lunedì 3 febbraio 2014

SESTA TAPPA BLOG TOUR IL FASCINO DELL' OSCURITA' di Isabel C. Alley "Il primo incontro tra Jenny e Lorenzo"



Ciao a tutti amanti delle storie Paranormal Romance e benvenuti alla sesta tappa del blogtout del romanzo Il fascino dell'oscurità di Isabel C. Alley. Anche noi partecipiamo di buon grado, ed eccoci qui! E' arrivato anche il "nostro" momento per questa tappa in cui tutte le numerose fans del bel vampiro Lorenzo Ferranti si potranno scatenare... Ebbene sì, perchè in questa tappa, potrete sbizzarrirvi e dare un volto a questo affascinante personaggio. Per partecipare al giveaway che mette in palio due copie cartacee e due eBook del seguito dei Diari di Isabel non dovrete fare altro che indicare nei commenti quale attore secondo voi potrebbe interpretare il ruolo di Lorenzo Ferranti.  Spero che vi divertirete e anche che abbiate seguito le altre tappe del tour, perchè Isabel ha organizzato degli appuntamenti davvero simpatici ed interessanti tanto per ingannare l'attesa all'uscita della sua ultima fatica. 

PER PARTECIPARE AL GIVEAWAY
DOVETE SOLTANTO SEGUIRE QUESTE SEMPLICI REGOLE:

- Iscrivetevi come lettori fissi ai blog che partecipano al blogtour (potete farlo cliccando nella finestra che riporta la scritta SEGUI QUESTO BLOG);
- Compilate il form sottostante con lo stesso nome che appare quando lasciate i commenti sul blog;
- Compilate il form sottostante con l'indirizzo e-mail a cui potrete essere contattati in caso di vittoria;
- In questa puntata Isabel ha assegnato vuole sapere quale volto noto assocereste a quello di Lorenzo Ferranti. Commentate il post assegnando al personaggio il volto noto che ritenete più adatto e significativo.

Nel form potete trovare modi per ottenere punti extra. Nelle singole istruzioni, dovete mettere il link di ciò che vi viene chiesto. Qui sotto vi riporto un elenco di quello che potete fare:

- Mettere "mi piace" alla pagina Facebook di Isabel C. Alley;
- Seguire Isabel C. Alley su Twitter; 
- Condividere il giveaway su Facebook (una volta al giorno);
- Condividere il giveaway su Twitter (una volta al giorno);
- Per chi ha un blog o un sito, condividere il banner del blogtour nella barra laterale del vostro blog (nel form dovete inserire l'indirizzo del vostro blog);
- Scrivere un post sul vostro blog e inserire l'indirizzo dell'articolo nel form;

Per qualunque domanda sul giveaway, potete scrivere a Isabel C. Alley su Facebook, Twitter o attraverso i contatti segnalati sul sito ufficiale di "I Diari di Isabel".


Avete tempo fino a domenica 23 febbraio per partecipare.
In bocca al lupo!
(se non vi esce il form cliccate sul link per accedere al giveaway)


Il blogtour: 



E ora, per tutti noi, un assaggio di quello che ci aspetterà ne
il Fascino dell'oscurità
disponibile dal 12 febbraio



Eravamo uscite da una via fatta di palazzi antichi, dove si affaccia il retro della sede che ospita alcuni uffici pubblici. Poco più avanti, un sentiero s’insinuava tra le collinette verdi di un parco, partendo da un cancello aperto che accoglieva gli ultimi passeggiatori della serata. Davanti a quel varco era appostato un gruppo di persone, intente a parlare tra loro con una tranquillità estranea alla natura che le caratterizzava.
Tra di loro, una figura maschile ha catalizzato la mia attenzione, quasi il mio sguardo fosse scivolato inconsciamente nella sua direzione. I miei occhi, ora spalancati dall'allarme, sono stati calamitati da un paio di iridi dorate che spiccavano nel buio.
Il tempo si è bloccato nel momento stesso in cui mi sono concentrata involontariamente su Lorenzo Ferranti. Doveva avermi già visto prima che io mi accorgessi di lui, perché non ho trovato sorpresa sul suo viso rilassato. Appariva però decisamente confuso, come se non riuscisse a spiegarsi la mia apparizione in quel luogo e a un'ora così tarda. Improbabile, poiché sapeva benissimo cosa mi aveva spinto a intraprendere quella camminata notturna.
Quando le sue labbra si sono aperte in un sorriso, mi sono sentita perduta.
Una colata di calore liquido si è riversata nelle mie vene, svuotando i miei polmoni della poca aria che ero riuscita a trattenere. Le luci dei lampioni che illuminavano il parco hanno raddoppiato la loro intensità, come se volessero mettere in risalto anche il più minuscolo dettaglio del vampiro che si stava muovendo nella mia direzione. La giacca di pelle che gli copriva le spalle, i capelli spettinati, il luccichio acuto degli occhi... tutto mi urlava che la cosa migliore da fare sarebbe stata correre incontro a quella creatura meravigliosa e gettarmi tra le sue braccia, per lasciare che facesse di me ciò che preferiva.
Il tocco di una mano sul mio braccio mi ha ricordato la presenza di una persona al mio fianco. Jenny mi stava chiamando con una nota preoccupata nella voce acuta. Mi sono voltata nella sua direzione, incontrando quello sguardo blu che per me poteva rappresentare un'ancora di salvezza.
In un attimo ho colto la gravità della situazione. Ero sola insieme alla mia apprendista inesperta e avevo attirato l'attenzione del più potente non-morto che abitava nella zona.
Dovevo decidere in fretta: o fuggivo a gambe levate, trascinandomi dietro una Jennifer a dir poco spaesata, o affrontavo il capo locale dei vampiri, qualunque fosse l'intenzione con cui si stava avvicinando.

