lunedì 19 maggio 2014

UN AMORE DI FINE SECOLO Viviana Giorgi Recensione



Cronaca di un successo annunciato!!! Viviana Giorgi, una delle protagoniste indiscusse della narrativa rosa italiana,  delizia il suo pubblico di affezionate lettrici e “ rischia” proponendosi  con un romance storico di forte  impatto emotivo;   che soddisfa i palati più esigenti e “ allenati” grazie ad un’  accurata ricostruzione d’ epoca, ad una narrazione intima e al contempo briosa tutta da assaporare,  ad una caratterizzazione vivida di personaggi fallibili, contraddittori, ardenti,  ai quali è impossibile non affezionarsi in virtù della loro umanità. Per un viaggio nel tempo destinato a trovare un posto  nel cuore   romance di ognuna di noi.  

UN AMORE DI FINE SECOLO 
VIVIANA GIORGI 





Editrice: Emma Books 
Collana: Vintage
Genere: Romance storico
Pagine: 381
Ebook: 4.99
La Trama 
È il 1898 e Camille Brontee, sfuggita al grigiore di Liverpool e della sua vita, sbarca a New York per andare incontro a un matrimonio combinato. Peccato che il promesso sposo, il “bastardo americano”, come subito lo soprannomina lei, non si presenti all’appuntamento. Per Miss Brontee inizia così l’avventura nel Nuovo Mondo, dove tutto è possibile, dove persino una donna può entrare a far parte di un universo tutto maschile come quello della redazione di un giornale, il Daily, e vivere una travolgente storia d’amore. Ma con chi? Con l’impacciato erede di un impero finanziario, Ken Benton, che la rispetta e la venera come una vestale, o con l’arrogante Frank Raleigh, spregiudicato editore del Daily, la cui sola vicinanza scatena in lei una guerra continua tra il cuore e la mente? Dovrà attendere gli ultimi sgoccioli del XIX secolo per scoprirlo...Nel suo consueto stile brillante e arguto, Viviana Giorgi ci racconta un’appassionata quanto tormentata storia d’amore. Sullo sfondo, tra realtà e finzione: una New York moderna e vibrante, il mondo dell'editoria e della finanza, i capricci della high society, i conflitti sociali e le prime rivendicazioni femminili. Ma non solo. C'è un altro personaggio che sgomita e spinge lungo tutto il romanzo per emergere: è il Novecento, il nuovo secolo, con le sue promesse e le sue speranze. Per Camille, il secolo dell'amore.


