sabato 5 ottobre 2013

IL SOGNO DELL' INCUBO di Marta Palazzesi - Recensione in anteprima

Marta alla riscossa!

Cari amici, dopo averci appassionati con Il bacio della morte, averci incuriositi con un prologo succulento che ci preparava all'uscita del secondo volume e averci commossi con il prequel Il marchio di Demien Marta si prepara a conquistarci definitivamente con un sequel squisitamente perfetto che soddisferà e convincerà proprio tutti; anche quei pochi lettori che da lei volevano di più.
Il sogno dell'incubo è un volume di mezzo che riesce a dare spessore, sostanza, originalità e coerenza a quella che, a mio parere sin dall'inizio, è una delle serie made in Italy più belle ed interessanti in campo Paranormal ed Urban fantasy per ragazzi (e non solo, come sostengo sempre!). Ho avuto l'onore di poterlo leggere in anteprima ed è con autentica gioia che mi sento di affermare di aver letto un libro bellissimo. Quattrocentottantotto pagine piene piene, in cui si succedono a ritmo serrato avvenimenti, incontri, sorprese, pericoli, complotti... e tanta passione. Creature soprannaturali e personaggi "particolari" che sanno emozionare e stupire e che in un modo molto fluido ed in un perfetto equilibrio tra pathos ed ironia, sanno raccontare e spiegare il loro mondo, trascinandoci dentro il lettore. 
Un libro che è una conferma per chi, come me, ha sempre creduto nella potenzialità di questa storia e nel talento della sua autrice che in questo libro è più che mai evidente, maturo e brillante.


IL SOGNO DELL'INCUBO
di Marta Palazzesi


editore: Giunti
pagine: 496
prezzo: 12:00 euro
Rilegato
( 2° volume "La Casa dei Demoni" )

IN LIBRERIA DAL 9 OTTOBRE 2013

Trama


Come vivere sapendo che nell’attimo in cui la persona che ami morirà, proverai il suo dolore? Questa è una delle tante domande che Thea Anderson, giovane cacciatrice di demoni Azura dal carattere focoso, non riesce a smettere di porsi. E gli incubi che tormentano le sue notti, da dove vengono? Chi li insinua nella sua mente? E perché molte persone a lei care si comportano in modo inspiegabile nell’ultimo periodo?
Per trovare le sue risposte, Thea sarà costretta a varcare i confini del Palazzo e ad addentrarsi in un intricato groviglio di verità. In un rocambolesco viaggio insieme a chi credeva ormai perduto, scoprirà un antico segreto, lotterà contro creature leggendarie e danzerà ancora con la Morte. Ma sarà il suo cuore il nemico più crudele. Potrà l’amore essere più forte dell’orrore?
Nel suggestivo scenario delle campagne rumene, tra folklore, antiche credenze e incontri inaspettati, la caccia continua.
Capita di non ricordare un sogno, ma un Incubo non si dimentica mai.


La mia Opinione

"Puoi dimenticare un ex ragazzo che ti ha fatta soffrire,
ma qualcuno che non hai mai avuto la possibilità di amare?
Come smettere di domandarti come sarebbe andata?"

Come posso non innamorarmi di un romanzo che ha tutti i miei "ingredienti" preferiti?
Una protagonista caparbia, coraggiosa, un po' ribelle e soprattutto spiritosa e sarcastica; un'ambientazione particolare ed esotica: un'atmosfera intrisa di misteri da svelare e da scoprire; una storia d'amore tutta pepe e "in salita" e un personaggio maschile affascinante e tormentato. Questi sono solo alcuni dei punti di forza della serie "La casa dei demoni" a cui aggiungerei uno stile assolutamente scorrevole e disinvolto capace di far vivere la storia con grande intensità ed ironia - che forse è la qualità che più apprezzo in Marta - e che sa far emozionare grazie ai numerosi colpi di scena e alla drammaticità di molte situazioni.
Il Sogno dell'Incubo è un libro che nonostante la sua corposità si fa leggere tutto d'un fiato anche perchè la storia entra nel vivo fin dalle primissime pagine che riprendono il racconto esattamente da dove eravamo rimasti... Thea, tornata dalla morte, è rimasta sola nel Palazzo senza l'amato Demien che è partito in solitaria per raggiungere il Mondo Sotterraneo e liberare i suoi genitori, ora deve scontare la sua punizione fra i libri e i documenti degli Archivi. In questo lasso di tempo alla frustrazione per essere lontana dagli allenamenti e alla forte mancanza del Compagno di caccia - cosa che vi assicuro prova anche la lettrice fino al momento della sua ricomparsa - si aggiunge un forte senso di inquietudine per gli strani fatti che, sempre più numerosi, cominciano ad avvenire tutt'intorno a lei... L'improvvisa malattia del padre di Serena (la sua migliore amica) che è a capo della sua comunità, il comportamento ambiguo o inspiegabile di molti protagonisti, l'arrivo di nuovi personaggi che portano scompiglio e guai. 