Ho scelto la soluzione meno intelligente. In fondo, non è detto che i cacciatori di vampiri abbiano sempre la testa sulle spalle. Spesso agiscono d’istinto e a volte, purtroppo, succede che il loro istinto si sbagli.
Ho preso Jenny per un polso e mi sono rimessa in cammino, proseguendo nel giro che avrebbe completato la ronda da lì a una mezz'ora. La ragazza al mio fianco non capiva e continuava a farmi domande, ma io non l'ascoltavo, presa dal solo desiderio di mettere chilometri di distanza tra me e la figura che mi seguiva.
Potevo tenere fuori dalla mia testa le parole irritate di Jenny, ma non avevo la forza per sbarazzarmi anche della voce suadente di Lorenzo.
«Isabel, perché stai fuggendo?» ha chiesto con tono divertito, come un felino impegnato in una caccia al topo, o meglio, a una gattina da coccolare in un modo per niente dolce.
«Ma chi è quello?».
«Te lo spiego dopo» ho liquidato la mia apprendista, sperando che la velocità dei miei passi facesse capire al mio segugio quanto non fossi propensa a instaurare con lui un qualsiasi tipo di rapporto.
Ma a chi volevo darla a bere?
«Non costringermi a venirti a prendere».
Quell'esortazione mi ha convinto a bloccarmi. Non temevo un attacco da parte di Lorenzo, ma sapevo che sarebbe stato inutile proseguire nel mio tentativo di evasione. Gli sarebbe bastato un attimo per raggiungermi e arrestarmi a modo suo. Se non avevano funzionato i messaggi, deboli ma chiari, che avevo lanciato fino ad allora, non avevo speranza di dissuaderlo altrimenti.
Mi sono girata verso il vampiro, ma non ho lasciato la presa sul braccio di Jenny. Alla sua espressione interrogativa, ho risposto perentoria. «Stai in silenzio e lascia fare a me».
Ho atteso sulla difensiva che Lorenzo si fermasse. Non osavo guardagli il volto, perché sapevo che si sarebbe ripetuta la sequenza di poco prima. Non volevo che s’insinuasse di nuovo in me il desiderio di diventare preda e amante del vampiro più passionale che avessi mai incontrato in vita mia. Le scarpe casual, sotto i jeans all'ultima moda, rappresentavano il target migliore su cui mi potessi focalizzare.
«Che strano. Mi aspettavo di trovarti con qualcun altro. Lei deve trattarsi della tua nuova apprendista».
Non so a chi si stesse riferendo. I pochi incarichi che ho svolto tra le mura del Frozen mi hanno visto in compagnia di diversi colleghi: Jack, Elizabeth, Adam. Poteva trattarsi di quest’ultimo, ma se Lorenzo aveva parlato di Jenny come della mia nuova apprendista, doveva essere a conoscenza del fatto che da un po' non prendevo parte a ronde e missioni. In tutto quel discorso c'era qualcosa che non quadrava.
Per non cadere nella trappola che probabilmente stava cercando di tendermi, ho provato a smentire la sua convinzione. «È soltanto un'amica. Non parlare di faccende che lei non potrebbe comprendere».
«Non prendermi per ignorante. C'è un solo motivo che possa indurti fuori di casa a quest'ora, a meno che tu non sia stata licenziata dal tuo impiego notturno».
«Ora sei pure un esperto della mia vita privata. Conosci anche il mio numero di conto corrente, per caso?».
«Non dovresti essere così sarcastica. Credo che tu debba dare il buon esempio davanti alla tua apprendista».
L'espressione derisoria di Lorenzo mi ha fatto comprendere che non avrei corso un pericolo imminente, se avessi giocato un po' con lui. Con il tempo ho imparato a capire quanto io possa spingermi lontano con quel vampiro, nelle differenti occasioni in cui abbiamo a che fare l'uno con l'altra. «Non ho idea del perché, ma con te proprio non riesco a fare la persona seria. È più forte di me, non posso controllarmi» ho ribattuto, tirando il polso della ragazza al mio fianco per far capire come fosse giunto il momento di terminare quella sceneggiata. «Torniamo a casa, Jenny».
La voce di Lorenzo, diventata all'improvviso perentoria, mi ha raggiunto mentre camminavo lontano da lui. «Già ve ne andate? Non mi presenti la tua assistente?».
«Non ce n’è bisogno, dato che sai già di chi si tratta».
Ho fatto appena in tempo a completare la mia frase, prima di bloccare i miei passi con una frenata repentina. Ho trattenuto il fiato, nell'osservare la maglietta chiara di Lorenzo, fin troppo aderente sopra i pettorali che sporgevano sotto la giacca di pelle.
C'è mancato poco che non compissi un salto indietro, spaventata da quell'inaspettata apparizione.
«Posso anche sapere chi sia la tua compagna, ma non credo che la conoscenza sia reciproca. Tu che ne dici, piccola neo cacciatrice?» ha domandato il vampiro, rivolgendo il proprio sguardo direttamente verso il viso della ragazza.
Gli occhi dorati del nostro antagonista solcavano i lineamenti di Jenny, tentando di spingersi più a fondo possibile nella propria ricerca. Lei non era addestrata per bloccare un simile attacco, cosa che nemmeno io ero in grado di fare, perciò l'allarme si è acceso immediato nella mia mente non appena ho capito ciò che il vampiro stava compiendo.
Aveva inglobato l'attenzione della mia allieva, in modo che fosse lei stessa a svelare le informazioni che Lorenzo non avrebbe ottenuto con un semplice interrogatorio. Non credo che la stesse ipnotizzando, almeno non con la passionale intensità che utilizza di solito con me, ma ai miei occhi allenati era chiaro come lui stesse acquisendo risposte a domande per me totalmente sconosciute.
«Jennifer Costanzini... nascondi una roccia dentro questo corpo che sembra così gracile».
Non volevo provocare l'ira di quel non-morto tanto pericoloso quanto affascinante, ma nel momento in cui ha sollevato la mano per avvicinarla alla guancia della mia apprendista, non sono riuscita a trattenere lo scatto difensivo del mio corpo.

