giovedì 5 febbraio 2015

AMBER Antonella Arietano Recensione + Giveaway

Oggi grazie alla disponibilità dell' autrice Antonella Arietano e della casa editrice Triskell,  prende il via un nuovo invitante Giveaway che vede protagonista un  piacevolissimo romanzo fantasy/young adult 





Di seguito trovate  la mia recensione del libro, affinchè possiate approfondirne la conoscenza, nonché   tutte le informazioni necessarie alla partecipazione all' estrazione del ghiotto premio.

Buona lettura e.. in bocca al lupo!

Triskell Edizioni
AMBER 
ANTONELLA ARIETANO 



Genere: Fantasy/ YA 
Pagine: 246
Prezzo: € 7.99
e-book: € 4,99
copertina flessibile

La recensione

" Il futuro è spesso nebuloso e incerto, non lasciarti ingannare. E ricorda: c’è sempre un’alternativa "
" Ricorda sempre chi sei, non indietreggiare di fronte al dubbio e all’incertezza."

Questo libro è un' ulteriore  conferma dell’ originalità e della diversificazione della proposta Triskell, che sovente esce dagli schemi e regala pubblicazioni stimolanti. 
Si tratta di una lettura fresca, spontanea,  adattissima a un  pubblico di ragazzi ma in grado di soddisfare appieno  anche  un palato più maturo disposto a sognare e a lasciarsi affascinare da amori, pericoli,  incantesimi e mondi immaginari.  Amber è un fantasy  permeato di  suggestioni che rimandano ad  Avalon e alla bibliografia relativa alla leggendaria isola,   senza tuttavia insistere in modo didascalico e prolisso su creature, magie, luoghi:  la struttura narrativa  non  fa leva sulla complessità della trama, sulla meticolosità della resa dell’ ambientazione,  sulle descrizioni impegnative,   ma al contrario trova  il suo punto di forza nella semplicità,  nell’ immediatezza, che portano il lettore a divorare le pagine. Quella di Antonella Arietano è una narrazione attiva ,  che si basa sull’ evocazione ed evoluzione dei fatti, ma che attraverso il racconto di comportamenti e azioni si fa partecipata emotivamente e  dà forma solida  alla personalità del personaggio, alle sue insicurezze e ai suoi lati positivi. 
 E’ una storia avvincente e avventurosa che sotto la patina tenera e giocosa  merita di essere letta con attenzione, poiché metaforicamente diventa il  viaggio itinerante  dei protagonisti  Amber e David , in bilico tra fanciullezza ed età adulta,  dentro di sè,  in un  percorso introspettivo di crescita e consapevolezza della propria identità e  del proprio valore; disseminato di dubbi e ostacoli  che noi genitori comprendiamo presto o tardi anche i nostri figli si troveranno ad affrontare,  e che  risulta toccante e reale pur nel contesto fantastico della vicenda. Il  conflitto interiore di Amber e David è principalmente dovuto al possesso per entrambi di una capacità poderosa  che è  al contempo dono e condanna ,  e che entrambi  devono imparare a capire e ad accettare per volgerla al meglio.
Questa presa di coscienza è il simbolo del passaggio di due ragazzi all' età adulta, mediante il fronteggiare responsabilità, pericoli  e scelte più grandi di loro. La loro  fuga rocambolesca da ciò che è meschino, ingiusto, superficiale, sminuente per la loro  identità   è appoggiata da personaggi esterni che li aiutano, li addestrano, li proteggono finché possono: ma alla resa dei conti, i due giovani  devono contare solo sulle proprie forze e sui propri valori per compiere la loro missione, sopravvivere e guadagnare rispetto: divenendo artefici del loro destino,  combattendo  ingiustizia, potere  e crudeltà ai quali non possono e non devono soccombere.
La storia li porterà a cavalcare per giorni, a visitare castelli, monasteri, capanne nel bosco,  a dare prova del loro coraggio e della forza dei loro sentimenti; con sommo diletto del lettore immerso in vicende avvincenti e coinvolgenti. 
Amber è un libro  fluido e incalzante, una combinazione di  amore -  vero o superficiale, corrisposto  o meno  ,  magia delle erbe medicamentose ma anche  dei sentimenti,   azione da cardiopalmo,  dramma: amalgamati in modo fantasioso,  delicato e  pulito, separando nettamente   buono e cattivo come solo i giovani adulti sono in grado di fare. In questo modo Antonella Arietano  avvince ed emoziona  con fantasia  rimandando a  quell’ età, a quegli stati d’ animo che un po' tutti abbiamo vissuto:  a quella sensazione di onnipotenza e al contempo di fragilità  dei quasi-adulti, per i quali tutto è possibile, esaltante e al contempo terrorizzante.

