domenica 21 aprile 2013

L' AMORE E' UN DIFETTO MERAVIGLIOSO Graeme Simsion Recensione in anteprima

L' incapacità (o la ridotta abilità) di provare empatia non è la stessa cosa dell' incapacità di amare.
L' amore è un potente sentimento rivolto ad un' altra persona, che spesso sfugge alle regole della logica.
Rosie non rispondeva a numerosi criteri del progetto moglie, incluso quello decisivo del fumo.
I miei sentimenti per lei, non potevano essere spiegati dalla logica.
Graeme Simsion, l' Amore è un difetto meraviglioso
 
 
Vi ricordo che Graeme Simsion
sarà a Milano il 22 e 23 Aprile
e a Roma il 24 Aprile
 
 
Da domani 22 Aprile, in libreria
 
L' AMORE E' UN DIFETTO MERAVIGLIOSO
di Graeme Simsion
 
Traduzione di Michelel Fiume
Collana: La Gaja Scienza
Pagine: 372
Prezzo: 14.90
Cartonato con sovracopertina
 
 
Trama
 
Don è un professore di genetica all’Università di Melbourne e di recente ha fatto una scoperta incredibile: gli uomini sposati sono mediamente più felici di quelli single. E vivono più a lungo! Per questo ha deciso, da scienziato qual è, di trasformare un problema – il fatto che non ha una compagna e non gli è mai riuscito di trovarne una – in un progetto: il Progetto Moglie. È semplice: basta un questionario di sole sedici pagine per escludere tutte le candidate sbagliate e trovare, finalmente, la donna perfetta per lui, una che risponda a criteri rigorosi: non deve fumare né bere, e non deve mai arrivare in ritardo o in anticipo.
Grazie al Progetto Moglie Don scoprirà che la lunghezza dei lobi delle orecchie non è un indicatore affidabile dell’attrazione sessuale. Che c’è una ragione per cui non ha avuto mai un secondo appuntamento con una donna. Che una giacca sportiva in color giallo catarifrangente, benché si chiami «giacca», non è indicata per entrare in un ristorante elegante. E scoprirà che nonostante un approccio estremamente scientifico al problema, non è così che si trova l’amore. Perché è l’amore a trovarti. E l'amore è un difetto meraviglioso.
 
 
 
Opinione
 
Ricordate l'indelebile personaggio di Furio? Uno dei travestimenti meglio riusciti di Carlo Verdone, e rimasto nel nostro immaginario collettivo, come il marito più pignolo e rompiscatole della filmografia italiana? Ecco, dopo le prime venti pagine la mia immaginazione ha visualizzato proprio Furio, con la sua fissazione per la puntualità, l'ordine e la pianificazione dei minimi spostamenti della famiglia. Don Tilman è il Furio australiano. Docente di genetica, un vero e proprio nerds pignolo a tal punto da apparire strano o ridicolo agli occhi di chi lo circonda. A trentanove anni, la sua vita ruota intorno al suo lavoro all'università, a questionari di dubbio interesse sociale e a constatazioni quotidiane che lo rendono sicuro di sè davanti alla vita. Tutto ciò che succede ogni giorno, è riconducibile ad una determinata legge matematica o statistica. Non è un uomo che accetta che un evento sfugga alle leggi razionali, tutto rientra in un schema prestabilito..... anche l'amore.
Povero Don, non potrebbe essere più in errore di così... ma lasciamo che gli eventi gli dimostrino che non tutto può essere schematizzato e inserito in un questionario e, l' amore è forse per eccellenza il sentimento più difficile da schematizzare o indicizzare.  Probabilmente se incontrassimo Don al bar o all' ufficio postale e, scambiassimo poche parole in attesa del nostro drink o del nostro turno allo sportello, lo inquadreremmo come uno strano, un personaggio fuori dal mondo. Certo è un genetista, abituato fino al midollo a schematizzare ogni momento o evento della sua giornata. Ma la cosa più buffa, è che i suoi guai cominciano proprio a causa di una "svista" di tipo genetico. Se fosse stato più "pignolo" nel valutare una certa dichiarazione sull' ereditarietà del colore degli occhi nella prima generazione, forse si sarebbe risparmiato la rocambolesca avventura nella quale si è buttato senza riflettere.... ma non avrebbe mai dato il via al progetto padre, e non avrebbe mai avuto a che fare con la donna più inadatta del pianeta, a diventare sua potenziale moglie. In questo romanzo geneticamente surreale, Don porterà avanti due progetti bizzarri, ma che si riveleranno fondamentali per il suo futuro: il progetto padre e il progetto moglie, collegati tra loro da un sottile filo invisibile che lo tiene illogicamente legato a Rosie. Lei è tutto quello che ci può essere di più inadatto nella potenziale partner che Don, alla soglia dei quaranta, sta cercando. Ma come si fa a cercare una moglie attraverso un questionario? Don ritiene sia il modo più semplice e diretto per trovare una candidata adatta. Peccato che il destino, di scientificamente statistico, non abbia proprio nulla. E dopo una serie di "divertenti" disavventure, finalmente il prof. Tilman subirà la metamorfosi da nerds genetista, a quarantenne innamorato, pieno di difetti ma con una gran buona volontà di conoscere la vita imperfetta  e illogica al fianco dell' unica donna che abbia il potere di farlo sentire normale, quasi "generico". Devo essere sincera, mi aspettavo qualcosa di più da un fenomeno editoriale. L' idea è molto originale e carina, ma la narrazione pecca di una lentezza iniziale che a mio avviso danneggia (e non poco) l' intero romanzo. Per fortuna, dopo un iniziale antipatia verso Don, dovuta alla sua ossessiva pignoleria, il mio giudizio su di lui prende quota grazie alla sua graduale umanizzazione. Anche dal personaggio di Rosie mi aspettavo più vérve e colore, invece spesso si fa "schiacciare" dal carattere di lui, non reagisce ai suoi atteggiamenti indisponenti. Una simpatica lettura, che forse dovrei rileggere per apprezzarla maggiormente.
 
 
 
L'autore
 
 
 
 
Graeme Simsion australiano, è uno sceneggiatore cinematografico al suo esordio nella narrativa. Ancora prima della pubblicazione, ha vinto un prestigioso premio in patria, il Victorian Premier’s Literary Awards. I diritti di traduzione del suo romanzo sono stati venduti, fino ad ora, in oltre 30 Paesi. È stato effettivamente il romanzo più conteso alla Fiera di Francoforte 2012. L’autore ha un suo profilo facebook, Graeme Simsion; un blog, graemesimsion.com; e un account twitter, @GraemeSimsion. Anche Don Tillman, il suo strepitoso personaggio, ha un suo account twitter: @ProfDonTillman.
 
 
RINGRAZIO DI CUORE TOMMASO PER L' ESTREMA DISPONIBILITA', E PER AVERMI DATO LA POSSIBILITA' DI LEGGERLO IN ANTEPRIMA.

2 commenti:

Anonima ha detto...

Ti dirò non ne sono ancora convinta riguardo all'acquisto ma la tua recensione (come sempre) mi moriva a dare una possibilità in più a libri che altrimenti ignorerei... Un bacio

Mr Ink ha detto...

Io, invece, sono convintissimo! Sono certo che sarà una lettura carinissima :P