mercoledì 10 luglio 2013

IO TI VOGLIO Irene Cao Recensione in anteprima

Di solito negli spettacoli pirotecnici, c'è un triplo botto di chiusura, che annuncia la fine dei fuochi. Ecco cosa penso della trilogia di Irene Cao. Una trilogia tricolore che chiude col botto,  in un crescendo di stati d'animo e passione, di tormento interiore ed errori di valutazione personali. Lo ammetto mi sono affezionata a questi personaggi "comuni", che vivono in mezzo a noi, appartengono al nostro tempo e ai nostri costumi... e mi mancheranno. Come mi mancheranno le gite virtuali tra Roma e Venezia, tra strette Calli e sanpietrini arroventati dal caldo. Mi mancheranno i colori e i profumi del Mediterraneo, gli sguardi e le carezze rubate, l'attrazione tra un uomo e una donna che ci hanno reso partecipi della loro travagliata ma realistica relazione, dei loro stati d' animo mutevoli ma sempre intensi, dei loro errori e della loro imperfezione, nella quale potremo rispecchiarci in tanti.
Grazie Irene, per averci fatto leggere una trilogia erotica senza effetti speciali, solo l' Amore e la passione che, ha bruciato più o meno tutti noi alla stessa età.... 
 
 
 
 
10 LUGLIO  CARTACEO
12 LUGLIO EBOOK

 
 
IO TI VOGLIO
Irene Cao



Collana: Rizzoli max
Pagine:
Prezzo: 14.90
Ebook: 6.99
Cartaceo 10 Luglio
Ebook: 12 Luglio 
 
 
 
Trama
 
 
Vivere senza amore, libera da legami e dagli effetti collaterali del sentimento: è questo il nuovo mantra di Elena, che è un'altra persona da quando ha rinunciato alla passione assoluta per Leonardo e alla sicurezza della storia con Filippo. Esce tutte le sere e passa ogni notte con un uomo diverso, ma è un modo come tanti per riempire un'assenza che brucia e non si lascia dimenticare, perché nemmeno nel sesso Elena sa più trovare quel piacere che Leonardo le aveva insegnato a reclamare come un diritto. A Roma solo Paola, la collega un po' burbera che l'ha accolta in casa, e Martino, un timido studente di storia dell'arte che per lei ha un debole neanche troppo nascosto, si ricordano com'era prima di perdersi completamente. Ma due anime che si appartengono non sono destinate a restare lontane. E così, anche se a far incrociare di nuovo le loro strade è un incidente che costringe Elena in un letto d'ospedale, Leonardo ritorna senza chiedere il permesso nella vita dell'unica donna che gli abbia mai fatto perdere il controllo. Vuole salvarla da se stessa, essere finalmente suo e per questo ha deciso di portarla con sé a Stromboli, l'isola dove è nato. Curerà le sue ferite, quelle del corpo e quelle del cuore, con il fuoco della passione, perché ora è certo di non poter più fare a meno di lei. Quello che ancora non sa è che il suo passato, troppo a lungo nascosto, sta per rompere gli argini. E in quel momento solo l'amore puro e incondizionato di Elena potrà salvarlo...
 
 
 