L' Autrice 

Antonella Arietano vive vicino Lugano, in Canton Ticino, con il marito, due figli e un magnifico pastore svizzero bianco.    Da quando ha scoperto il piacere di scrivere, a 8 anni, non è più riuscita a smettere.    Ogni tanto gioca a fare teatro, adora le fiabe, crede a gnomi e fate e non perde una puntata di “Once upon a time”.    Sul suo blog, www.libriesorrisi.com, parla di scrittura e di libri. Ama gli animali, anche quelli a due zampe, e crede che il mondo, tutto sommato, sia ancora un posto meraviglioso

GIVEAWAY: ISTRUZIONI PER L' USO 

Per partecipare all' estrazione di una  copia cartacea autografata del libro è necessario:

- diventare followers del blog di Antonella Arietano  " Libri e sorrisi"
- rispondere alla seguente domanda e lasciare un recapito mail o Facebook  sotto questo post: 

che Dono ti piacerebbe avere e come lo useresti?

Spremetevi le meningi per trovare una risposta personale, il premio è davvero molto invitante!
Ci aggiorneremo tra venti giorni per la proclamazione del vincitore...


15 commenti:

Antonella Arietano ha detto...

Grazie di cuore per questa favolosa recensione! Riuscire ad arrivare al cuore del lettore, offrendo un'emozione anche piccola, e' già un Dono meraviglioso... ^-^

carmela barca ha detto...

Buongiorno: ) la recensione è davvero bella e stimola la curiosità di questa lettura ce davvero bisogno di rilassarsi sognare lasciarsi trasportare..quindi partecipo molto volentieri la domanda del dono è simpaticissima... il mio dono potessi averne ricevere uno è viaggiare nel tempo e cambiare tutte le brutte situazioni.. la mia mail è carmelab1985@libero.it ho condiviso su fb e g+ complimenti e grazie per Quest opportunità. Mi sono iscritta alla New letters come Carmela Barca

Luce DiStella ha detto...

Ciao! Mi sono iscritta come follower al blog dell'autrice. Questa è la conferma: https://twitter.com/Luceds/status/563253381989281792
Il dono che mi piacerebbe avere è quello dell'ubiquità. Se potessi trovarmi in più posti contemporaneamente potrei fare molte più cose e risparmierei tempo ^_^
La mia e-mail è:
Light130@hotmail.com
Grazie per questa bellissima opportunità.

jess maccario ha detto...

Eccomi, non conoscevo il romanzo ma mi sembra interessante!
Il Dono che vorrei è quello di potermi smaterializzare in un posto per poi ricomparire in un altro. Quando viaggiavo con il treno pensavo che se solo avessi potuto teletrasportami sarebbe stato tutto più semplice e non mi sarei arrabbiata tanto per i suoi ritardi!!
Seguo come jess e la mia e-mail è jessica.maccario@gmail.com

The Winged ha detto...

Io chiedo solo un po' di serenità. Sarà banale, ma ci sono momenti nella vita in cui sarebbe bello averla.
Me ne basterebbe anche solo un pochino, e per me sarebbe un dono meraviglioso.

Katy71 ha detto...

Recensione molto interessante, invita proprio ad avvicinarsi al romanzo e godere attraverso di esso ogni sfumatura della lettura. Mi piacerebbe avere il dono di leggere davvero l'anima delle persone attraverso i loro occhi. Molto spesso so intuiscono molte cose, ma leggerle come se davvero fossero libri aperti sarebbe veramente affascinante. Cadrebbero i veli e muri di difesa, si esporrebbe la verità e nuda e cruda, quella che spesso si tende a nascondere in remoti angoli della ragione e della consapevolezza.
Seguo il blog con il nome Katy71 e questa è la mia mail:
katypol@libero.it
Grazie per l'opportunità

ramona ha detto...

Bellissima recensione... E libro decisamente interessante...
Il dono che vorrei ricevere come hanno già detto in tante e quello di smaterializzarsi da un posto all altro senza dover viaggiare..sarebbe veramente fantastico...
Il mio recapito Facebook e
https://www.facebook.com/ramona.bottoli
Grazie di cuore x avermi fatto scoprire un nuovo libro

Alessia ha detto...

Ho messo mi piace alla pagina fb del sito citato e mi sono iscritta alla newsletter con la mia email alessiacrescenzo@gmail.com ..non so se va bene..casomai fatemi sapere ^^
Il dono che mi piacerebbe avere é la telecinesi come Matilda l'aveva nel film Matilda 6 mitica..non so se l'avete mai visto ma era il mio film preferito quando ero piccola :D
Mi piacerebbe averla perché sono una persona molto pigra, che passa molto tempo spaparanzata qua e la, e sarebbe davvero una pacchia non doversi alzare per prendere un telecomando, un libro ecc :D
Penso che potrebbe tornarmi utile anche in molte altre situazioni u.u

Renèe kirstin ha detto...

ciao a tutti partecipo anche io :)
ogni tanto vorrei il dono di poter lasciare per un pò tutte le mie preoccupazioni e la mia realtà e ritrovarmi in un altra, così solo per staccare un po dalla noiosa quotidianità e riprendermi per avere la possibilità di continuare poi rinata, sarebbe bello quindi avere la possibilità di viaggiare tra dimensioni diverse per conoscere quella fantastica e parlare un pò con gli abitanti del piccolo popolo, oppure conoscere gli angeli e le loro idee sul mondo, poter conoscere tutto ciò che ci è occultato :)
la mia mail è kirstin.libri@gmail.com

Il barattolo di latta ha detto...

