lunedì 2 maggio 2016

LA LORO ULTIMA SPIAGGIA C.Romolo Recensione

"Vieni. Voglio uscire "
Self Publishing 
LA LORO ULTIMA SPIAGGIA 
C. ROMOLO 

Genere: fantasy/thriller
Pagine: 40 
Prezzo: € 0.99  ( gratis con  Kindle Unlimited )



La Trama
Nicolas, un uomo introverso e solitario, è il titolare della 'Tuffo nel blu' e accompagna i turisti in escursioni subacquee nei pressi dell'isola dove vive. La moglie Marina è morta suicida un anno prima e vede la figlia solo durante le vacanze scolastiche.
Durante un'immersione l'uomo scorge il volto di una donna che lo osserva dal fondo del mare e desidera disperatamente che appartenga a Marina.
La singolare esperienza gli permetterà di conoscere Tea, una giovane donna che vive con il figlio Nemo, un misterioso bimbo...
Una storia ben costruita, dove il confine tra realtà e magia è impercettibile. I numerosi misteri verranno svelati a poco a poco, ma senza spezzare completamente la dimensione surreale che la caratterizza. 

Opinione di Charlotte
C'è chi soccombe all' afflizione  e chi la combatte, a modo suo.
E'  il leit motiv  di questo racconto affascinante,  in un gioco di specchi tra realtà e finzione, vita e morte, isolamento nel dolore  e tentativo di una  sua condivisione.
Una storia in cui l' acqua con i suoi riflessi e la sua capacità di inghiottire, di fluire, di purificare, si fa croce e delizia,   in cui  un uomo e una donna solitari e tormentati sono rotaie  parallele dello stesso binario.  Fin dalle prime pagine de L' ultima spiaggia   il loro vissuto si presenta assai difficile, il loro atteggiamento  sembra sconfinare nel patologico, salvo  assumere repentinamente una parvenza di credibilità agli occhi del lettore, sedotto e disorientato  al verificarsi di  eventi imprevedibili.
Quella che a tratti sembra una sceneggiatura visionaria  di Miyazaki , o una suggestiva scenografia di Amenábar  fatta di paesaggi surreali, di suoni e  visioni, di ambientazioni atemporali , aspaziali e inquietanti,  diviene    luogo d' elezione nella  comunicazione tra un  individuo  e l' altro, e tra questi e  l' elemento sovrannaturale  ;  arrivando ad assumere i toni di una piece teatrale incentrata sul dialogo  tra  personaggi, così intimo da sembrar quasi voler escludere il lettore dalla  connessione ora verbale e logica, ora muta e istintiva, che viene a crearsi. 
In un' atmosfera da thriller,  angosciante, misteriosa e un po' magica,  tra luoghi e  non luoghi, visioni surreali e tonfi nella realtà - non sempre ben distinguibili tra di loro   e per questo estremamente efficaci  nel tenere sulle spine il lettore - le prospettive mutano di capitolo in capitolo, le dimensioni si fanno di volta in volta grandi e piccole, le emozioni ora delicate ora dirompenti.
Con questo racconto C.Romolo manifesta ancora una volta  la sua capacità nel far vibrare di energia finanche gli oggetti più insignificanti:  confermandosi un' autrice molto evocativa, dal lessico variopinto ma non decorativo o fine a se stesso, e  dalle intuizioni sorprendenti.   In grado di creare situazioni ermetiche basate su  dialoghi ambigui e su situazioni interpretabili in maniere differenti.  Svelando le sue verità  al lettore a poco a poco:  portandolo, in questo racconto,  a individuare una possibile ultima spiaggia salvifica,  nella quale la normalità, la lucidità, la razionalità sono  concetti relativi  e modulabili  sulla personalità e il vissuto di ogni essere umano.



La Citazione ( dalla pagina FB dell' Autrice)





La pagina Facebook dell' Autrice: 


Il  sito web:

Altri eBook di C. Romolo: 

Il mal della luna ( recensione QUI)
I Senza Radici

2 commenti:

Sello Selloso ha detto...

Ma quanto è bello?

Charlotte Sognandotralerighe ha detto...

Davvero tanto tanto tanto Rossella!! :-)