sabato 6 giugno 2015

IL BRIGANTE DI CORTE Patrizia Ines Roggero Recensione

Il primo pensiero appena finito è stato: ne avrei letto volentieri altre cento pagine!!!
Questo significa che è stata una lettura assolutamente positiva e, una piacevole quanto inaspettata parentesi. Patrizia Ines Roggero, scrive bene, caratterizza al meglio i suoi personaggi e sa utilizzare il canovaccio romance come richiesto dal genere, senza effetti speciali o forzature, semplicemente sano e sensuale romanticismo, con quell'attrazione crescente che tiene incollate alle pagine, proponendo due personaggi assolutamente impeccabili e mai noiosi o indisponenti.
Una bellissima storia d'amore, semplice eppure intensa, capace di farci evadere e sospirare. Ho cercato di leggere lentamente perché non sarei voluta arrivare all'epilogo e lasciare questi vividi personaggi e l'ambientazione.

#SELF


IL BRIGANTE DI CORTE
Patrizia Ines Roggero

Editore: SELF
Genere: Romance storico
Pagine: 143
Prezzo: 1.90



Trama

Corte, Corsica 1772 

Non tutto è sempre come appare. Quando Sebastiano rapisce Cecilia dalla carrozza del capitano Picard, la crede una traditrice della patria, l'amante di un francese. 
L'odio lo divora, i ricordi di un passato doloroso lo tormentano, ma sarà la verità a concedere finalmente un nuovo scopo alla sua vita. 
Un viaggio attraverso la Corsica e i sentimenti, sullo scenario di una terra piegata dal Regno di Francia, alla riscoperta della felicità e di se stessi… 


Opinione di foschia75


Patrizia Ines Roggero ha ambientato il suo nuovo romanzo, nella Corsica di fine settecento, in un momento storico davvero delicato. E' riuscita a creare l'atmosfera giusta, quel serpeggiante malcontento che si percepisce nella popolazione, durante l'oppressione di un invasore. In questa situazione non troppo felice e serena, si svolgono le vicende che vedono per protagonisti Sebastiano (un plauso scrosciante per i nomi!!!) e Cecilia, due anime perse, ferite nell'animo e nel corpo, desiderosi di lasciarsi un doloroso passato alle spalle e ricominciare.
Si incontreranno in circostanze non proprio serene, e saranno costretti a convivere nelle settimane a venire, per via di un gesto avventato e vendicativo di Sebastiano. Ma la convivenza forzata si sa, è una situazione che mette a confronto il carattere e non solo, e sia Sebastiano che Cecilia, non si tireranno certo indietro per far valere il proprio punto di vista, e ottenere il loro riscatto. Due caratteri diversi e forti allo stesso tempo, Sebastiano è un uomo diffidente, che ha scelto di intraprendere il brigantaggio dopo la cocente delusione e sconfitta occorsa nella guerra tra corsi e genovesi prima, e tra francesi e corsi dopo. La guerra al fianco di Pasquale Paoli, la sconfitta e la perdita di affetti a lui cari, l'hanno reso un uomo scostante, ribelle, la cui sete di giustizia non trova requie. Quando incontra Cecilia, è un momento delicato della sua vita, ha smarrito la speranza e la volontà di fidarsi del prossimo. E' ricercato dai francesi, e rapendo Cecilia senza riflettere, scatena l'ira del capitano Picard che si mette sulle sue tracce. Nascondersi con una donna al seguito non sarà facile, soprattutto se la fanciulla in questione risveglia in lui speranze credute perdute, e un'insana attrazione alla quale inizialmente non vuole cedere, rischiando di diventare ancor più vulnerabile, ma che in seguito sarà costretto ad ammettere, perchè Cecilia non è una donna qualunque, ha coraggio e nasconde un segreto che le pesa come un macigno sul cuore, e la costringe a scendere a patti con i francesi.
Sebastiano colpito dalla confessione di Cecilia, ma soprattutto dal temperamento della donna, decide di aiutarla. Così da ostaggio diventa compagna di viaggio, tra imboscate e ferimenti, risvegliando in Sebastiano, non solo la sete di vendetta e giustizia, ma anche un sentimento che aveva relegato nel luogo più oscuro del suo cuore,
Cecilia e Sebastiano dovranno affrontare non poche vicissitudini prima di raggiungere la meta del loro viaggio e trovare, forse, un po' di pace e serenità e perché no, l'amore, quello capace di farti dimenticare il passato, la sofferenza e darti la possibilità di ricominciare.
Superfluo sottolineare con quale eleganza Patrizia abbia saputo dosare e descrivere la parte sensuale della storia, in un crescendo di attrazione fisica che solletica l'immaginario, lasciando alle lettrici il piacere di visualizzare le scene.
Bello, passionale, attraente nella sua semplicità. Un romance storico equilibrato, con tutte le carte in regola. Una lettura assolutamente appagante!!!
Complimenti a Patrizia, spero di leggere prestissimo una nuova storia così appassionata.


L'autrice


Patrizia Ines Roggero nasce a Genova nel 1979. Ad oggi ha pubblicato il romanzo Sono solo un marinaio (Triskell Edizioni), la trilogia Paradise Valley, il racconto Asso di cuori (collana Passioni romantiche - Delos Digital) e il romanzo Il brigante di Corte. 
Alcuni suoi racconti sono presenti nelle antologie di Puntoacapo Edizioni, Delos Books, nei progetti delle Amiche di Penna e di EWWA – European Writing Women Association, associazione della quale fa parte dal 2013. 
Sposata e mamma di una bambina, è appassionata di storia americana, soprattutto per quanto riguarda l’epopea western e la cultura dei Nativi Americani e, insieme ad altre tre autrici, amministra il gruppo Facebook Io leggo il romanzo storico. 

2 commenti:

Patrizia Ines Roggero ha detto...

Mille grazie per questa splendida recensione, sono davvero contenta che ti sia piaciuto!

foschia settantacinque ha detto...

Uno dei pochissimi self dove non volevo arrivare in fondo per non finirlo!!! Di solito può accadere giusto il contrario!!! Bello, intenso, mostruosamente romance! Spero di leggerti nuovamente molto presto!