domenica 8 maggio 2016

GERMOGLIO Liliana Marchesi #3 R.I.G. Recensione

Nella vita si possono fare scelte sbagliate, si possono commettere errori, e a volte ci capitano cose che non meritiamo. Ma per quanto possano essere brutte e dolorose, sono esperienze che induriscono la nostra corazza trasformandoci in esseri più forti. 

Quando arrivi alla fine di una bellissima serie, è inevitabile percepire un pizzico di nostalgia e malinconia, la consapevolezza che quella storia è entrata nel nostro immaginario talmente a fondo, da essere ricordata a distanza di tempo. La saga distopica R.I.G. della bravissima Liliana Marchesi, mi ha conquistata fin dalla "Radice", una serie visionaria e ben articolata, dove niente è scontato e dove l'amore e il senso di appartenenza a una squadra fanno sentire il lettore parte integrante della trama. 
In questa serie, non solo abbiamo assistito alla nascita e maturazione di un Amore, ma abbiamo percepito la crescita stilistica dell'Autrice, il suo potere emotivo ed empatico verso i suoi personaggi e verso i lettori. 
Brava Liliana, continua a spiegare le ali della fantasia!




SELFPUBLISHING

#3 R.I.G.

Per me esiste un solo modo di averti.
Desiderandoti come se fosse la prima volta, 
e temendo che possa essere l'ultima.



GERMOGLIO
Liliana Marchesi


Editore: Liliana Marchesi
Genere: Romance distopico
Pagine: 304
Prezzo: 11,44
Ebook:  2,99


Trama

Capitolo finale della Saga che ha tenuto con il fiato sospeso i Lettori amanti del genere Distopico, ma non solo, che si sono lasciati coinvolgere dall'appassionante storia d'amore fra Kendall e Trevor. Una storia d'amore complessa, tormentata e ostacolata da un governo il cui unico scopo è quello di trasformare l'intera umanità in un'accozzaglia di burattini. 
Brooklyn. Kendall è finalmente riuscita a fuggire dalla sede principale del Mind, dove Axel la teneva prigioniera con l'aiuto di una Manipolazione mentale. Ma ora che il suo passato è riemerso, come affronterà il presente e il terribile futuro che l'attendono? Gli Orfani residenti al Mausoleo cercheranno di addestrarla, e Trevor, che con lei sarà il più duro di tutti, farà il possibile per aiutarla a entrare in contatto con la propria Radice. Ma tutto questo sarà sufficiente? "A volte nella vita ci sono momenti in cui per vincere... bisogna perdere". Un finale che vi farà riconsiderare ogni singolo personaggio. E fino all'ultima pagina ricordatevi che... tutto può ancora succedere!



opinione di foschia75

Come giustamente dice l'Autrice: "Fino all'ultimo tutto può succedere".
Il punto focale dell'intera trilogia, è proprio questo, 
ed è questo che tiene il lettore ostaggio tra le righe.

