martedì 29 gennaio 2013

ROMA 42 D.C. CUORE NEMICO Adele Vieri Castellano Recensione in anteprima

Voglia di un tuffo nella "nostra" storia?
Ci pensa Adele.
Voglia di sentirci orgogliosi delle nostre origini?
Ci pensa Adele.
Voglia di spettacolari scorci della città eterna?
Ci pensa Adele.
Voglia di intensa e palpabile  passione?
Ci pensa Adele.
Voglia di amicizia e complicità?
Ci pensa Adele.
Voglia di una lettura terapeutica?
E' sempre Adele che ci pensa.
 
Per tutto il resto c'è sempre da cominciare con
ROMA 40 D.C. Destino d'amore.
 
 
Adele Vieri Castellano regina indiscussa del
ROMANCE STORICO italiano.
E mi piacerebbe tanto che un giorno (non lontano), la potessero leggere anche oltreoceano, perché se molte di noi hanno amato penne come quelle di Kathleen Woodwiss, loro si inchineranno
alle magistrali "pennellate" dell'autrice de noantri!
 
GRAZIE ADELE.
GRAZIE SERGIO FANUCCI.
 
 
 
1,2,3.....
PRONTE ?.....
......ATTESA...
E DAL 31 GENNAIO....
VIAAAAA!!!
 
 
 
Collana: Narrativa
Pagine: 448
Prezzo: 10.00
Brossura
ISBN: 978-88-6508-270-6
 
 
Trama
 
Il legato Marco Quinto Rufo, uomo di estrema forza e coraggio, è di stanza a Mogontiacum, ultimo avamposto dell’Impero Romano in terra germanica; a lui il compito di asservire la tribù dei chatti. Dopo una drammatica battaglia, il suo amico e compagno fraterno, Quinto Decio Aquilato, riesce a fare prigionieri i due principi, Ishold e suo fratello Raganhar. Ora che i nemici sembrano essere domati, un pericolo ancora più insidioso incombe su Aquilato, qualcosa che lui non avrebbe mai pensato di affrontare… Inizia così un amore impossibile tra un guerriero valoroso e una donna forte e caparbia divisi dai confini degli uomini ma non da quelli del cuore. Dalle selvagge foreste germaniche ai fasti, ai palazzi, ai templi della Roma antica, una storia di passione, ribellione e tradimento che vi trascinerà in un turbine di emozioni e colpi di scena con indimenticabili protagonisti.
 
 
 
Opinione
 
 
HO AMATO ROMA 40 D.C. DESTINO D'AMORE
HO ATTESO TANTO ROMA 42 D.C. CUORE NEMICO.
HO TREMATO DI PASSIONE,
QUANDO SONO STATA RAPITA DALLA PENNA
DI QUESTA AUTRICE CHE SI E' "FATTA DA SOLA".
 
Sostengo in continuazione che i libri sono terapeutici in modi diversi. Spesso possono essere il mezzo per un piacevole viaggio.... la destinazione la scegliete voi. Questo se avete come me la fortuna di immergervi completamente tra le righe. In questo caso non incontrerete  alcuna difficoltà perchè verrete risucchiati immediatamente dai colori, rumori e sensazioni fin dalla prima pagina. E chi ha letto Roma 40 D.C. lo sa perfettamente.
Mi sono materializzata nella foresta in Germania, ho sentito l'odore del sottobosco, il colore del paesaggio, il rumore della battaglia e i respiri affannosi dei soldati. Ho trattenuto il fiato quando Marco Rufo ha combattuto come un leone, quando Aquilato ha "cacciato" nella foresta cambiando il suo "fato"per sempre....
Poi sono tornata a Roma su una triremi, col rostro di bronzo che fendeva l'acqua, lucido e minaccioso e gli occhi dipinti sulle fiancate, che incutevano paura e rispetto.
Sono scesa e subito sono stata assalita dall'opulenza della città eterna, culla della nostra civiltà e capitale del mondo. Adele è stata un'impeccabile e appassionata guida turistica, che mi ha regalato scorci più o meno privati di una città che ha dominato il mondo con la sua arte, archittettura e cultura.
Ho indossato tunica e calzari, ho fatto il bagno nelle vasche dalle diverse temperature, sono stata asciugata e profumata, ho beneficiato dell'antica dieta mediterranea e..... dulcis in fundo ho goduto della compagnia del GUERRIERO E UOMO Quinto Decio Aquilato, praefectus alae della I Cohors Batavorum Quingenaria Equitata Claudia della XXII legione di stanza a Mogontiacum. Ma non solo della sua piacevolissima presenza e prestanza.... anche di quella di altri indelebili e testosteronici personaggi che si faranno voler bene e desiderare con una naturalezza sconvolgente.
E poi.... poi sono stata "ostaggio" del capitolo 24 (non è mia intenzione "oscurare" la luce dei due protagonisti), un devastante e dirompente fiume di elegante e "storico" erotismo che può lasciare annichilite e al contempo "estasiate" tutte quelle lettrici che come me sono "vittime" elette della passione.... anche quella più esplicita ma con eleganza. Non mi nasconderò dietro un dito, ho tremato, e tanto. La mia femminilità è schizzata fuori con una intensità che per la prima volta in vita mia mi ha lasciato lì, spiazzata e sofferente (in senso più che positivo!). Un'autrice che ha il potere di trascinarti senza  vie d'uscita tra le pieghe dell'erotismo in modo così vivido e riverberante, merita la corona di regina del romance- erotico (storico o meno).
Perciò care lettrici, preparatevi ad un film totalmente in HD.
Preparatevi a rimanere piacevolmente estasiate dalla carrellata di personaggi, intensi e caratterizzati a tal punto da riuscire quasi a vederli e percepirne gli stati d'animo. Adele non ha lasciato fuori neanche i personaggi da noi amati nel suo romanzo precedente; avrete uno "scioglievole" assaggio di Marco Rufo, una bella "abboffata" di Quinto Decio Aquilato (cellula per cellula), ma anche dei due personaggi che prepotentemente ruberanno la scena al protagonista per presentarsi nel loro mascolino splendore..... in vista del libro a loro dedicato.
DESTINO, AMORE, PASSIONE, LUSSURIA, CORAGGIO, AMICIZIA, TRADIMENTO, VENDETTA, ORGOGLIO, GELOSIA...... penso che gli ingredienti per uscirne ubriache la cara e inimitabile Adele Vieri Castellano, ce li abbia offerti su una "pergamena" troppo invitante per non tenerla ancora a portata di mano anche dopo averla letta. Penso che starà a lungo sul mio comodino... l'ho disseminato di adesivi evidenziatori.... da cercare all'occorrenza.....
Cosa state aspettando? Ah, già che arrivi il 31 Gennaio..... poi..... divorate senza indugio queste potenti e terapeutiche pagine.
 