Ciao! vorrei partecipare, ma non so come aggiungermi ai lettori fissi!
Sono solo riuscita ad iscrivermi alla newsletter e ho messo mi piace alla pagina fb (su fb sono Simo San)
Spero che basti!
Non conoscevo il tuo blog e ti ho trovata per caso!

Il dono che mi piacerebbe ricevere di più in assoluto è il teletrasporto.
Io adoro viaggiare e sapere che in un nanosecondo potrei materializzarmi in un qualsiasi paese del mondo mi fa venire gli occhi a cuoricino! :D

Il barattolo di latta ha detto...

Ciao! vorrei partecipare, ma non so come aggiungermi ai lettori fissi!
Sono solo riuscita ad iscrivermi alla newsletter e ho messo mi piace alla pagina fb (su fb sono Simo San)
Spero che basti!
Non conoscevo il tuo blog e ti ho trovata per caso!

Il dono che mi piacerebbe ricevere di più in assoluto è il teletrasporto.
Io adoro viaggiare e sapere che in un nanosecondo potrei materializzarmi in un qualsiasi paese del mondo mi fa venire gli occhi a cuoricino! :D

Eiry ha detto...

Ho pensato molto a quale risposta dare, come avevo detto in un post su Fb, questa domanda è davvero difficile.

Il potere che mi piacerebbe avere: mi piacerebbe poter fare in modo che le persone vivano facendo ciò che davvero gli piace. Vorrei che gli scrittori scrivessero senza dover fare due lavori, che i musicisti non si sentissero dire di mettere da parte i propri sogni...e così per tutti. Sarebbe bello se tutte le nostre aspirazioni potessero essere veri lavori, grazie ai quali vivere normalmente.
Un potere impossibile...ma è bello sognare.
La mia mail è: twin-eiry@live.it
Seguo il blog di Antonella su twitter.

Sara Tricoli ha detto...

Ciao, davvero una domanda difficile... anche perché se penso a un talento che vorrei, me ne saltano in mente almeno una decina che si accalcano per essere scelti!
Se dovessi scegliere in base al bene comune ovviamente sarebbe bello che tutti attivassero la loro coscienza. Insomma che tutti vivessero con il motto: "Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te!"Tutto sarebbe magicamente perfetto!
Se invece devo pensare egoisticamente, mmm... vorrei avere il dono di dilatata il tempo a mio piacimento... tipo far durare un minuto un'ora o due o dieci. Il mio bisogno di avere più tempo è sicuramente la mia esigenza maggiore: più tempo per la mia famiglia, per lavorare, per leggere... per scrivere... per viaggiare (perché a me piace viaggiare, ma non solo visitare un luogo, adoro anche tutte le peripezie per arrivare in quel luogo:)).
Tornare indietro nel tempo mi farebbe paura. Paura di cambiare anche quello che c'è di buono oggi e quindi no, non vorrei... ma poter far durare più a lungo certi momenti... Sì, decisamente un dono prezioso. Grazie per avermi fatto riflettere su questo è stato molto interessante ^^
tricoli.sara@gmail.com

Chiara Mes ha detto...

Ciao! Che bell'iniziativa, davvero. Hai fatto una domanda che sembra semplice, ma che non lo è affatto. Scegliere la possibilità di leggere nel pensiero, di leggere le emozioni per poter dare un aiuto concreto. Non sto parlando di carpire le risposte a un compito o a un esame in questo modo. Sto parlando di riuscire a guardare negli occhi un amico, un amore, una persona cara o anche solo l'estraneo con lo sguardo un po' perso che ti trovi seduto davanti a te in treno mentre ritorni a casa. A volte si è sommersi dalle preoccupazioni, dalle ansie (dagli attacchi di panico), e i problemi sembrano ingigantirsi. Basterebbe solo parlarne ma non si trovano mai le parole, e poi chi vorrebbe ascoltarli e aiutarci? Così io vorrei saperli per poter provare a risolvere qualcosa. Non sono poi così generosa, è un dono che vorrei che anche qualcun altro possedesse e potesse usare su di me. Le parole sono uno strumento potentissimo, ma anche difficile da maneggiare.

Chiara Mes ha detto...

Mi sono dimenticata sopra! La mia mail è zakros.c@gmail.com