sabato 23 febbraio 2013

STRIGES. LA PROMESSA IMMORTALE di Barbara Baraldi

Striges è una fiaba moderna.
Che parla di streghe, magia; amore impossibile ed ineluttabile. E' un gothic fantasy che però ha il pregio di essere molto realistico. Perfettamente calato nella psicologia, nelle situazioni, nei panorami di oggi. 
Una storia di famiglia, amicizia, amore.
Di una ragazza speciale che vuole disperatamente uscire dalla malinconia. Dall' "anonimato". Dalla massa.
Che cerca disperatamente se stessa... 
Fino a quando non arriva Sebastian, Zoe dagli occhi di ambra, è come un cigno nero nato con un ala sola.
Poi l'intero Universo, che sempre complotta per far avvenire certi incontri, li mette ognuno sulla strada dell'altro e, anche se l' amore fra due nemici sembra impossibile, lei comincia finalmente volare. "Perchè le ali dell'amore possono farti volare nel cielo più puro, nonostante tra le piume sia nascosta una lama".
E la promessa di un amore immortale li ha riportati qui e ora, in un tempo futuro che diventa il loro presente.


STRIGES
LA PROMESSA IMMORTALE

di Barbara Baraldi


editore: Mondadori
pagine: 464
prezzo: 17.00 euro
Rilegato
( 1° libro Serie "Striges" )

Trama

Zoe ha gli occhi gialli come quelli di un animale selvatico. Non ci sarebbe nessun problema se fosse un gatto o una civetta, ma non potendo volare via, un giorno ha dovuto imparare a graffiare. Da allora è Zoe la cattiva e i suoi unici amici sono Chloe, perennemente innamorata del ragazzo sbagliato, e il pianoforte. Solo quando si abbandona alle sue note Zoe riesce a riempire il vuoto che ha dentro e a lenire il dolore per la perdita di sua madre, morta in un misterioso incidente. Il suo cuore è una pietra, e Zoe è convinta che non si innamorerà mai. Fino a quando nella sua vita non irrompe Sebastian, un ragazzo dagli occhi di smeraldo capace di strappare il velo che la protegge dal mondo. Eppure Sam, proprietaria della caffetteria Bloody Mary, la mette in guardia: Sebastian è pericoloso, e lei dovrà rinunciare al suo amore. Zoe è disperata: come può ucciderla l'unica cosa che l'abbia mai fatta sentire viva? La risposta è sepolta in un lontano passato, un tempo buio in cui un Inquisitore arse sul rogo la stessa strega che lo infiammò d'amore...




La mia Opinione


Chi non conosce Barbara Baraldi? Tutti gli amanti del gotico, dell' urban fantasy, delle favole nere, della scrittura italiana inquietante ed evocativa hanno già avuto modo di leggerla ed apprezzarla in almeno uno dei suoi ormai numerosi scritti. In questo libro, in particolar modo, avranno l'occasione di ritrovare una Barbara ancora più "matura" e complessa che ci regala un romanzo corposo, coinvolgente e dai mille spunti. Ma se c'è ancora qualcuno che non conosce la sua abilissima e personalissima penna, beh, questa secondo me è proprio l'occasione giusta per farlo!
Striges, la promessa immortale è un favoloso biglietto da visita per entrare nelle sue atmosfere gotiche e fiabesche intrise di poesia, oscurità, magia, modernità e al contempo disincantato realismo.
Un libro dove si rincorrono luci ed ombre e che rappresenta, al di là dell'aspetto fantasy, un originale romanzo di formazione in cui la protagonista, Zoe, compie un percorso diretto all'accettazione di sè e della propria diversità, al recupero degli affetti e della memoria e al superamento di una malinconia quasi "genetica" che l'accompagna fin dalla nascita e all'elaborazione del lutto più doloroso che si possa sperimentare, ovvero la perdita di una madre.
A non sentirsi più arrabbiata col mondo.
E per fare tutto questo si avvarrà non soltanto di tutta una serie di eventi straordinari, ma soprattutto di un carosello di personaggi che le ruotano intorno e che hanno tutti un ruolo ben preciso.

Famiglia; Amicizia; Amore;
Tradimento; Solidarietà (soprattutto femminile)
Integrità; Sincerità; Fiducia (negli altri e soprattutto in sè stessi);
Fanatismo; Storia; Natura; Potere;
Riflessione sulle conseguenze che le nostre azioni possono avere sugli altri...
Questi i temi affrontati.

In un'ambientazione tutta italiana, Milano fa da gotica e febbrile cornice alle vicende di Zoe, che tra vetrine scintillanti, feste in maschera, scuola e recite teatrali, diventa anche il campo di battaglia di una lotta atavica fra Bene e Male, tra Luci ed Ombre, tra "Giusto" e "Sbagliato" dove in realtà nulla è come sembra.