Aspetto un vostro commento dopo la lettura.
 
 
 
 
L'autrice
 
 
 
 Quando scrivo sono Adele Vieri Castellano, il nome della mia bisnonna, ligure doc e cugina di un ufficiale che combatté a fianco di Garibaldi, in Sud America e per l’Unità d’Italia. Lo spirito combattivo e la testardaggine probabilmente li ho ereditati da loro. Sono nata a metà degli anni sessanta, ho vissuto per cinque anni in Francia, ho girato mezzo mondo ma gli unici punti saldi della mia vita sono sempre stati lettura e scrittura. A nove anni, il mio primo racconto di fantascienza, a dodici in edicola compravo Topolino ed Urania, la storica pubblicazione di letteratura fantascientifica di Mondadori. Appassionata di storia antica, di due periodi storici in particolare, l’antica Roma e l’Egitto, oggi vivo a Milano, lavoro e traduco per case editrici italiane. Collaboro con il blog “La mia Biblioteca Romantica”. Scrivere racconti e romanzi d'amore è da sempre la mia più grande passione.
 
Roma 42 D.C. Cuore nemico (Leggereditore) è il secondo romanzo di una serie ambientata nell'antica Roma. Gli antichi romani possono essere affascinanti tanto e forse di più degli highlanders o di qualsiasi libertino inglese, credetemi. Il film in cui Ridley Scott raccontava la storia di un coraggioso ufficiale romano, divenuto gladiatore, non ha fatto forse battere tutti i nostri cuori? Chissà se anche il protagonista del mio libro, Quinto Decio Aquilato, toccherà i cuori di tutte voi, inguaribili fanciulle romantiche?
 
 
COME ALLA FINE DI UN INDIMENTICABILE FILM,
MI PREME SCRIVERE I TITOLI DI CODA:
 
GRAZIE ANCORA ADELE, per la tua penna che ci regala ogni volta qualcosa di mostruosamente dirompente.
GRAZIE SERGIO FANUCCI, per averci "dato" Adele Vieri Castellano.
GRAZIE MARTINA, perchè esaudisci sempre i miei desideri e sopporti i miei "assalti" all'ultimo titolo.
GRAZIE A TUTTE LE APINE OPERAIE, celate dietro il marchio Leggereditore, complimenti per il vostro splendido lavoro che si trasforma nel nostro benessere romantico.
GRAZIE ALLE LETTRICI CHE CI SEGUONO CON DEDIZIONE  E RISPETTO, siete voi che alimentate la nostra passione e ci fate sentire parte delle vostre giornate.

GRAZIE ALLE MIE SISTERS-ANGELS, perchè mi fate sentire importante.

GRAZIE AI LIBRI che hanno portato nella mia vita, Sangueblu e Nippi e tante tante terapeutiche emozioni.
 

6 commenti:

Anonimo ha detto...

La tua recensione mi ha fatto intuire i brividi che proverò leggendo questo libro! la tua descrizione è così appassionata che, chiudendo gli occhi, mi è sembrato di vedere il nostro Aquilato! Tra solo due giorni lo incontrerò!
Rossella

foschia75 ha detto...

....e una volta incontrato.... cercherai di diluire la lettura il più possibile.... per non arrivare alla fine... e avere il groppo della nostalgia...

samanthalarossa ha detto...

Ho già capito un libro da leggere e rileggere fino ad impararlo a memoria

foschia75 ha detto...

Cara Samanthalarossa, hai colto nel segno!!! Terapia d'urto contro la quotidianità femminile....

Manuela ha detto...

Ciao carissima :)
io sono alle prese con il primo libro, quello di marco e ahh lo adoro!!!! vorrei finirlo e sapere come và a finire, ma allo stesso tempo non vorrei finisse mai!!!!!

Un bacione

foschia75 ha detto...

Manuuuuuuuuuuuuuuu
N-o-n-c-i-p-o-s-s-o-c-r-e-d-e-r-e!!! Come stai???? Che piacere leggerti!!!! Lo so Roma 40 fa quell'effetto.... ma roma 42 lo fa anche peggio.... il giorno dopo ho sentito una nostalgia fortissima!! Questo è ancora più esplosivo del primo....un film in hd!!!! Ti abbraccio fortissimo, saluta da parte mia lo scoglio!!!!! Che struggente nostalgia.....