domenica 7 dicembre 2014

ANTICO VELENO Francesca Cecchi Recensione in anteprima

Antico veleno di Francesca Cecchi, è la novella in uscita per Triskell Edizioni domani 8 Dicembre. Un romance fantasy molto ben scritto (il che quando si parla di Triskell non mi meraviglia!), ben equilibrato pur nella sua brevità, con una storia d'amore molto, molto bella e diversa dal solito. Una trama ben ricamata, in perfetto equilibrio tra malvagità e amore, dove il rispetto, la fiducia e il perdono, si intrecciano perfettamente con l'inganno, il tradimento e la follia. Brava Francesca Cecchi, perché sei riuscita a tenermi incollata alle pagine pur non essendo una appassionata del genere... ma si sa, è l'amore che conta, in qualsiasi ambientazione lo si faccia fiorire.


DALL' 8 DICEMBRE SUGLI STORE ONLINE


ANTICO VELENO
Francesca Cecchi

Editore:  Triskell edizioni
Genere: Romance fantasy
Pagine: 70
Prezzo: 2.48
(Solo digitale)


Trama

Per garantire la pace tra il suo regno e Camarleon, Re Crevan di Vahalon è costretto a prendere una nuova moglie. La sposa, Faeryn, è molto più giovane di lui e non sembra disposta a ricambiare le attenzioni del futuro sposo. Il re, però, non si arrende e fa di tutto per conquistare la bella e algida principessa. Quello che non sa è che dietro l’atteggiamento distaccato e ostile della ragazza si cela un oscuro segreto che rischia di mettere in pericolo il suo regno.


Opinione di foschia75

Mi piace come lavora la Triskell Edizioni, le scelte editoriali e soprattutto la cura che mettono nell'editing (premesso che non mi pagano per dire questa cosa!).
Mi piacciono le novelle da una sera, soprattutto quando hanno qualcosa da insegnare e tengono l'attenzione del lettore, sempre viva dall'inizio alla fine.
Mi piace apprezzare un genere che non leggo spesso, e mi piace scoprire che è bello non aver paura di annoiarsi e di non riuscire ad arrivare in fondo.
Francesca Cecchi tesse un arazzo diverso dai soliti canovacci dove, il protagonista maschile ha la solita mascella volitiva, il tic del sopracciglio che denota virilità. Il suo protagonista maschile è un uomo che nel fantasy è considerato vecchio (poco più che quarantenne!), ma che vive difendendo il suo regno, ha cresciuto i suoi figli con sani principi che oggi li rende due ragazzi saggi e rispettosi, ha sempre onorato le promesse e gli accordi con i re confinanti, insomma un re di tutto rispetto. Già questo denota una certa originalità della trama, perchè la sua promessa sposa è la figlia del suo amico e alleato, che ha l'età dei suoi ragazzi, o poco più. Quindi capirete che siamo davanti a una coppia non stereotipata, una coppia in grado di accattivarsi tutta l'attenzione del lettore, se poi ci aggiungete dei personaggi secondari di tutto rispetto, mossi dai più biechi e malvagi ideali, vi renderete presto conto di quanto questa novella abbia tutte le carte in regola per affascinare, con la sua storia d'amore, odio e tradimenti. Mi piace quando un autore trova sempre modi nuovi per raccontare l'amore, per far soffrire i suoi personaggi prima di farli giungere al lieto fine. 
Un plauso va assolutamente alla caratterizzazione dei personaggi, cosa non facile in appena settanta pagine! Quante volte mi è capitato di leggere fantasy romance di trecento pagine (se non di più), dove i personaggi non erano descritti in modo incisivo, a scapito del pathos (per me assolutamente fondamentale), e dei legami che arricchiscono la storia. Qui l'autrice in pochissimo spazio riesce a descrivere in modo vivido, non solo i sentimenti in divenire del re e della promessa giovane sposa, ma soprattutto quelli della madre e del fratello di lei, e dei due figli di Re Crevan.
Un re non senza i difetti di un uomo normale e imperfetto, umano e quindi votato a sbagliare. Faeryn dal suo canto è una giovane donna poco più che ventenne cresciuta con una madre mossa dall'odio e dalla sete di potere, capace di sacrificare la sua famiglia pur di onorare la memoria e l'ultimo desiderio di un folle, che in vita non ha mai smesso di mietere vittime con l'inganno. Anche Faeryn avrà la sua evoluzione interiore, crescerà e diventerà una donna saggia a caro prezzo, dimostrando che la lealtà è una virtù che a volte richiede un sacrificio enorme come la felicità e il futuro.
Non importa in quale tempo e in quale ambientazione si svolga una storia d'amore, l'importante è l'intensità con la quale la si trasmette al lettore, e Francesca Cecchi è riuscita nel suo intento, creare in me tanta aspettativa. 
L'amore è come un fiore raro, difficile da piantare e coltivare, ci vogliono dedizione e fiducia, nonché tenerezza e rispetto... e credo che l'autrice ne abbia coltivato un pregevole esempio.


L'autrice 

Francesca Cecchi nasce in quel di Firenze trentasette anni fa, anche se il suo sogno è di trasferirsi a Parigi. Affascinata dall'arte in tutte le sue forme, è innamorata della lettura fin dalla più tenera età. Sognatrice per definizione, ha cominciato a scrivere su carta tutte le sue fantasie. Ma le trame sono tante e il tempo poco, così spera di avere una vita lunga per poterle trascrivere tutte. Ama far soffrire i suoi personaggi, che un giorno forse usciranno dalla pagina e si vendicheranno. 

La sua pagina Facebook



Come sempre un mio personale ringraziamento a Triskell edizioni e Silver Lu.

2 commenti:

Ika ha detto...

mi ispira moltissimo *-*

foschia75 ha detto...

è una novella che si legge molto piacevolmente nonostante l'amore si scontri con la malvagità... ma forse il suo punto di forza è proprio quello