venerdì 23 agosto 2013

TUTTO CIO' CHE SAPPIAMO DELL'AMORE di Colleen Hoover

Che lezioni ho avuto con questo libro...
Da tutti.

Che lezioni ho avuto da questo libro...
Da un bambino di nove anni.
Mi ha insegnato che a volte si può vivere la vita
anche un po' all'incontrario...
E mi ha insegnato a ridere
di quelle cose di cui non avrei mai pensato di poter ridere.
Che lezioni ho avuto da questo romanzo...
Da una band!
Mi ha insegnato a ritrovare la capacità di sentire.
Mi ha insegnato a decidere chi sono
e cominciare ad esserlo.
Che lezioni ho avuto da questo libro...
Da una persona malata di cancro.
Mi ha insegnato così tanto.
Mi sta ancora insegnando così tanto...
Mi ha insegnato a farmi domande.
A non avere rimpianti.
A superare i miei limiti: esistono per questo.
A cercare un equilibrio tra la testa e il cuore.
E poi mi ha insegnato a trovarlo.
Che lezioni in questo libro...
Da una ragazza adottata.
Mi ha insegnato a rispettare ciò che mi è toccato in sorte.
Mi ha insegnato che non sono i legami di sangue a fare una famiglia e che a volte la tua famiglia sono i tuoi amici.
Da un professore che mi ha insegnato che 
i punti non sempre sono il punto
e che il vero punto è la poesia
(che permea la nostra vita).
Che lezioni ho avuto da questo libro
che mi ha ricordato tutto quello che mi ha mostrato 
mio padre
che mi ha insegnato che 
gli eroi non sempre sono invincibili.
E che la magia è anche dentro di me.

Che lezioni ho avuto da questo romanzo...
che insegna la cosa più importante di tutte.
A mettere l'enfasi sulla vita.

Perchè l'amore è tutto.

TUTTO CIO' CHE SAPPIAMO DELL'AMORE
di Colleen Hoover


editore: Rizzoli
pagine: 340
prezzo: 16.00 euro
Rilegato

Trama

Lake arriva in Michigan dopo la morte del padre, rassegnata ad affrontare un nuovo, faticoso inizio. La risalita appare all'improvviso dolce grazie a Will, il vicino di casa, a sua volta costretto dalla vita a crescere in fretta. L'intesa è immediata, ma il primo giorno nella nuova scuola Lake scopre che il loro è un amore impossibile: Will è uno dei suoi professori - giovanissimo, ma dall'altra parte della barricata. Altrettanto impossibile allontanarsi, dimenticarsi, rinunciare: e così Lake e Will si parlano attraverso la poesia, anzi, le poesie, in pubblico ma in segreto, servendosi di uno slam - una gara di versi - per dirsi tutto ciò che devono e vogliono dirsi. Alla fine è qualcosa di molto semplice, di essenziale: tutto ciò che sappiamo dell'amore è che l'amore è tutto, come ha scritto Emily Dickinson a nome di tutti noi.


La mia Opinione

Questo libro è semplicemente STUPENDO.
Non trovo altre definizioni.
E' di una potenza e di un'intensità straordinaria... 
Coinvolge e colpisce con una semplicità disarmante, e ci si trova per tutto il tempo in balia delle emozioni, dei ricordi, della nostalgia e dei buoni propositi. 
Perchè anche se analizzando la trama potrebbe sembrare molto triste, al contrario e paradossalmente questo è un libro che costruisce, non che distrugge,
Ho fatto mia, trasformandola leggermente e riadattandola su me stessa, la poesia di Lake, la protagonista, che racchiude la vera essenza di questo piccolo gioiello che non è assolutamente classificabile.
Non chiamiamolo infatti "new adult" o "Young adult" o "vattelappèsca adult" perchè questo libro è "fuori categoria"; è considerabile nient'altro che come un incommensurabile gioiello.
Puro e prezioso, da custodire gelosamente nella propria libreria e nel proprio cuore.

Chi ama leggere, e legge tanto, sa quanto sia vera la "magia" che talvolta accade quando sono i libri a sceglierci.
Ci chiamano e ci attirano - letteralmente - in alcuni precisi momenti della nostra vita.
E questi tesori di carta diventano lo specchio delle nostre emozioni, l'amico che ci dà conforto e che ci dice proprio quello che abbiamo bisogno di sentire in quel preciso momento, il consigliere che ci mostra la cosa più giusta da fare, la bussola per la giusta strada da seguire;
la più tenera carezza che ci scalda il cuore o lo "schiaffo" che deve farci "svegliare". 
Questo è quello che mi è successo con il libro della Hoover.
Arrivato proprio nel momento migliore, perchè per me era il peggiore.
E' stato come un doloroso disinfettante per il mio cuore ferito ma anche un balsamo per la mia anima e la mia memoria ad un anno esatto dalla scomparsa del mio adorato papà...
Il mio eroe invincibile, che mi ha insegnato tutte le sfumature del vero amore, ossia TUTTO, e che con il suo esempio, il suo grande cuore e la sua dignità  mi ha dimostrato che anche se siamo esseri piccoli e insignificanti nel Grande Ordine delle cose, possiamo anche morire da "Grandi", continuando ad amare la vita.
E che davvero la magia è dentro di noi...

