sabato 22 marzo 2014

IO NON SONO IPOCONDRIACA Giusella De Maria Recensione in anteprima

Ci rivolgiamo a persone un po’ come noi:  apprensive, votate all’ alimentazione corretta, clienti affezionate di farmacie e di guru del benessere; e soprattutto ad autentici estimatori del buon libro  Made in Italy. Vi sfidiamo  a non rimanere colpiti da questo titolo piuttosto insolito per tematiche e per caratterizzazione dei personaggi  tanto imperfetti quanto umanamente vicini a noi , ambientato tra le bellezze naturali e artistiche di Sorrento  e la dinamica   Bologna. Una lettura accattivante che dopo il primo approccio ingannevolmente frivolo,  e senza mai rinunciare ad un atteggiamento positivo, rivela aspetti di disarmante verità;  restituendo al lettore una visione  in rosa dal gusto dolceamaro che provoca risate a crepapelle  ma non sorvola sul lato realistico della vita.

 
DAL 25 MARZO IN LIBRERIA

 
IO NON SONO IPOCONDRIACA 
 Giusella De Maria
 

Editore: Mondadori
Collana: Omnibus 2014
Genere: Narrativa contemporanea
Pagine: 240
Prezzo: 15.00
Ebook: non disponibile
Cartonato con sovracopertina



La Trama 

Nina vive a Sorrento, e trascorre gran parte della sua giornata nel suo "regno delle delizie", la casa immersa in un aranceto dove ha avviato un'attività di catering capace di soddisfare ogni esigenza: vegetariani, vegani, celiaci, allergici di ogni sorta possono trovare il piatto adatto per loro nei menu di Nina! Nina è allegra, bella, intraprendente. Ma ha un limite che le impedisce di condurre una vita regolare: è un'ipocondriaca acuta. E della peggior specie: non ammette il suo disturbo psicofisico nemmeno quando si ritrova su un letto del pronto soccorso per un presunto attacco di qualche male, cosa che le accade un giorno si e uno no. Non c'è malattia o disturbo di cui legga o senta parlare e da cui non si senta irrimediabilmente e fatalmente affetta. Il suo shopping ideale è... in farmacia, dove si aggira con beatitudine tra gli scaffali colmi di rimedi tradizionali, omeopatici, erboristici. Nina è la vittima ideale del marketing farmaceutico! Solo Marcus, brillante chirurgo giunto in città per un convegno, riesce a cambiare il decorso di questa grave malattia immaginaria: incontrandolo nel pieno di un attacco di ipocondria, Nina lo detesterà dal primo istante... talmente tanto da rischiare di innamorarsene. La cura al malessere immaginario di Nina arriverà così per la via più sorprendente..
Opinione di Charlotte 


Non mi vergogno ad ammettere di aver considerato questo libro come un “ fatto personale” e di averlo letto e interiorizzato con il cuore prima di soffermarmici con spirito critico. Avendo incontrato mio malgrado sia la malattia vera sia quella “immaginaria “, mi sono identificata con la vicenda di Nina e Marcus, che rappresentano le due facciate  della patologia con le quali è inevitabile   prima o poi  ( più tardi possibile) entrare in contatto: quella ansiosa, che è curabile pur  compiendo  fatica e  grande lavoro su di sè;  e quella che obiettivamente richiede interventi medici invasivi e che   purtroppo non sempre è guaribile. Nina deve imparare a convivere con questi due aspetti  ridimensionando le sue insicurezze, e lo fa aiutata da  persone che le vogliono bene, affrontando con spirito positivo un  percorso di graduale consapevolezza di sé che la porta ad aprirsi al mondo, a capire di essere apprezzata e ad imparare ad assaporare la vita. Una battaglia  quindi non solo per  il lieto fine in amore, come in ogni romanzo rosa che si rispetti ,  ma per  un’ esistenza piena e felice. La particolarità di Io non sono ipocondriaca,  che ne costituisce il  punto di forza e di originalità,  è che questa lotta “seria”  viene compiuta dalla trentenne  Nina  in modo brillante e faceto, a suon di esilaranti monologhi,  di improbabili kit salvavita faidate “ Mai senza”,  di  consulti medici più o meno soddisfacenti, di  piatti prelibati preparati in cucine sterili come sale operatorie;  sullo sfondo di meeting medici poco invitanti, di  farmacie/succursali del paradiso terreno,    di gite al mare con protezione solare a schermo totale. Oltre al pragmatico e affezionato Marcus, che con infiniti pazienza e buonumore riesce a  fare breccia  nelle insicurezze di Nina e nel suo cuore, tra gli altri si adoperano  nei confronti della nostra ipocondriaca preferita -  con risultati altalenanti ed irresistibile comicità -  il fidato amico farmacista Lino,   la coinquilina Carol, la collaboratrice Lucy; con i loro pregi e difetti “umani” questi personaggi  premurosi, maldestri, esuberanti alimentano il brio della vicenda.  Un  aspetto di ulteriore  genuinità di questo romanzo  a mio avviso risiede nel fatto che nel  far maturare il legame tra Marcus e Nina   Giusella De Maria  sorvola sulle “ questioni sessuali” , sui dettagli piccanti che  tanto vanno di moda ultimamente, e si concentra sull’ interrelazione emotiva dolcissima tra i personaggi, che provoca mutuo benessere nell’ accettazione e nella comprensione reciproche,  costituendo un valido sostegno ai risvolti psicologici della difficile professione di Marcus e alla “battaglia per la guarigione” di Nina. Con la creazione del suo personaggio impudente e al contempo fragile,  in cui ogni lettore facilmente si riconosce almeno in parte con  affetto e solidarietà , Giusella De Maria  riesce a farci ridere anche su temi  drammatici  e a farsi prendere sul serio nonostante  la connotazione prettamente comica del suo lavoro. Quando il lettore è alle prese con uno dei malanni inverosimili di Nina, spesso succede qualcosa che fa capire che purtroppo a volte non è così semplice affrontare le difficoltà : ma il tutto è permeato  dal fatalismo e dalla  gioia di vivere che sono la chiave giusta per un’ esistenza appagante e che costituiscono il leitmotiv di questo romanzo. Consigliato  come pregevole  intelligente fonte di buonumore .  