Per essere un libro "di mezzo" di una trilogia presenta, su tutti, due grandi pregi: la maturazione dello stile e della resa dei personaggi e soprattutto la concretizzazione del world building generale che fa da impalcatura alla Serie. I numerosi elementi introdotti in questo secondo volume contribuiscono a spiegare e a sviluppare meglio tutti quei "semini" che erano stati piantati nel volume di esordio e riescono a dare pienamente corpo ed originalità a questa storia "paranormale" molto articolata e ben congegnata, in cui convivono diverse figure sovrannaturali - Demoni, Succubi, Azura, Ibridi Mezzosangue ma anche fantasmi - e prende vita una mitologia interessante e ben definita.
Sono molti i passaggi in cui Marta ci aprirà le finestre sul suo personale universo paranormale, ma forse la più chiara ed interessante è quella che ci si presenterà durante il viaggio che affronterà Thea insieme a Demien, nelle terre d'Armenia, a casa di un'improbabile famiglia che fa parte del passato del Succubo: quella di Ivan. Qui Thea verrà a conoscenza - e noi con lei -  delle origini dei demoni e la conseguente suddivisione delle razze, scoprendone una di cui non avrebbe mai sospettato l'esistenza: i Razbunatori, demoni dotati di particolari poteri e con una particolare missione da compiere. (Non posso spiegarvi si più, scoprirete tutto leggendo...!)

Molto meglio sviluppato e approfondito anche l'aspetto forse più originale proposto da Marta che è quello del potere di controllare i Sogni e di comunicare e di agire, in diverse forme, attraverso di essi. Scopriremo che quello di Demien - il bacio del demone appunto - non è stato un semplice bacio, nè tanto meno un bacio d'addio... ma la base di un Legame molto particolare...
E poi c'è il nuovo potere acquisito da Thea: quello di vedere e comunicare con i fantasmi. E con uno in particolare, che sarà foriero di una rivelazione shoccante che rimescolerà all'improvviso le carte in tavola e che renderà ancora più succulenta la prospettiva dei nuovi sviluppi.

Ad ogni modo se già non bastasse la trama ricca ed avvincente, ciò che più cattura (e che personalmente più mi prende) è la storia tra Thea e Damien. Ci lascia in sospeso e sul filo del rasoio per quasi duecento pagine... finchè finalmente i nostri eroi si ricongiungono. E da quel momento in poi sarà un continuo crescendo... Maturerà il loro sentimento e si solidificherà la loro unione - nonostante le oggettive difficoltà - in una maniera molto pulita, profonda e lineare; senza indugiare in sdolcinatezze superflue e superficiali o in fastidiose forzature. Una storia d'amore che rispecchia lo stile dell'autrice e di conseguenza avrà brillantezza, freschezza, "modernità" e quel tocco di peperoncino che trovo molto coerente e pertinente con gli amori dei giovani adulti dei nostri giorni.


Uno dei personaggi che più mi piace nella storia è il padre di Thea... trovo che a tratti sia, a suo modo, esilarante. Ma accanto ai "vecchi personaggi" ne appaiono di nuovi assai interessanti, come Vikas e soprattutto Nicolae, che incuriosiscono molto e spero abbaino sempre più da raccontare...

Nuovamente Marta ci lascia sul più bello e ad un punto di svolta che ci riserverà grosse sorprese che ci attenderanno nel terzo libro... Ma questa è un'altra storia!
Intanto contate i pochi giorni che vi separano dall'uscita de Il sogno dell'incubo e godetevi il viaggio nel mondo straordinario di Thea e Demien e nella scrittura spigliata e accattivante della sua frizzante autrice!

Consigliatissimo!






Serie "La Casa dei Demoni"

0,1 - Il marchio di Demien
1 - Il Bacio della Morte ( la mia recensione QUI )
2 - Il Sogno dell'Incubo


L'Autrice


Marta Palazzesi ha 29 anni e vive a Milano. Quando non scrive, colleziona vecchie car­toline, studia russo e legge noiosissimi romanzi storici, che compensa con avvincenti storie YA. ”Il marchio di Damian” è il prequel de “Il Bacio della morte” (Giunti, 2013).

3 commenti:

Cioci X ha detto...

Bellissima recensione nn vedo l ora che esca nn sto più nella pelle XD

Bianca Marconero ha detto...

ho rimandato troppo. Devo leggere questa saga. ho sensazioni molto positive :)

Angela ha detto...

a me era piaciuto il bacio della morte, ho letto anche il prequel e aspetto di leggere il secondo libro.. Sono davvero curiosa!! :)