Opinione
 
 
Senza accorgercene siamo arrivati al gran finale. L'ultimo appuntamento con la trilogia più chiaccherata delle ultime settimane. Una storia d'amore e passione che ha convinto, colpito e appassionato. Ci ha regalato emozioni, tante e tutte intense. Forse più d'uno ha riaperto inconsciamente qualche cassettino della memoria, si è immedesimato in questa reale e travagliata storia tra due personaggi comuni, ha capito e giustificato le scelte fatte da Elena e Leonardo. Irene Cao ci ha aperto la porta e ci ha accolto nel migliore dei modi nella sua narrazione, in una storia che potrebbe essersi svolta realmente in una qualsiasi città d'Italia, tra un uomo e una donna qualunque. Ci ha affidato un diario, l' essenza di un uomo e una donna che faremo fatica a dimenticare. Quest'ultimo libro è dedicato a Elena, al suo dolore, al suo modo di farsi del male, di annullarsi per non soffrire, di ridursi per non pensare. Un percorso introspettivo attraverso il senso di vuoto e smarrimento, la perdita di punti di riferimento. Perchè toccare il fondo significa allontanare gli altri, cercare gli eccessi per stordire la mente e il cuore. Fino a non sentire più niente, come sospesi in una bolla, dove giunge tutto ovattato e diluito... fino a quando un ago non punge la bolla e ti costringe a tornare ai rumori, ai pensieri, alla valutazione dei danni. Così Elena avrà un'altra occasione per ritrovare se stessa e la fiducia nell' amore perduto e poi ritrovato. Una nuova vita con l'uomo di cui è sempre stata innamorata, un idillio quasi irreale, la ritrovata armonia, e l'eros mai sbiadito. Assisteremo alla maturazione di una donna smarrita, di un uomo innamorato, che verranno ancora una volta messi alla prova dagli eventi e dalle persone che li circondano. Riusciranno ad amarsi senza ferirsi, a costruire un rapporto sano, e fidarsi l'uno dell'altra accettando con serenità i difetti?
Io ti voglio è il romanzo delle svolte, delle decisioni importanti, degli eccessi e del perdono.... e ad essere sinceri, è anche il più erotico e sensuale dei tre. Irene è riuscita a raccontare il sesso in modo impeccabile, senza cadute di stile  e descrizioni ineleganti. Ha saputo creare una precisa atmosfera anche nelle scene esplicite, dando al lettore la possibilità di accettare e assimilare le descrizioni più vivide e scabrose.
Non si può certo tralasciare il lato "panoramico" di questo ultimo romanzo. Non solo nuovi scorci di Roma, ma soprattutto una descrizione in hd dell'isola di Stromboli e del suo mare, dei colori, profumi e dei sapori... perchè anche assaggiare la polpa di un riccio di mare, direttamente dal guscio, è uno dei gesti più sensuali ai quali si possa assistere, e chi lo ha fatto almeno una volta nella vita, in dolce compagnia, sa di cosa sto parlando. La natura di un'isola selvaggia amplifica la voglia di libertà e trasgressione, l'attrazione è incontenibile e il sesso è qualcosa di sublime e terribilmente appagante. Ho vissuto sulla pelle ogni singolo brivido di questa coppia, ogni carezza e ogni sensuale bacio. Non posso raccontarvi di più perchè rovinerei la sorpresa, vi consiglio solo di godervelo con parsimonia, perchè arriverete al finale senza rendervene conto, e rimarrete a pensare a tutto quello che quest'uomo e questa donna vi hanno fatto provare. A Irene Cao chiedo di non smettere di scrivere storie d'amore così intense e reali, anche se immagino che questa trilogia l'abbia messa veramente alla prova e noi siamo contenti che l'abbia saputa affrontare nel migliore dei modi. Grazie per aver condiviso questa importante esperienza con noi lettori. Spero di leggerti ancora.
 
 
 
 
L'autrice
 
 
 
Irene Cao nasce a Pordenone poco più di trenta anni fa, ha studiato a Venezia (dove è ambientato Io ti guardo) dove si è laureata in Lettere antiche con una tesi in Storia romana, poi nel 2006 è diventata dottere di ricerca. Ha iniziato a scrivere la trilogia, prima dell' uscita delle Cinquanta sfumature, anche se ammette di averle lette in seguito. A differenza della famosa trilogia d'oltreoceano, la sua sarà incentrata sul sesso, il cibo e l'arte.
 
GRAZIE IRENE... DI CUORE.
Grazie alla Rizzoli per la fiducia accordata al blog.
Grazie alla mia amica Ago, perchè senza il suo fiuto non avrei mai avuto la fortuna di conoscere questa storia.
 
TRILOGIA EROTICA ITALIANA
 
1. IO TI GUARDO
2. IO TI SENTO
3. IO TI VOGLIO

13 commenti:

Irene Cao ha detto...

Grazie a te, Foschia75 (ma ormai ti chiamo Anna), alle ragazze del blog, alle lettrici. Siete grandiose!
Vi mando un abbraccio avvolgente
Irene

foschia75 ha detto...

Cara Irene, grazie davvero per aver donato emozioni.... e una parte di te!

Alessandra ha detto...

Ciao foschia! Io sono una di quelle che ti legge spesso ma non scrive mai! ! Voglio fare un-eccezione stavolta. ..allora. ..innanzitutto complimenti! Il blog mi piace molto e tu foschia sei bravissima! Scrivi in maniera sublime! Le tue recensioni mi catturano dalla prima all'ultima parola! Poi tornando alla trilogia volevo fare i miei complimenti ad irene! I suoi personaggi mi sono piaciuti molto, erano così reali, come se li conoscessi! Quest'ultimo fine settimana ho assillato amici e fidanzato con le storie di Elena Leonardo e Filippo! Non vedo l'ora di leggere l'epilogo ma allo stesso tempo sono sicura che mi mancheranno le loro storie! Spero che Irene ci regali ancora romanzi così coinvolgenti! Grazie! Baci Alessandra

foschia75 ha detto...