.
Opinione di Foschia75
Leggere questo poliedrico romanzo, mi ha fatto venire in mente quando sbatto la punta del gomito e per i successivi minuti rimango lì, tra la risata e la lacrima di dolore. Ecco, Io non sono ipocondriaca è una botta al cuore capace di farti scendere, ora le lacrime per i divertenti quanto realistici siparietti "da sala d'attesa", ora per la descrizione intensa ed emozionante di istanti rubati alla dura realtà della vita. Perchè in fondo la vita è questo, la strana alchimia che intercorre tra la felicità e il dolore, tra una grassa risata e un repentino groppo in gola . Nel romanzo si fa spesso riferimento al kit "mai senza", che declinato metaforicamente, mi ha fatto pensare proprio agli eccipienti della vita, quelli a cui non rinunceresti  e, purtroppo anche quelli di cui faresti volentieri a meno, l'amore, l'amicizia, la bellezza delle piccole cose, in contrapposizione al dolore, al senso di perdita e al sentirsi impotenti davanti alla malattia.
Detta così potrebbe darvi l'idea di un romanzo triste, invece Giusella De Maria, riesce a creare il giusto equilibrio tra ironia e intensa serietà, stemperando situazioni commoventi con situazioni davvero esilaranti. Nina è un personaggio davvero camaleontico, all'inizio ci viene presentata come una mina vagante che non viene presa sul serio neanche dal 118, poi durante la narrazione, poco a poco conosceremo il suo passato e capiremo il motivo della sua ipocondria. Lei stessa capirà guardandosi intorno che la realtà della malattia è tutt'altra cosa, e che finora ha usato i suoi presunti, innumerevoli disturbi per scacciare i ricordi.
A sostenere il suo attaccamento verso le medicine ci penserà l'amico Lino, esuberante farmacista di Sorrento che come lei, si affida senza riserve ai farmaci senza parere del medico, anche lui grande sostenitore del kit mai senza.
Ma cosa succede se nella vita di un'ipocondriaca irrompe un medico chirurgo, capace di farle vedere la vita e la malattia da un punto di vista completamente diverso dal suo? La testarda Nina si farà convincere che è sana come un pesce, che è una donna un pò matta ma affascinante, e che può guarire dalle sue convinzioni soltanto facendo entrare l'amore e la fiducia nella sua vita?
Un romanzo- tavolozza, dove l'acuta Giusella, mescola sentimenti ed emozioni contrastanti, creando magistrali chiaroscuri, che colpiscono il cuore del lettore.
Una lettura che consiglio per l'ironia e il romanticismo, per le emozioni contrastanti ma sempre intense che saprà trasmettervi.
Una storia d'amore che vi conquisterà per la tenerezza e il fascino della semplicità, riposto in un sorriso o in un caldo abbraccio.
L'autrice


Giusella De Maria, trentenne insegnante di Vico Equense, ama farsi chiamare "Giusella Chinsella", in omaggio alla sua scrittrice preferita.
Ha esordito con Suona per me (Avagliano, 2009) e ha inventato la professione della wedding writer.
Ringraziamo Anna e la Mondadori per questa bella e intensa lettura in anteprima, complimenti per l'ennesimo centro editoriale!!!

1 commento:

Annalisa Lupo ha detto...

Grazie per la novità: sembra un libro davvero bello e divertente ^-^