lunedì 25 febbraio 2013

DOVE FINISCE IL BUIO di Tara Hudson

Avevamo lasciato Amelia che aveva riacquistato la consapevolezza di sè, che aveva lottato contro un potente spirito che la reclamava all'inferno, che aveva scampato un esorcismo a causa di una comunità di Veggenti e soprattutto una Amelia che, nonostante la sua condizione di fantasma era perdutamente innamorata e parimenti ricambiata di Joshua. E' stato proprio questo ragazzo diciassettenne a farle di nuovo battere il cuore e donarle in qualche modo la sensazione di essere ancora "viva". Nonostante la clamorosa surrealità della situazione, giustificabile con la tesi che nel fantasy tutto è permesso, la tenera e profonda storia d'amore fra un fantasma e un bellissimo ragazzo nel fiore degli anni in qualche "assurdo" modo aveva funzionato. E questo soprattutto grazie allo stile estremamente poetico, dolce, ironico e scorrevole di Tara Hudson che nonostante essersi posta una davvero ardua sfida è comunque riuscita a gettare delle buone basi che ero curiosa di veder sviluppare, finalmente, nei volumi successivi. Sono contenta di affermare di non essermi sbagliata nel darle fiducia, perchè Dove finisce il buio è un libro molto più interessante, coerente e piacevole di Se fosse per sempre. Mantiene lo stesso bel romanticismo e la stessa velata atmosfera thriller, ma appare più solido, complesso e, se mi concedete, più "plausibile". E grazie alla presenza di tanti nuovi personaggi diventa anche una lettura poco scontata con un gran numero di colpi di scena.
Mi è piaciuto molto e non me lo aspettavo affatto così!


DOVE FINISCE IL BUIO
di Tara Hudson


editore: Nord
pagine: 402
prezzo: 17.60 euro
Rilegato
( 2° libro Serie "Hereafter" )
traduzione di C. MESSINA

Trama

Abbracciarsi, tenersi per mano, baciarsi: sono gesti quotidiani che scandiscono e consolidano ogni relazione, ma per Amelia e Joshua sono un desiderio irrealizzabile. Perché Amelia è un fantasma, un'anima inquieta, legata alle acque scure del fiume in cui è affogata dieci anni prima, e non può nemmeno sfiorare il suo adorato Joshua senza che la sua evanescente figura svanisca nel nulla. E, per quanto le sia difficile ammetterlo, Amelia sa di non poter continuare così: non può condannare il ragazzo che ama a un'esistenza di sacrifici. Deve lasciarlo. Ma quello che lei non sa è che Joshua è determinato a sovvertire le leggi stesse dell'universo. Pur di coronare il loro sogno d'amore, infatti, il giovane è disposto ad affrontare ogni sacrificio, anche a mettere la propria vita nelle mani di una potentissima sacerdotessa voodoo di New Orleans, l'unica in grado di celebrare un antico rituale per risvegliare i morti. Un rituale proibito e pericolosissimo che potrebbe distruggere le anime dei due innamorati.

La mia Opinione


Questo secondo capitolo delle vicende di Amelia e Joshua mi è piaciuto molto.Almeno, molto più del primo!
Questo perchè riesce brillantemente a superare tutti i limiti che avevo riscontrato in "Se fosse per sempre" e mantenere su un buon livello tutti quegli elementi che, invece, funzionavano benissimo.
Dove finisce il buio mi è apparso molto più dinamico e appassionante sia per le tante situazioni che si vengono a creare in tanti luoghi diversi, sia  per la presenza di un cospicuo numero di nuovi personaggi che movimentano la trama e contribuiscono a ribaltare costantemente le aspettative. Mille sorprese ci aspettano infatti e questo è un romanzo molto diverso da quello che mi sarei aspettata dopo la lettura del primo libro, che si concludeva con tutta un'altra minaccia all'orizzonte (quella di un esorcismo da parte della Congrega di Veggenti capitanata da Ruth, la nonna di Joshua e soprattutto la palese ostilità di sua sorella Jillian) e la possibilità di cadere nelle grinfie di Eli e rimanere intrappolata nella parte "brutta" dell'Aldilà. Ma si profilava anche una sorta i avventura all'orizzonte che si prefiggeva come unico scopo la possibilità di salvare il padre di Eli e toglierlo dall'oblio e dalle Tenebre riaprendo le porte dell'Aldilà.
Invece no... tutte queste premesse restano ancora marginali perchè al centro di questo libro c'è la riflessione sul rapporto tra Amelia e Joshua... sulla sua natura di fantasma... sull'irrealizzabilità di un vero futuro insieme perchè la loro condizione va contro le regole della vita e della morte.
Amelia riflette sulla sofferenza che la prosecuzione del loro "rapporto" può portare ad entrambi, ma soprattutto a Joshua che si ritroverebbe impossibilitato a vivere una vita piena, appagante e normale.
Anche Joshua, sebbene in misura minore perchè accecato dall'amore, se ne rende conto... E tenta di tutto per cercare di modificare in qualche modo la situazione. Ricorrendo perfino ad un rito Wodoo.

L'azione si sposta dal tranquillo Oklaomaa a New Orleans che si sa è la patria per eccellenza dello spiritismo e del wodoo, appunto. Questa decisione, insieme a tutta un'altra serie di fatti che il lettore scopre pian piano e che mettono decisamente "fuori strada" avrà delle grosse conseguenze per Amelia che alla fine del romanzo diventerà una persona, o meglio un fantasma, nuovo!

Un bell'escamotage che l'autrice trova per umanizzare un po' di più la sua figura che appariva fin troppo eterea e surreale e un bel colpo di scena a preparare un finale che potrebbe lasciarci di stucco! Amelia sembra un po' più umana... Si cambia d'abito, fa amicizia, diventa "visibile" a un più gran numero di persone. In un certo senso comincia ad "esistere".
Tante ancora le cose da sviluppare e da risolvere nel terzo ed ultimo libro che, a questo punto, attendo con grande curiosità!

Una saga carina, diversa e molto piacevole da leggere che consiglio ai giovani e ai giovanissimi che cercano romanticismo, leggerezza, un po' di suspance e non hanno "limiti" nella concezione Urban Fantasy!


TANTE GRAZIE A BARBARA E ALLA NORD

La Serie "Hearafter"

1 - Se fosse per sempre - Hereafter ( recensione QUI )
2 - Dove finisce il buio - Arise
3 - Elegy  ( previsto per Giugno 2013 )


L'Autrice


Nata e cresciuta in Oklaoma, si è laureata in legge, portando avanti una brillante carriera. Fortunatamente, ben presto ricordò quanto amava raccontare storie di fantasmi, in particolare per le sue amiche a cui piace visitare i cimiteri abbandonati. Vive con il marito, il figlio e un serraglio di animali indisciplinati.

3 commenti:

Anonima ha detto...

Devo prendermi il tempo per leggermi questa serie che mi intriga molto dalla trama...un bacio

sangueblu ha detto...

Cara anonima, quella della Hudson non sarà una di quelle Saghe sconvolgenti... ma sicuramente ha diversi pregi. Tra cui lo stile dell'autrice che è davvero musicale, poetico e scorrevole! Oltre a tanto romanticismo non mancano mai diversi colpi di scena e ribaltamenti di fronte! Il terzo volume conclusivo sarà una bomba....

Anonima ha detto...

Così non fai altro che mettermi voglia di leggerlo :) ormai questo blog é una droga devo recuperare un bel po' di libri :)