Ho afferrato il polso di Lorenzo mentre era ancora a metà strada tra la sua figura e quella di Jenny. Non ho fatto in tempo a rendermi conto di quanto fosse stata azzardata la mia reazione, poiché l'attimo successivo mi sono ritrovata premuta contro il petto del vampiro, il braccio ritorto dietro la schiena e le sue dita serrate sulla mia gola.
«Non esagerare, Isabel. Ci metterei poco a far valere le mie regole in questo tuo gioco» ha mormorato Lorenzo, accarezzandomi l'orecchio con il suo respiro freddo. Un brivido è sceso lungo la mia spina dorsale, facendo vacillare la visione di Jenny che, davanti a me, aveva sfoderato il paletto e teneva l'arma stretta in un pugno, tremante per il repentino cambiamento d'atmosfera.
«Jenny, non fare niente» le ho ordinato, tentando di apparire il più tranquilla possibile. Era impossibile, ovviamente, rimanere calma tra le braccia di colui che aveva già iniziato a solleticare la mia mente con una semplice sequenza di parole.
«Ascoltala, Jennifer; non devi avere timore di me. Non ho intenzione di farvi del male, anche se ciò che vorrei mettere in pratica con la tua tutor non ammette testimoni, vero Isabel?».


Ciao a tutti! ...
Alla prossima tappa il 6 febbraio!

8 commenti:

carmela ha detto...

io non so perchè ma paragono Lorenzo a Christian grey...troppo sexy, troppo sicuro di se e troppo pericoloso

Jenny ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Jenny ha detto...

Jonathan Rhys Meyers senza dubbio!

http://iv1.lisimg.com/image/6055586/600full-jonathan-rhys-meyers.jpg

Se avete visto la recente serie tv Dracula, potete capire cosa intendo.
Questo blog tour mi sta facendo venire sempre più voglia del 12 Febbraio, sembra un giorno così lontano!