Perchè "Chi" ha deciso infatti "Cosa" sia giusto o sbagliato?
Quanti errori la Storia ha compiuto in nome di un'ideale, di una fede o soltanto di un pregiudizio?
In questo romanzo sicuramente non si vogliono dare o trovare le risposte a questi enormi concetti... ma certamente è un piacevole e coinvolgete "film su carta" che ci accompagna in una nostra personale riflessione sul fatto che la Storia dovrebbe essere Maestra. E se anche il più delle volte non ci riesce, non dobbiamo perdere la speranza...
Dobbiamo credere in noi stessi;
Nell'amore per noi stessi - che poi è l'unico modo anche per poter riuscire ad amare davvero gli altri - e avere fiducia nella forza della diversità che spesso è una cosa positiva e non dovrebbe farci sentire degli alienati.

Ed ecco che la Vita diventa la vera Magia... Mettere armonia nella confusione, nei sentimenti contrastanti, nelle pulsioni contrastanti che albergano dentro ognuno di noi e sembrano inconciliabili: amore, odio, paure e desideri. Sperimentare che "ogni crisi personale, per quanto profonda, turbolenta e traumatizzante reca con sè un elemento positivo: indica la via per un possibile cambiamento interiore, alla scoperta di nuove potenzialità e nuovi valori".

Una lettura emozionante quella che ci regala Barbara col suo Striges.
Vivida, intensa, evocativa...
Gotica e un po' thriller, come è nel suo migliore stile, ma anche tenera ed appassionata...
Che ci "insegna" o ci "ricorda" che il Mondo è Magia ed ogni luogo conserva in sè la memoria di quello che vi è accaduto... e tutti noi, anche se alcuni più di altri, potremmo entrarvi in contatto.
Una lettura adatta a qualunque tipo di pubblico perchè sa coinvolgere e entusiasmare per molti aspetti.

Al di là della bella storia d'amore tra Zoe e Sebastian, quello che a me ha più colpito ed emozionato è stato il rapporto tra Zoe e suo padre e il loro modo di affrontare e poi superare insieme il dolore per la perdita della donna che era il loro più grande punto di riferimento e come tornano ad essere una Famiglia.
E poi è molto ben sviluppato il tema dell'Amicizia, in tante sue sfaccettature.
L' amicizia del "cuore", quella che ti fa sentire sorella di chi per nascita non lo è. ( Chloe )
L'amicizia di chi attraverso di essa vorrebbe arrivare a qualcosa di più. ( Damiano )
L'amicizia inaspettata che scaturisce da un'iniziale antipatia o incompatibilità. ( Angelica )
L'amicizia di chi ci vuol bene e ci protegge anche da "lontano" ( Sam )
L'amicizia apparente, di chi emula o invidia ( Federica )
L'amicizia fedele e il conforto che solo un amico "a quattro zampe" sa dare... ( Nosferatu)

Vi sembrerà che io abbia scritto anche troppo... ma vi assicuro che questo libro è tutto da scoprire! Vi lascerà piacevolmente colpiti e con una voglia matta di andare avanti in questa storia in cui vince il cuore, ma che ci lascia di stucco sul finale con un colpo di scena che ci fa presagire uno sviluppo di serie entusiasmante e dalle mille sorprese!

Consigliatissimo!

     

<< E' incredibile come spesso i momenti indimenticabili della vita arrivino senza la minima preparazione. Possiamo affannarci a costruire a tavolino un appuntamento perfetto, ma niente è paragonabile alla pura felicità che può scatenare una sorpresa. >>

L'Autrice


E' da molti considerata l'autrice più significativa del nuovo racconto gotico italiano. I suoi libri sono accolti con favore dalla critica e dal pubblico, e sono pubblicati in nove paesi, tra cui Germania, Inghilterra e Stati Uniti. Tra il 2006 e il 2009 vince premi letterari, tra cui il prestigioso Gran Giallo città di Cattolica. Tra le sue pubblicazioni, le fiabe oscure La collezionista di sogni infranti e La casa di Amelia (PerdisaPop) e il romanzo Lullaby - La ninna nanna della morte (Castelvecchi). Con Mondadori ha pubblicato La bambola di cristallo e Bambole pericolose, nella collana Il Giallo, e la saga dark fantasy "Scarlett" per il pubblico young adult. Insieme a Camilleri, Lucarelli, Carlotto e De Cataldo è protagonista di "Italian noir", il documentario prodotto dalla BBC sul thriller italiano.

3 commenti:

foschia75 ha detto...

quanto mi piacerebbe riuscire ad immergermi visceralmente come fai tu in questo genere di narrativa. Grazie per questo appassionato cammeo sull'amiciza e l'amore!
E grazie all'italianissima Barbara che ci fa sentire orgogliosi della "nostra" narrativa!

Nippi Ilaria ha detto...

Le tue recensioni riescono sempre ad emozionare e a coinvolgere come se fosse una lettura propria. Potresti farle lunghe dei chilometri e non mi annoierei mai a leggerti. Bravissima te e la bella Barbara!!

Mr Ink ha detto...

Bella recensione! :)
Non ho letto il romanzo, ma anch'io non posso fare altro che aggiungermi al "coro". Barbara è fantastica!