanno riflettere su sensazioni, comportamenti, e soprattutto sull' ineluttabilità di un destino spesso beffardo. 


 Mondadori
L' ESTATE DELL' AMORE PERDUTO
TRACY GUZEMAN


Traduzione: M. Faimali 
Collana: Omnibus
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 321
Prezzo: € 17,50
e-book:   € 8,99

La trama 

Nell'estate del 1963 Alice Kessler e sua sorella Natalie, entrambe adolescenti, passano con i genitori un mese di vacanza in un cottage immerso nella natura nei pressi di New York. Il loro vicino di casa, Thomas Bayber, è un affascinante pittore di ventotto anni ancora sconosciuto. La giovanissima Alice, appassionata di ornitologia e affetta da una grave forma di artrite reumatoide, si innamora di lui, ma deve fare i conti con la sorella maggiore, bella e spregiudicata che, di nascosto, cerca di sedurlo, segnando la fine dei loro giorni spensierati. New York, 2007. Thomas, ora artista famosissimo, vive recluso in un cupo e fatiscente appartamento e ha smesso di dipingere da vent'anni. Quando decide di convocare Dennis Finch, suo biografo ufficiale, e Stephen Jameson, eccentrico esperto d'arte, li lascia senza parole mostrando loro un suo quadro di cui nessuno è a conoscenza e che lui vuole assolutamente vendere. Il dipinto ritrae Thomas da giovane tra Alice e Natalie Kessler colte in un'atmosfera molto disturbante. Ma questo è solo l'elemento centrale di un trittico: Dennis e Stephen dovranno ritrovare i due pannelli mancanti, e Thomas sa bene che solo le due sorelle, di cui lui ha perso le tracce molti anni prima, potranno aiutarli. I due uomini partono così alla loro ricerca, impresa che non si rivela semplice e li ossessiona ogni giorno di più, fino a quando scopriranno una verità che cambierà per sempre la vita di tutti.

 Opinione di Charlotte

L' estate dell’ amore perduto ripercorre la vita di Natalie e Alice: due sorelle, due temperamenti, due approcci alla vita, due condizioni esistenziali  e una declinazione diversa della sopportazione e dell’ infelicità. Oggetto delle loro contese, comune denominatore della loro frustrazione e delle loro azioni nell’ arco di quarant’ anni,   un pittore egocentrico e irresistibile, discutibile ma dall’ innegabile charme e dallo straordinario talento. Un viaggio nel tempo ripercorre più volte andata e ritorno la storia di questi protagonisti  e l’ intreccio delle loro esistenze, arricchendosi di stimoli e  personaggi di capitolo in capitolo: a fare emergere dal passato torbidi e sofferti segreti sepolti,  in grado di rivoluzionare la realtà contemporanea e di annodare i destini di ieri e di oggi.  
Thomas Bayber,  sregolato  ma magnetico, Dennis Finch vedovo triste inacidito, Natalie bellissima ma insoddisfatta, Alice arguta ma prigioniera di un corpo che non le obbedisce, Stephen Jameson geniale ma asociale : ognuno di loro prova la sensazione di vuoto, sente incombere il dolore, è protagonista di  un mistero,   combatte con i mezzi a sua disposizione. L’ estate dell’ amore perduto permette di guardare il mondo con gli occhi di un artista, ma anche  di una bambina troppo saggia costretta a  crescere troppo in fretta, di un uomo solo e disincantato, di un giovane in cerca di riscatto: ognuno ha un obiettivo, a ciascuno vengono date una dote  e una croce da sopportare.
Tutti i personaggi esprimono inadeguatezza,  sentimenti imperfetti, non sono mai giustificabili né condannabili in toto: dominati da  ammirazione che sconfina nell’ invidia, da complicità che sfuma nell’ ostilità, costantemente messi alla prova dalla rassegnazione, dal tempo che scorre e che viene irrimediabilmente perso,  dalla morte  che incombe inesorabile e che non è né amica né nemica, ma semplicemente  parte naturalmente  integrante della vita .

“ Mi domando se qualcuno si renda davvero conto della propria fortuna prima che sia troppo tardi.”


A questo mondo costruito su  illusioni e disillusioni non può che fare da  contraltare l’ universo  dell’ arte, effimero ma tangibile, fruibile dai sensi: e così  il linguaggio delle emozioni viene accostato simbolicamente a  quello degli artisti,  fatto di imprimiture, dorature, pigmenti, telai, ripensamenti, ultime pennellate. Il lettore ammira i quadri di Bayber, assiste alla rappresentazione intrisa di misteri e di pathos che la Guzeman gli sottopone, e assume la posizione di un critico davanti all’ artista: diventando  lo spettatore esterno al quale viene richiesto un giudizio imparziale che non può prescindere dalle sensibilità dell' autore e dei protagonisti dell’ opera  , e che quindi deve  anteporle  alla propria visione di parte.
In L’ estate dell’ amore perduto c’è davvero di tutto: è un libro che parla il gergo dell’ azione e del surreale, della passione e del giallo con tendenza noir,  che racconta la bellezza di un dipinto immutabile ma anche il degrado della malattia e della vecchiaia, che celebra  l’ amore e la passione e al contempo esalta  la rassegnazione e l’ espiazione.
Il romanzo è estremamente scorrevole e diversificato nei componenti,  dosati con grande equilibrio e leggerezza.  Non è  confortante, ma così   avvincente, malinconico, struggente, da entrare sotto pelle: insinuando  nel lettore ora indignazione, ora compassione per  le debolezze e la  forza dell’ animo umano;  evidenziando per ogni personaggio  debiti da scontare e  crediti per  qualcosa che è stato negato. La speranza  risiede  nella comprensione  degli eventi passati, causati e subiti,  che considerati nella giusta prospettiva possono dare una chance  al futuro: raccogliere i frutti che sono stati  seminati in un terreno improduttivo, e che tenacemente e contro ogni previsione sono sopravvissuti alle avversità e alle cattive azioni, può costituire il primo passo per  un  parziale riscatto. 


L' Autrice


 Tracy Guzeman è nata ad Aurora, nell’Illinois, e vive nei pressi di San Francisco. L’estate dell’amore perduto è il suo primo romanzo
Il sito ufficiale dell' autrice: 
Tracy Guzeman su Twitter

5 commenti:

Starlight ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Starlight ha detto...

Tesoro, con poche parole riesci ad entusiasmare il lettore con le tue recensioni! Questo libro ha l'aria di essere molto toccante, considerando le sensazioni che ti ha lasciato =)
Come sempre sai come incuriosire la gente e trasmetti perfettamente le emozioni provate, si vede che ti ha toccato! Alla prossima, ti adoro <3

Anonima Strega ha detto...

Cara consorella, questa trama appare molto interessante... Che la Dea ti benedica, Anonima Strega

Charlotte Sognandotralerighe ha detto...

Cara Anonima Strega, il libro è davvero appassionante e singolare: se dovessi leggerlo, sarei davvero curiosa di conoscere a tua opinione!
@Starlight, sei sempre un toccasana per la mia autostima..:-)

Anonima Strega ha detto...

Cara consorella Charlotte, ancora non ho raggiunto un livello esoterico tale da riuscire a materializzare soldi per acquistare tutti i libri che vorrei, né tanto meno a dilatare lo spazio-
tempo. Intanto è nella mia Lista Desideri. Che la Dea ti benedica, Anonima Strega