sabato 24 marzo 2012

L'ORDINE OCCULTO DEGLI ALCHIMISTI di Karen Mahoney


                                 
                                     Image and video hosting by TinyPic

LA MIA RECENSIONE


Insipido..

Questo primo libro della nuova trilogia "The Iron Witch" non mi ha lasciato niente, quindi mi rimane davvero poco da dire.
Iniziato con tutti i migliori propositi, finito con un po' di rammarico per l'ennesimo YA che annoia per la sua inconsistenza e per il contenuto che poteva essere approfondito e valorizzato di più.
Tutto succede troppo in fretta e poche sono le spiegazioni, quindi ci troviamo a dover metabolizzare ciò che è sconosciuto creando confusione a chi legge.
Di pari passo ho avuto la sensazione del già letto, un mix della serie dei Sangueblu, qualche cognome strappato alla saga di Twilight per finire con il bellone e misterioso di turno che prova un'immediata attrazione per la protagonista e viceversa.
Quando le acque si calmano e si aprono le porte per l'occasione di spiegare, l'autrice lo fa in maniera così blanda che, pur impegnandomi e rileggendo le righe, non riesco a capacitarmi se non ho capito niente io o la Mahoney narra con una superfilcialità inaudita che non se ne cava niente.. mi auguro che la colpa sia mia ^_^
Tutto mi ha dato la sensazione del vuoto, dai dialoghi sino ad arrivare alle parti introspettive dei personaggi, principalemnte quello di Donna, che l'avrei preferita se la sua personalità si fosse imposta un po' di più, avesse parlato più di sé e di quello che la circonda come, per esempio, è accaduto nelle troppo poche pagine tratte dal suo diario.
Nella parte finale sembra che qualcuno abbia dato una spinta d'incoraggiamento alla scrittrice ma nonostante ci siano stati delle specie di colpi di scena, non è riuscita a suscitare, perlomeno in me, nessuna motivazione.. Non ha saputo approfittare della possibilità di dare una svolta al racconto, partito in sordina ma con un'eventuale impennata nel finale. Quello che poteva essere raccontato creando suspence, aspettativa e anche un minimo di giallo-horror si è evoluto come un elettroencefalogramma quasi piatto.
Che dire se non che spero che il prossimo sia migliore perchè in fondo qualche potenzialità, a cercar bene, la si può trovare.




editore: Newton Compton
pagine: 320
prezzo: 9,90 euro
rilegato

TRAMA

 Quando Donna aveva solo sette anni, una terribile avventura nel bosco la segnò per sempre: una notte suo padre venne ucciso, sua madre impazzì e lei riportò delle ferite gravissime. Il ricordo di quella tragedia è impresso sulla sua pelle, nei tatuaggi che le ricoprono interamente le mani, ricostruite grazie alla magia. Per questo Donna è costretta a indossare sempre lunghi guanti e a tenersi in disparte. Solo l’affetto di Navin Sharma, il suo migliore amico, la salva dalla pazzia. Una sera però Donna conosce Xan, un ragazzo schivo quanto lei, che ha sulla schiena due vistose cicatrici, come se gli fossero state rimosse delle ali. Per qualche strano motivo, Donna sente di potersi fidare di lui, così, quando Navin viene rapito dai malvagi elfi oscuri, la ragazza rivela a Xan ciò che non ha mai detto a nessuno: lei è il più giovane membro dell’Ordine del Drago, una congrega di alchimisti che ha il compito di proteggere gli umani e custodisce il segreto dell’immortalità. Ora però si trova di fronte a una scelta difficile, perché l’unico modo per salvare Navin è tradire l’Ordine, cedendo l’ultima ampolla dell’elisir di lunga vita...

3 commenti:

sangueblu ha detto...

...Peccato! Sembrava buono,dalla trama! ...E aveva riscosso anche un discreto successo all'estero. A questo punto c'è da chiedersi come sia stato possibile!!??!!

Nippi ha detto...

Mah, non saprei Sara, io l'ho trovato vuoto.. Ma per fortuna non tutti abbiamo gli stessi gusti ^_^

sangueblu ha detto...

Sinceramente mi fido più del tuo giudizio visto che sono sulla tua lunghezza d'onda praticamente al cento per cento quando si tratta di letture😉