giovedì 30 aprile 2015

Quarta Tappa BLOG TOUR IL VESTITO BLU Mary Smith

Cari lettori, eccoci alla quarta tappa del Blog tour IL VESTITO BLU dell'esordiente Mary Smith. Oggi parleremo dello stile dell'autrice, la scelta del tipo di narratore e i dialoghi. Un romanzo carezzevole, romantico con un pizzico di legal yellow, e una protagonista innamorata dell'amore e destinata a imparare, che a volte si possono fare degli errori di valutazione, l'importante è esserne consapevoli prima che sia troppo tardi.


4 TAPPA BLOG TOUR 
IL VESTITO BLU di
Mary Smith


Vi ricordo che per seguire il blog tour dall'inizio 
dovete partire dalla prima tappa qui:


E qui tutte le tappe


QUI IL BLOG DELL'AUTRICE



Titolo: Il vestito blu
Autore: Mary Smith
Editore: Giuliano Ladolfi Editore
Genere: Romanzo rosa
Pagine: 276
Prezzo:   17.00  Ebook: 9.00
Trama: New York è questa la città in cui Anne, una giornalista in carriera, tenterà di districarsi per raggiungere ciò che tutti da sempre cercano: la felicità. Incaricata di seguire una complessa inchiesta nazionale che rischia di far tremare le fondamenta dell'alta società newyorkese, la nostra protagonista sarà posta di fronte a scelte difficili, in cui la dedizione al lavoro sarà spesso contrapposta alla lealtà verso quel sentimento puro che Anne conosce da anni: l'amicizia. Il migliore amico, l'affascinante capo-redattore e un corteggiatore misterioso sconvolgeranno le fondamenta del suo essere trascinandola in un gioco in cui le spirali del sentimento sincero e dell'interesse più bieco si intrecciano continuamente rivelando una realtà scioccante in cui niente e nessuno è quel che sembra.



4 TAPPA
Lo stile, il narratore, i dialoghi.


Ma passiamo a parlare del romanzo, dello stile  e della scelta dell'autrice di un narratore esterno alla storia.


Se avete seguito le precedenti tappe, ormai siete a conoscenza di informazioni sul romanzo, sui personaggi e sull'autrice. Oggi a me il compito di dare un parere sullo stile dell'autrice e sulle scelte fatte nello scegliere il narratore e nel caratterizzare i dialoghi. 

Premesso che la lettura è qualcosa di molto soggettivo, l'idea del rosa "intinto" nel giallo è molto carina (e non inflazionata), perchè la crescente suspense del giallo a sfondo legale che si percepisce nel romanzo, contribuisce non poco a movimentare la storia d'amore.
Dopo aver letto questo romanzo, mi sono resa conto che traspare la passione e la caparbietà dell'autrice, quella voglia di trasmettere al lettore le sue emozioni e la dedizione per i personaggi. 
Ha utilizzato il narratore esterno come regista, come l'obiettivo della telecamera, in una sceneggiatura dove i dialoghi sono "recitati" come in un film, con quel pizzico di teatralità che non si fa fatica ad immaginare tra un'espressione e una movenza delle braccia o della testa. E questo non è facile, ha dato ai personaggi una notevole plasticità a discapito dell'ambientazione. Ha scelto una scenografia dai colori spesso troppo tenui, per far risaltare le movenze e gli atteggiamenti dei commedianti. 
Mary Smith è un'autrice coraggiosa, perchè ha scelto di scrivere una storia d'amore "articolata", accompagnata da dialoghi lunghi che coinvolgono il lettore, invitandolo nel bel mezzo delle discussioni e delle congetture dei personaggi. Anche i pensieri introspettivi di ognuno, sono quasi una confessione delle proprie debolezze, insicurezze. Gli scambi amorevoli tra i due protagonisti riempiono il cuore di tenerezza e aspettativa, fino all'epilogo dove il cuore comincia a battere all'impazzata, perchè proprio nel dialogo finale, l'autrice si è divertita a tenere sospeso il lettore, in un crescendo di speranza e al contempo dubbio, in uno scambio di battute ben intrecciate, che tengono alta la curiosità, dopo tutto il lungo inseguimento del lieto fine. Perchè non bisogna mai dare nulla per scontato... ancor meno l'Amore.
Un romanzo che dimostra dedizione e amore per la scrittura, uno stile che avrà certamente un'evoluzione. Ma il coraggio di mettersi alla prova con delle scelte rischiose, la dice lunga su questa autrice e la sua voglia di emergere.



Ringrazio di cuore Mary, per avermi invitato nella sua carezzevole quanto dolce storia d'amore, per aver fatto tappa qui sul blog, e spero di poter leggere presto un suo nuovo romanzo.

La quinta tappa, l' 8 Maggio sul Blog della nostra amica Lara

1 commento:

Med LaGorgo ha detto...

Il rosa intinto nel giallo? Una sfumatura interessante! ;)