Tre romanzi per una saga che merita assolutamente di essere letta, sia per l'originalità che per l'intensità della narrazione. La prima cosa che ho percepito chiudendo la serie, è stata la diversità tra i romanzi, lo sviluppo incalzante della trama. Impossibile abbassare la guardia, impossibile annoiarsi. Liliana Marchesi, non solo sa scrivere, ma sa come tenere il lettore sulle spine, come lasciare un'impronta indelebile nell'immaginario. 
Scrivere un distopico non è semplice, articolare una trilogia ancora meno, ma l'autrice è riuscita davvero a farci innamorare dei suoi personaggi e delle loro storie, senza mai far calare l'attenzione.
In questo capitolo finale, trovo che il suo stile sia cresciuto ulteriormente, che la narrazione sia incalzante e tenga il lettore avvinto alle pagine, con la persistente sensazione che il colpo di scena sia imminente. 
Come tutte le trilogie che si rispettino, il passato tornerà per intrecciarsi con il presente e quindi chiudere la partita.  Kendall comincerà a mettere insieme i pezzi della sua vita, ottenendo una verità che farà male, ma che la renderà una donna più forte. Al suo fianco avrà sempre Trevor, l'uomo di cui è innamorata e che le ha salvato la vita ancora una volta.
Ma in Germoglio, ci saranno anche tutti i personaggi che abbiamo conosciuto e ammirato nei precedenti romanzi, i buoni e i cattivi, gli amici e i nemici. Quelli pronti a sacrificarsi per la verità, e quelli pronti a uccidere perchè la verità rimanga sepolta.
Kendall vuole rimettere insieme le tessere della sua vita, e per riuscirci, avrà bisogno di riempire dei vuoti di memoria legati alla sua infanzia. Ma dopo essere stata prigioniera del MIND, è consapevole che c'è una missione molto più importante da compiere e il tempo non è dalla sua parte.
Si renderà presto conto, che salvare l'umanità dalle atroci macchinazioni del Mind, è legato in qualche modo alla morte di sua madre e quindi alla sua infanzia. Tassello dopo tassello, missione dopo missione, scoprirà di essere parte fondamentale di un disegno criminale senza precedenti, che potrebbe mettere in ginocchio l'intera umanità.
In Germoglio assisteremo alla maturazione di Kendall, al coraggio e spirito di sacrificio che neanche lei sapeva di possedere. Grazie all'amore di Trevor e alla fiducia degli Orfani, sarà in grado di capire quanto i suoi poteri acquisiti possano capovolgere il corso degli eventi, e far oscillare anche se di poco, l'ago della bilancia.
Consiglio di leggere la trilogia, perchè è difficile trovare una serie distopica così ben scritta e altrettanto ben intrecciata con la storia d'amore, che non occupa tutta la narrazione ma ne fa parte in modo sensuale e affascinante. Insomma Liliana Marchesi ha saputo dare spazio alla storia d'amore dentro l'affascinante dimensione distopica, e spero ci delizi ancora con qualche sorprendente spin off, perchè i personaggi che meritano storie parallele sono parecchi.
Se state cercando una serie che vi tenga incollati alle pagine, questa è sicuramente una delle migliori. 




L'Autrice




Liliana Marchesi è nata nel 1983, è una giovane donna con tanti sogni nel cassetto e una gran voglia di realizzarli. Nella primavera della sua vita ha viaggiato per il mondo abbracciando diverse culture, alla ricerca di un posto con sopra inciso il proprio nome, luogo che, ironia della sorte, ha trovato esattamente nel luogo dal quale era partita, e dove vive tutt’ora con i suoi amori, il marito appassionato di motori, il figlioletto impavido amante della buona cucina, e la piccola Asia, detta Lady Fulmine per la velocità con la quale è venuta alla luce. Autrice di “Harmattan”, Paranormal Romance autoconclusivo ambientato in una splendida quanto misteriosa Africa, della “Trilogia del Peccato”, un’audace rivisitazione contemporanea del Peccato Originale, e di “Lacrime di Cera”, un Distopico autoconclusivo popolato da automi molto particolari. Tutti romanzi in cui amori, intrighi, suspense e colpi di scena la fanno da padroni! Attualmente Liliana sta lavorando ad una Trilogia Distopica che trae ispirazione dalla credenza secondo la quale l’uomo conosce e utilizza solamente una minima parte delle reali capacità del cervello. Il primo volume di questa Trilogia, “Radice”, è già stato pubblicato. Ma le sorprese non finiscono, infatti Liliana ha in serbo un altro romanzo Distopico autoconclusivo, che sconvolgerà ogni leggenda. 



R.I.G. serie

           RADICE  (Recensione)
IMPIANTO   (Recensione)
GERMOGLIO   
La nascita degli orfani (prequel)  

1 commento:

Liliana Marchesi ha detto...

Carissima Foschia... come sempre le tue recensioni sono un toccasana per la mia anima!
Grazie di cuore per aver amato i miei personaggi, per aver dato loro fiducia e un posto nel tuo cuore!
Spero di riuscire a conquistarti anche con lo Spin Off ;)