Questo e tanto altro è quello che ho trovato e rivissuto a mia volta in "Tutto ciò che sappiamo dell'amore"... Di recensioni positive in giro ce ne sono tante, ma non avrei mai immaginato quello a cui sarei andata incontro! Mi aspettavo un romanzo molto più leggero e superficiale, mentre invece è un vero e proprio scrigno di perle ...di saggezza.
Tenero ma forte, semplice ma profondo tocca una vasta gamma di sentimenti, di avvenimenti, di situazioni spesso anche in dissonanza tra loro ma che suonano armoniosamente a creare la perfezione in un mondo intrinsecamente imperfetto.
Una riflessione sulla morte e sulla vita, che però non infonde tristezza ma coraggio...
La voglia di vivere lasciando un segno... di affrontare i problemi e le proprie paure...
Di vivere con entusiasmo, di imparare a rialzarsi e di amare la vita anche quando vuole metterci al tappeto. Di avere senso di responsabilità e sacrificio, ma anche quella dose di sana pazzia per stravolgere l'ordine delle cose, che spesso è "cosa buona e giusta"!
Una storia popolata da personaggi normali ma straordinari, che porterò con me nei giorni a venire, impressi a fuoco nella memoria e incastonati nel cuore.

Un libro stupendo, lo ripeto.

Tutto da scoprire, leggere e vivere pagina dopo pagina...
Perchè non è nient'altro che questo: un inno alla vita e all'amore, che è ciò che alla vita stessa dà significato.

Grazie papà per avermelo insegnato.

e mezzo!



Ma a volte la vita si mette di traverso.
Si mette dannatamente di traverso.
Ma non si mette dannatamente di traverso solo perchè vuole
che tu ti arrenda, perchè vuole prendere il controllo.
La vita non si mette dannatamente di traverso
solo perchè vuole che tu molli tutto e ti lasci trasportare.
La vita vuole che tu lotti.
Che impari a prenderti quello che è tuo.
Vuole che prendi un'accetta, e spacchi quelle assi di legno
con cui ti ha sbarrato la porta.
Vuole che prendi un martello e rompi il cemento.
Vuole che prendi il fuoco e fondi il metallo e l'acciaio
finchè ti apri un varco dall'altra parte
e afferri quello che è tuo.
La vita vuole che tu prenda quello che hai ordinato,
sistemato,
messo in ordine alfabetico,
in ordine cronologico, in sequenza.
E unisca tutto, mescoli e rimescoli tutto.
  

8 commenti:

lilia63 ha detto...

Sangueblu che dire.....se il libro è stupendo, e lo penso anch'io, la tua recensione lo è ancora di più. Fortunatamente io ho ancora tutti e due i miei genitori ma sono anziani, e spesso penso a quanto mi hanno dato.
Sono d'accordo sul vattelappesca adult!
E' vero che i protagonisti sono giovanissimi, ma le tematiche affrontate ci toccano e ci hanno toccate molto da vicino.
Per me che sono molto "adult" oltre ad essere un modo per ricordare esperienze passate, anche con nostalgia, è di sicuro un modo per avvicinarmi al mondo delle mie figlie,per capire anche meglio le loro di necessità.
Comunque, siete grandi, Angels!!!!

emma ha detto...

io non l'ho ancora letto ma comunque dopo una recensione cosi' penso che visto che era nella mia lista dei prossimi da acqustare lo farò molto presto comunque ti ringrazio per questa speciale recensione

Nippi Ilaria ha detto...

Che parole meravigliose hai scritto, mia dolce Sara...... <3

Anonimo ha detto...

Un libro che ci insegna ad esternare i nostri pensieri, le nostre emozioni,per essere autentici!Chi è entrato in contatto con il mistero della morte può scoprire la vita e cambiare così l'ordine delle priorità.Al primo posto metterà l'amore per sè e per il prossimo,sia esso il compagno,il fratello o l'amico.L'ho finito di leggere ieri e sono rimasta sorpresa dei contenuti esposti in modo semplice.Grazie Sangueblu per averlo messo in evidenza. Mariangela da Conegliano

Mya Ancarani ha detto...

Io l'ho letto un po' di tempo fa e devo dire che condivido a pieno la tua recensiene e' un libro che ti entra nel cuore bellissimo..lo cosiglio un bacio


mielelucegrace miele ha detto...

cara amica, hai fatto una recensione che mi è entrata dritta nel cuore! era già in lista questo libro e ora cercherò di leggerlo al più presto! Silvia

Anonimo ha detto...

ciao io adorato questo libro e aspetto il continuo..tun sai dirmi qualcosa non riesco a trovare niente!! ti pregoooo devo leggerlo graziee

Anonimo ha detto...

Questo libro l'ho cominciato poche ore dopo aver saputo che mio padre era malato. È stato fondamentale per me perché mi ha dato la forza di non crollare e di godermi il mio papà finché era con me. Da quel giorno sono passati 3 mesi e molte cose sono cambiate: da circa 2 mesi mio padre non c'è più ma quando ripenso a quel libro non penso solo al contesto in cui l'ho cominciato ma all'enorme aiuto che mi ha dato. Di sicuro è uno dei miei libri preferiti e consiglio a tutte di leggerlo, perché arriva dritto al cuore come pochi altri