La mia opinione 
Ho aspettato con trepidazione l’ uscita di questo libro, che mi ha semplicemente deliziata. Viviana Giorgi ha realizzato un affresco storico articolato di grande impatto emozionale e vi ha collocato una favola  di amore e passione travolgenti. Con implicazioni di fondo molto meno frivole di quanto ci si potesse aspettare :  poiché, pur essendo un romanzo  imperniato su battibecchi, sensazioni, turbamenti , l’ inquadramento spaziotemporale di Un amore di fine secolo  costituisce spunto di riflessione  sul progresso tecnologico e sociale che ha caratterizzato la fine del XIX secolo,  in particolare negli Stati Uniti investiti da ondate migratorie :  un periodo  storico in cui il mondo era in fase di profondi cambiamenti, la prevaricazione  delle classi sociali abbienti  era sempre meno giustificata, i giornali diffondevano la cultura anche tra i ceti più poveri    e  le donne iniziavano a cercare una loro dimensione intellettuale e una loro indipendenza. Insomma, il moderno stava avanzando portando con sé iniziativa e ottimismo.     In questo clima ricco di contraddizioni, tra ambienti maschili ( la redazione del Daily, i club sportivi) e femminili (  le modisterie, gli spogliatoi incipria-naso), in Un amore di fine secolo  si muovono moltissimi personaggi, caratterizzati psicologicamente  mediante  incisivi e sapienti tocchi; ma soprattutto  spiccano  tre protagonisti  delineati a tuttotondo,  così che  risulta impossibile non condividere le loro emozioni e  non apprezzarli ciascuno per le sue peculiarità: tre solitudini,  tre vertici di un canonico triangolo “lui, lei e l’ altro” sfumato nelle innumerevoli sfaccettature dell’ animo, scomposto nel susseguirsi degli eventi a ritmo frenetico. 
Camille  è una donna moderna arguta e intraprendente: dotata  di un profondo e innato  senso di giustizia, la giovane   non vuole dedicare  i suoi sforzi ad argomenti  futili ma, giornalista d’ assalto ante litteram, combatte per  far emergere i diritti delle donne, per denunciare gli abusi e le ipocrisie, senza farsi sopraffare dagli eventi,  sfidando  coraggiosa pregiudizi e convenzioni. Con una personalità come la sua e una bellezza non comune, Camille si trova ben presto contesa tra due uomini molto influenti e interessanti. 
Infatti per quanto riguarda l’ eroe maschile, Viviana Giorgi  “gioca in doppio “e sforna due personaggi indagati con una certa imparzialità, ciascuno con il suo perché e a suo modo affascinante.
Frank, “ il mascalzone gentiluomo”  rimane folgorato e spiazzato da Camille appena la conosce; convenzioni sociali, limiti  e paure recondite gli impediscono di esternare liberamente i suoi sentimenti ma non di insidiare  la reputazione della bella redattrice, nè   di comportarsi in modo sconveniente o incoerente; talvolta con il benestare della sua preda.
Ken, “ l’ uomo migliore”, al contrario è   disarmante e affascinante nella sua schiettezza , per la sua dedizione incondizionata e la  sua cavalleria, e conquista Camille con il suo  pragmatismo,  le sue caste attenzioni e la sicurezza e il rispetto che è in  grado di trasmetterle.   
La narrazione in terza persona alternando i punti di vista dei protagonisti  è straordinariamente efficace nel creare " chimica" tra i personaggi e nell’ esternare le emozioni di ciascuno di essi; divertenti considerazioni ingenue e personali concludono spesso le scene, prefigurando  al lettore di volta in volta  la confusione mentale e la crescita di consapevolezza che saranno fonte di  fraintendimenti, ripicche, azioni sconsiderate, scelte  radicali.
Si sa che come in ogni romance che si rispetti  la parte del leone nella scelta finale  sarà dell’ ormone:  di conseguenza nulla potranno peripezie, invidie, nonché  un malsano senso dell’ onore, di fronte all’ attrazione inesorabile e all’ Amore Vero.
Insomma, come spesso ricorda l’ autrice “ Se devi sognare, fallo alla grande” : e con  naturalezza e maestria  la Giorgi  incanta il lettore raccontando  una passione ardente scritta nel destino, fatta di complicità di tenerezza, di fremiti;  in un’alchimia che  non è soltanto raccontata nero su bianco ma che si percepisce fra le righe . La strada per arrivare al Gran Finale  non è scontata ed  è veramente densa di intoppi: ai nostri eroi ne succederanno di tutti i colori,  a volte sembreranno quasi   non farcela.    Ma posso assicurare che le ultime pagine  saranno letteralmente “col botto"  ripagando  ampiamente il lettore per l’ angoscia subita.
Un amore di fine secolo dimostra inconfutabilmente  la versatilità di  Viviana Giorgi:   ferrata regina del romance contemporaneo,  l’ autrice si rivela   una straordinaria affabulatrice anche quando declina i suoi lavori in chiave storica.  La mia personale  conclusione, penso sia evidente: consiglio vivamente questo romanzo  a tutte le amiche romantiche che intendano  assaporare un ottimo scritto emozionante  in impeccabile salsa retrò . 


L' Autrice 


 Ex giornalista, milanese, amante dei bassotti e dei gatti rossi, Viviana Giorgi scrive per lo più commedie romantiche contemporanee, più speziate che sfumate, con eroine decise, ma un po’ imbranate e non certo sofisticate, ed eroi gloriosamente da sballo. Tra una romantic comedy e l'altra, ogni tanto si lascia tentare anche dal lato più sorridente e vivace del romance storico, suo primo indimenticato amore. Il lieto fine per Viviana Giorgi? Obbligatorio e altamente glicemico, sia che la sua eroina vesta in jeans o in stile impero. Perché, come ripete spesso: se si deve sognare, meglio farlo alla grande, no?


Il suo sito: http://www.vivianagiorgi.it/
Il suo interessantissimo blog: http://chickorchic.blogspot.it/



3 commenti:

Annunziata Scarponi ha detto...

Mi compiaccio x Viviana, immagino la sua gioia nel leggere la recensione scritta a sua volta magistralmente. complimenti ad entrambe. Ciao ciao

Viviana Giorgi (Georgette Grig) ha detto...

Sì Charlotte, ha ragione Annunziata (grazie anche a lei per il commento gentile!): provo una grandissima gioia per questa tua bellissima recensione.
Grazie e ancora grazie!!!!
Un abbraccio
Viviana

Charlotte Sognandotralerighe ha detto...

Ma che bello scambio di emozioni!!!! Siete fantastiche, grazie a voi!!!!