sabato 17 ottobre 2015

QUANDO LA MUSICA FINISCE Mary Higgins Clark Recensione

Continua l’ottobre thriller e questa volta con una delle regine del genere: Mary Higgins Clark.
Inutile dire che l’attrazione sarà fatale e che per un paio di giorni l’interesse e la curiosità del lettore saranno calamitate tra le pagine di questo libro che racconta una storia intensa e travagliata senza però appesantire l’animo con angoscia e dolore. 
Quando la musica finisce è un romanzo denso, affettato, preciso e puntuale come un bisturi nel quale nonostante regni il dubbio e la confusione, non si ha mai la sensazione di essere una biglia di un flipper smarrita nel mezzo di un banco di nebbia.
Quindi, armatevi pure di carta e penna e iniziate a districare gli intrecci e le menzogne che vedono coinvolti un ricco truffatore di Wall Strett, la sua famiglia, una giovane interior designer di Manhattan e tutta la cerchia di amici/nemici che inevitabilmente gli si sono accatastati intorno…



SPERLING & KUPFER
QUANDO LA MUSICA FINISCE 
Mary Higgins Clark

Traduzione a cura di Helma Benassi
Casa editrice: Sperling&Kupfer
Collana: Pandora
Genere: Giallo/Thriller
Pagine: 372
Prezzo: 19.90€
Ebook: 9.99€



Trama

Lane Harmon, madre single dell'amatissima Katie, ha la fortuna di essere il braccio destro della più esclusiva designer d'interni di New York, ed è ormai abituata a visitare case opulente nella zona più ricca del Paese. Su di lei, che è un'ottimista di natura, quei piccoli universi patinati esercitano un fascino speciale, che la spinge a soddisfare le esigenze, spesso quasi impossibili, dei bizzosi proprietari. Perciò, quando è coinvolta nei lavori di ristrutturazione di una modesta villetta di campagna, capisce subito che si tratta di un incarico particolare. Scopre, infatti, che la casa appartiene alla moglie del famigerato finanziere Parker Bennett, scomparso da due anni, si dice con i cinque miliardi del fondo che gestiva. Bennett è uscito in barca a vela… e semplicemente non è più tornato. Suicidio o fuga strategica? In ogni caso, nessuno ha dimenticato il suo nome, né i proprietari del fondo né il governo federale, che continuano a dargli la caccia. Lane però è commossa dalla calma dignità della signora Bennett e dalla sua sincera fiducia nell'innocenza del marito. E soprattutto si sente attratta da Eric, il figlio di Bennett, che è ben deciso a dimostrare la non colpevolezza del padre. Tuttavia, Lane non sa che più si avvicina ai Bennett, più mette in pericolo la sua vita. E quella della sua bambina.


Opinione di Sybil

Lane Harmon è una trentenne agli inizi della sua carriera e lavora come assistente di una delle più affermate e richieste arredatrici d’interni di Manhattan. Vive a New York con la figlia di quattro anni e si porta sulle spalle un grande dolore e con esso, una ferita che mai guarirà. La sua vita scorre lentamente, appagando il desiderio di affermarsi nel mondo del lavoro, ma sottolineando ogni giorno di più la sua desolante solitudine. 
Tutto cambia quando le viene assegnato il compito di arredare la villetta di un ricca donna, moglie del defunto Parker Bennet, uno degli uomini più conosciuti di tutta America. Purtroppo la sua fama lo precede non tanto perchè costellata di buone azioni quanto perché si è aggiudicato il merito di aver truffato delle persone oneste privandole dei loro risparmi di una vita. Bennet era una abile uomo d’affari di Wall Stret che, offrendo ai suoi clienti dei buoni profitti, fece investire loro diversi soldi per poi chiudere baracca e fuggire con il malloppo.  Poco tempo prima dello scoppio dello scandalo della truffa, la sua barca venne ritrovata distrutta sugli scogli di un’isola tropicale, ma del corpo di Bennet nessuna traccia. Fu dato per morto, ma il suo caso non venne mai archiviato.
A distanza di due anni Lane si ritrova a lavorare nella casa della moglie di Bennet ed è in questa circostanza che incontra il figlio della coppia, Eric, un avvenente quarantenne brizzolato con lo sguardo accattivante e un viso rassicurante, due qualità che mal si sposano con l’immagine che cerca invano di dare di se. Dopo la truffa, inevitabilmente anche Eric è stato additato come un possibile complice del padre, anche se non sono mai state trovate prove utili ad incriminarlo. Il suo nome ne è uscito macchiato e la sua carriera compromessa, ma nonostante ciò Eric cerca ogni giorno di riemergere, costruendosi una nuova vita senza l’ombra marcia del padre. Quando incontra Lane sente di provare per lei una profonda attrazione, sentimento che li porterà ad avvicinarsi tanto, troppo.
Sullo sfondo di una New York brulicante e caotica i personaggi di questo romanzo si incontreranno, le loro vite si intrecceranno, dubiteranno degli altri e di loro stessi, in un vortice infinito e corrosivo che li porterà tutti tra le braccia della tanto attesa verità. E noi lettori non dovremo far altro che segnare su carta i tanti nomi chiamati in causa, cercando di ricostruire un quadro più preciso e dettagliato dell’intera vicenda e facendoci un’idea su chi stia davvero dicendo la verità e chi invece stia mentendo.
Che succederà  a Lane? Si abbandonerà tra le braccia del brillante Eric? E lui, è davvero chi dice di essere, una delle tante vittime di suo padre? Chi è che veramente tiene le redini dei personaggi?
Di certo non posso rispondere a queste domande, ma posso dirvi che senza ombra di dubbio troverete questo romanzo avvincente e corroborante, una ginnastica mentale che vi terrà svegli e attivi, colorando di giallo queste prime piovose giornate d’autunno.
Quando la musica finisce è un perfetto esempio di thriller tempestato di giallo e la presenza di numerosi personaggi ne è la prova. Tutti inseriti abilmente dall’autrice in un quadro più ampio, sanno perfettamente trovarsi nel posto giusto al momento giusto, portando il lettore ad attraversare un fiume in piena per poi fargli scoprire finalmente la verità. C’è attesa, ma non c’è ansia, dramma ma non angoscia, sentimento ma non passioni sofferte e dolorose, insomma tutte caratteristiche che lo rendono perfetto per chi desidera lasciarsi trasportare dalla suspense senza però portarsi dietro un impegnativo bagaglio pieno di sentimenti complicati e difficili da gestire.

Un libro che non deve mancare nella libreria degli amanti del genere!



L'autrice 


MARY HIGGINS CLARK, acclamata autrice di numerosissimi bestseller internazionali che hanno venduto più di trecento milioni di copie, è nota in tutto il mondo come la Regina della suspense. Vive a Saddle River, nel New Jersey, con il marito. Madre di cinque figli, si divide tra la scrittura e i molti nipoti. Ha vinto il Premio Agatha Christie alla carriera. Dai suoi libri sono stati tratti i film trasmessi su Rai Premium e presentati da Carlo Lucarelli.





1 commento:

Rosie M. Stuart ha detto...

Ciao a tutte! :D Abbiamo fatto dei cambiamenti. Adesso il blog ha un nuovo indirizzo web e un nuovo banner, quindi sto avvertendo le affiliate, così potranno aggiornare la sezione dei blog amici. :) Scusa il disturbo, di seguito ti lascio il nuovo link del Dragonfly Literary Blog.

LINK: http://dragonflyliteraryblog.blogspot.it