Chiara Girelli ha detto...

Lorenzo,
la tentazione fatta a .... vampiro. ;) non vedo l'ora di leggere il libro per intero.

Chiara Girelli ha detto...

Riposto il commento perchè era incompleto! Lorenzo,
la tentazione fatta a .... vampiro. ;) non vedo l'ora di leggere il libro per intero.
Se dovessi scegliere un attore per questo ruolo, direi Jason Lewis...

ramona ha detto...

io ci vedrei bene jay ryan (il protagonista maschile della serie the beauty and the beastly)
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=580668435351352&set=a.355091597909038.80271.355088914575973&type=1&theater
GRAZIE!!!

Cioci X ha detto...

waoooooooooo lo voglioooooooo non vedo l'ora che esca XD stupendo ecco come lo immagino il caro Lorenzo XD:
http://24.media.tumblr.com/0b7080f4768baaa021392123576cc529/tumblr_mysw9fedVU1rsfm6vo1_500.jpg

Francesca Pilotti ha detto...

Allora... Ci sto pensando da quando ho letto il Diario e, diamine, sinceramente credo che resterò fedele alla scelta di Isy, ossia David Gandy… Anche se, beh, dovendo proprio scegliere un altro volto, direi il mio adorabile e bellissimo Ian Somerhalder. Dai, io vorrei portare volentieri nel mio letto entrambi e l'idea di averli in contemporanea è… *sbava e poi muore*
Per il resto… Isabel, mi stai facendo diventare sempre più matta dalla voglia di leggere il libro! Non arriverò mai a mercoledì prossimo, 9 giorni sono troppo lunghi!
E poi… posso commentare, vero? *faccina angelica, come se non avesse delle corna nascoste tra i capelli*
1) "«Isabel, perché stai fuggendo?» ha chiesto con tono divertito, come un felino impegnato in una caccia al topo, o meglio, a una gattina da coccolare in un modo per niente dolce." Non sono d'accordo sul "per niente". Neanche un po'. Dai, è Lorenzo! Quello che ha fatto impazzire Isabel con sogni erotici ad occhi aperti che farebbero morire di desiderio chiunque altro! E poi, Isabel scappa sempre… Uffi! >.<
2) "«Ma chi è quello?»." Jenny, è uno figo. Stra-figo, a sentir te. Ti deve bastare saper quello!!! *aria da pazza psicopatica che vorrebbe saltare addosso allo strafigo*
3) "Non volevo che s’insinuasse di nuovo in me il desiderio di diventare preda e amante del vampiro più passionale che avessi mai incontrato in vita mia." ❤❤❤
4) "Non prendermi per ignorante." Lory Lory (non so questa da dove mi è uscita, probabilmente è la matta che c’è in me che ogni tanto emerge xD) è permalosetto, eh? ❤
5) "Ho trattenuto il fiato, nell'osservare la maglietta chiara di Lorenzo, fin troppo aderente sopra i pettorali che sporgevano sotto la giacca di pelle." E io cosa avrei fatto? Mi sarei sporta un pochino, giusto per compensare quei pochi centimetri di distanza e schiacciarmi per benino su una distesa di pura beatitudine… Aaaaawwwww! *sbava ancora e muore di nuovo* Del genere: Isabel, buttati che è morbido! xD
6) "Ho afferrato il polso di Lorenzo mentre era ancora a metà strada tra la sua figura e quella di Jenny." Di' la verità, Isabel: sei gelosa! Daaaaaiiii, lo sappiamo tutte! E' perfettamente comprensibile, eh! Non avremmo (avrei) nulla da criticare, se lo fossi, anzi! xD
7) "L'attimo successivo mi sono ritrovata premuta contro il petto del vampiro" Solo contro quello? *aria da… pervertita, sì, lo ammetto, credo che la mia faccia sia da pervertita in questo momento*
8) "Non ho intenzione di farvi del male, anche se ciò che vorrei mettere in pratica con la tua tutor non ammette testimoni, vero Isabel?" Del genere: chissenefrega dei testimoni! Qui, ora, esattamente dove siamo, tutto e subito! *la matta, la psicopatica e la pervertita si sono unite per formare un'unica entità superiore e leggermente ossessivo-ninfomane che potrebbe prendere il controllo del mio corpo. Potrebbe avvenire una perdita di connessione in qualsiasi momento. Se le mie frasi resterranno a metà, sappiate che è perché sto andando a cercare Lorenzo per stuprar… ehm, ehm, per fare la sua conoscenza… approfondita conoscenza… mooooolto approfondita… moooo…………