lunedì 13 gennaio 2014

IO AMO UN VAMPIRO, DARK HEROINE di Abigail Gibbs - recensione

Sempre più scoppiettante ed interessante questa bella saga sui vampiri che in questo secondo volume, più che mai, allarga i suoi orizzonti verso un mondo sovrannaturale variegato e attraente , mettendo ancora meglio in luce tutte le potenzialità emerse nel primo, introduttivo. Se Abigail Gibbs continuerà su questa strada, quella che ci offrirà sarà una Saga articolata e assai appetitosa, condita da mistero e sensualissime storie d'amore.


IO AMO UN VAMPIRO
- THE DARK HEROINE -
di Abigail Gibbs

editore: Fabbri
pagine: 356
prezzo: 14.90 euro
Rilegato
( 2° volume Serie The Dark Heroine" )

Trama

Violet ha preso la decisione più difficile della sua giovane vita: rapita per aver assistito a una strage di umani compiuta dai vampiri, rimasta prigioniera perché figlia del ministro della difesa inglese, ha scelto di tradire la sua razza e rimanere con i nemici, con i non morti che nascondono la loro ferocia sotto l'apparenza di giovani bellissimi. Soprattutto uno: Raspar, il principe dei vampiri, bello da togliere il fiato, capace di atti di crudeltà e ferocia e di momenti di dolcezza e compassione. Ed è proprio il principe la causa della scelta di Violet, che si è perdutamente innamorata di lui. Ma come possono amarsi, se le loro razze sono in guerra e se il padre di Raspar, il re della corte vampira, ha deciso che i due dovranno stare lontani l'uno dall'altra per punire il figlio per la sua ribellione? Violet, divisa tra due mondi, ha una sola speranza, far cessare la guerra segreta che insaguina le strade di Londra. L'unica possibilità risiede nella profezia secondo la quale Nove Eroine porteranno la pace tra umani e vampiri. Che sia Violet una di esse?

La mia opinione


Prima di cominciare a parlare di questa nuova lettura ci tengo a fare una precisazione e cercare di risolvere il "mistero" che da qualche tempo ruota attorno a questo libro. Ci si chiedeva infatti se questo fosse il secondo romanzo della Serie "The Dark Heroine" ( ancora inedito all'estero al momento dell'uscita ) o la seconda parte di "A cena col vampiro". Ebbene la risposta esatta alla domanda è la seconda. Questo romanzo è la continuazione del precedente. E lo si capisce dal titolo originale presente in copertina: "Dinner with a Vampire". Per il secondo volume della Serie, dal titolo Autumn Rose, dovremo quindi aspettare ancora un po'. Non troppo, in effetti, visto che la sua uscita in lingua originale è prevista per il 30 gennaio 2014. Speriamo che la Fabbri non ci faccia aspettare troppo perchè, per quanto mi riguarda, la considero una delle serie più appassionanti, divertenti ed interessanti sui vampiri degli ultimi tempi (senz'altro fin troppo abusati sull'argomento!). 

"Ti sei sempre ostinata a resistermi
e ora voglio fare a modo mio.
Dodici ore non saranno abbastanza...
per dimostrarti quello che ti sei persa."


La storia, a parte avere al centro (almeno per il momento) la storia d'amore fra l'umana (ancora per poco) Violet e il bel vampiro Kaspar, si basa su un'antica Profezia che dà grande potere alle donne e unisce diverse dimensioni sovrannaturali e diversi tipi di creature fantastiche. Secondo il world-building della serie esistono infatti nove dimensioni, parallele in quasi ogni aspetto. Ognuna è popolata di umani e di un numero molto minore di creature dell'oscuro. In ogni dimensione gli umani non sono mai andati molto d'accordo con tali creature, tranne in quella dei vampiri dove invece , ad eccezione del Governo, nessun umano sa della loro esistenza. Circa cinquecento anni prima delle vicende qui raccontate, uno studioso e Profeta Sage (un popolo di Maghi) di nome Nab'ial Contanal sostenne di aver avuto una visione del futuro e trascrisse la sua profezia su un rotolo di pergamena. Seppe prevedere le due guerre mondiali, il cambiamento climatico e persino l'invenzione della bomba atomica. E sapeva che le creature dell'oscuro e gli umani avrebbero considerato nullo ogni trattato e che si sarebbe profilata la minaccia di una guerra tra le dimensioni e tra le creature. Ma con questa profezia non lasciò nessuno senza speranza. Nella Profezia delle Eroine (The Dark Heroines) predisse che in questa età buia sarebbero arrivate nove donne, simili a divinità, superiori a tutti i re e dotate di straordinari poteri. Il loro compito sarebbe stato quello di ristabilire l'equilibrio perduto con gli esseri umani.

Adesso è stata trovata la Prima Eroina Sage della Profezia, nel regno di Athenea, e il suo ruolo è di risvegliare le altre otto eroine. Ora è la volta dei Vampiri, che sarebbero stati i prossimi ad avere un'eroina fra loro. E qui, entra in gioco Violet... solo che prima Vampira lo deve diventare.
E il destino che la lega al principe Kaspar.