Cara Alessandra, che dire, grazie a te per le tue dolci e incoraggianti parole, se tu sapessi quanto invece spesso non mi sento all'altezza di una recensione...
Ma parliamo di cose ben più importanti.... IO TI VOGLIO... la mia recensione non rende purtroppo giustizia alla bellezza dell' "addio"... un libro impeccabile da tutti i punti di vista: erotico, introspettivo, descrittivo, panoramico, tormentato e infine suggellato!! Dopo che lo avrai divorato, mi piacerebbe sapere il tuo parere.... io a Elena ho perdonato tutto!!! Attendo le tue impressioni!!!

Alessandra ha detto...

Dolce foschia anche io ti confesso che avrei agito esattamente come Elena! Magari il mio fidanzato non sarebbe contento di saperlo ma sono stanca dei finti moralismi! Di fronte ad una passione del genere come si fa a resistere? Siamo umani e quindi esseri imperfetti! Se ce la faccio lo compro domani così poi ti faccio sapere! E tornando a te...SEI BRAVISSIMA mettetelo in testa capito? Hai mai pensato di scrivere? Te lo consiglio! Baci Alessandra

giusy giusy ha detto...

L ho letto in una notte!!!!non ho condiviso solo la parte dedicata a Lucrezia !!!sempre la solita ex impazzita!!per il resto ...stupendo dolce passionale e reale!

foschia75 ha detto...

Cara Giusy, secondo me Lucrezia ci stava, anche se forse poteva essere meno plateale... ma in fondo è solo un "mezzo" per evidenziare il tormento di Leonardo... spero il finale abbia oltremodo accarezzato il vostro cuore...

giusy giusy ha detto...

siiii un finale dolce ma non smieloso!forse come "elena"mi aspettavo un po di gelosia in piu da parte di leonardo...non posso farci niente adoro le reazioni!!quindi FOSCHIA,visto ke mi ritrovo tanto nei tuoi commenti...puoi consigliarmi un bel romanzo d'amore e gelosia!grazie un bacio a tutte

foschia75 ha detto...

Cara Giusy, al momento l'unico libro veramente attraente che ho letto (a parte Gabriel's rapture) e un cuore d'oro della Ward... ma non so se lo hai già letto.... un altro molto molto carino, è E se fosse lui quello giusto? di Susan Elizabeth Phillips (leggereditore), oppure LADRA DI CIOCCOLATO (che ho adorato)...

lilia63 ha detto...

Cara Foschia o Anna, decidi tu, non trovo le parole giuste x descrivere quello che mi hai fatto provare con questa recensione, migliori sempre! Ma come fai?
Prima o poi devi deciderti: scrivi!!
Hai la capacità di trasmettere a chi ti legge, le tue emozioni, sei fantastica!
Grazie per esserci....

foschia75 ha detto...

Lilia amica di letture e grigliate!!! Quando parli così mi rendo conto che l'amocizia nata tra le righe offusca (sempre rimanendo in tema di foschie), la tua obiettività.... e adesso vorrei il tuo parere su Io ti voglio... che ho idea non coindida del tutto col mio, e sarei curiosa di leggere un punto di vista per me autorevole come il tuo!!!

lilia63 ha detto...

Cara Foschia, proprio a causa della tua recensione, che devo dire, con molta OBIETTIVITA', mi ha sinceramente colpita, ho tralasciato quello che avevo iniziato a leggere e ho scaricato Io ti voglio.
L'ho iniziato oggi al mare, sono al punto dell'incidente, ti farò sapere.
Comunque, il giudizio era legato al tuo modo di parlare di un libro, la passione che metti si trasmette a chi legge. E' questo che trovo fantastico.
Accetta i complimenti, soprattutto quando vengono da un'amica di grigliate!

lilia63 ha detto...

Eccomi all'appello, un pò in ritardo lo sò ma sono stata impegnata.
L'ho letto, cosa ne penso?
Bella storia e brava la scrittrice, però troppo lungo.
La sofferenza di Elena, raccontata in così tante pagine, me l'ha fatta vivere a volte come una vera e propria agonia, senza tralasciare la pesantezza dell'atmosfera. Penso che sia stata un'idea della casa editrice, di farne una trilogia, che scocciatura!
Penso che avrebbe funzionato meglio in un'unico libro, magari velocizzando la storia l'avrei trovata più coinvolgente.
Non voletemene, sono le mie sensazioni