"Dio... Avevo preso la mia decisione e adesso stavo malissimo,
Avevo appena rinunciato alla mia sorellina malata,
alla mia famiglia, ai miei amici,
per non parlare della mia istruzione e e della possibilità di una vita normale e libera da ogni costrizione.
Per cosa poi?
Per un regno di creature malvagie, perverse e manipolatrici
che si nutrivano di esseri umani.
Per il quarto figlio dei Varn, bello ma egoista,
l'uomo che un giorno sarebbe stato a capo di quel mondo oscuro.
Dovevo essere impazzita.
Eppure il pensiero che avrei potuto lasciarmi tutto alle spalle
mi stringeva il cuore e non sapevo se per la felicità di essere rimasta
o per protesta contro la mia scelta."

Naturalmente, dopo svariati tira e molla, scherzi e battute al vetriolo, nonchè siparietti estremamente dolci e sensuali che abbiamo cominciato ad apprezzare nel volume precedente, appare evidente ad entrambi che si amano alla follia. Ma stare insieme non sarà così facile. E questo non soltanto perchè il Re ci metterà del suo a separarli, ma anche perchè lo stesso Kaspar è combattuto tra quello che sente nel cuore e i suoi reali desideri, con quella vocina che parla sempre nella sua testa e il ricordo di sua madre che era stata molto chiara nel rivelargli chi sarebbe stata la Donna del suo destino.

Violet ormai ha preso la sua decisione. Vuole compiere il grande passo e vuole diventare una vampira.
E non solo per amore di Kaspar. Ormai è convinta di essere lei la protagonista della seconda strofa della profezia. E in più si sente stranamente e straordinariamente "legata" ad Autumn Rose; proprio lei infatti è la prima eroina con il compito di risvegliare tutte le altre.

"Nella pietra è scritto il tuo destino,
il secondo trono è nata per occupare.
Tradirà la sua famiglia,
vivrà nel peccato da lui commesso,
macchiato del sangue della rosa nera.
Non ha nascita, non ha tempo, non ha scelta,
come martiri due innocenti moriranno
per la giovane nata per sollevarne nove".

Lo scoprirà in una maniera piuttosto avvincente. Attraverso misteriosi indizi lasciati in lettere e preziosi oggetti di famiglia. Ma anche dalle rivelazioni della sua "nuova" amica Autumn Rose.
Così come scoprirà a chi appartiene quella misteriosa vocina che le parla, a volte, nella testa. Così come scoprirà che in mezzo alla corte dei vampiri si nasconde un traditore che vuole tenere celata la verità.

"Violet... un'Eroina.
Ancora non mi ero abituato all'idea.
Quella ragazzina pestifera che avevo rapito a Londra,
la donna per cui provavo qualcosa,
la dampira che aveva dovuto affrontare così tante difficoltà
...era un Eroina.
E ora sarebbe stata ancora più dura per lei.
Le probabilità che ce la facesse erano scarsissime.
Ma contro il destino si può fare ben poco."

Insomma...per concludere questo libro ( e mi riferisco ad entrambe le parti che lo costituiscono ) è davvero meritevole; carino e avvincente difficilmente deluderà le giovani lettrici ma anche le irriducibili appassionate delle storie che hanno per protagonisti canini affilati, e non solo...
Quindi Serie caldamente consigliata anche perchè dai prossimi libri le cose si faranno ancora più complcate (e interessanti!)!


e mezzo





"-Stiamo giocando una partita a scacchi.
Ma non ne abbiamo il controllo.
Noi siamo solo le pedine-
Gli tremò la voce e un brivido freddo mi corse lungo la schiena,
come se mi avesse attraversato un fantasma.
- E chi ce l'ha il controllo allora? -
- Il destino. Il tempo. 
Cose di cui non sappiamo nulla.
La nostra comprensione non è prevista,
quindi non cercare un senso a tutto questo.
Devi solo far finta di niente."


La Serie "The Dark Heroine"

1 - A cena con il vampiro - Dinner with a vampire  ( recensione QUI )
2 -  Io amo un vampiro - Autumn Rose

L'Autrice


E' nata e cresciuto a Devon. Attualmente sta studiando per una laurea in inglese presso l'Università di Oxford e si considera una studentessa professionista, mentre il mondo reale sta ancora cercando di restare al passo con lei. La sua più grande paura è il sangue e lei è un grande sostenitrice del vegetarismo, che logicamente ha portato alla stesura del suo primo romanzo, A cena con un vampiro. All'età di quindici anni, ha iniziato a pubblicare una serie on-line con lo pseudonimo Canse12, e dopo tre anni alla ribalta su internet, ha puntato al dominio totale del mondo. Passa il suo tempo tra gli studi, le storie e la famiglia, e usa il caffè per sopravvivere a tutti e tre!

2 commenti:

Franci ha detto...

Ho preso da poco il primo libro di questa serie, incuriosita dalle tue parole e da altre recensioni positive, non vedo l'ora di leggerlo, mi sembra una storia originale, nonostante si parli di vampiri.. bellissima recensione cmq, come sempre;) Brava! <3

Starlight ha detto...

Li ho letti uno di seguito all'altro e li ho amati con tutto il cuore! Da tanto tempo non leggevo di vampiri così irresistibili! Ho amato Kaspar alla follia, se non lo voleva Violet me lo sarei presa io xD Scherzi a parte la loro storia d'amore che è tutt'altro che mielensa, anzi, è stupenda e la faccenda delle eroine mi intriga parecchio! Non vedo l'ora che esca il terzo volume! Grazie Sangueblu per questa magnifica recensione e per avermi fatto scoprire questi fantastici libri! Un bacione!