martedì 22 gennaio 2013

ODYSSEA. OLTRE IL VARCO INCANTATO di Amabile Giusti RECENSIONE

Esce proprio oggi in tutte le librerie un autentico gioiello che brilla di luce forte e ammaliante, stregando noi Books'Angels che abbiamo avuto la fortuna e l'onore di leggerlo in anteprima.
Sono diversi giorni che lo abbiamo terminato, e credeteci se vi diciamo che è stata una fatica non poter condividere immediatamente con voi tutti i nostri pensieri, le nostre sensazioni e le potenti emozioni che ci hanno trascinate durante tutta la lettura e che, ancora adesso, si riverberano su di noi...  Il mondo di Odyssea è qualcosa di davvero magico! Passerete anche voi attraverso il varco incantato di quello stesso albero che cambierà la vita della protagonista, restituendole il suo passato e rivelandole il suo futuro. Un romanzo talmente bello e coinvolgente che vi dispiacerà arrivare all'ultima pagina, fin troppo presto, in un turbinio di rivelazioni, incantesimi,  affetti perduti e ritrovati e soprattutto sconosciuti batticuori.
Chi l'ha detto che il vero amore non si possa trovare e vivere anche a sedici anni?
E soprattutto, chi l'ha detto che letture come questa, "etichettata" come YA non possa emozionare, coinvolgere e "scombussolare l'ormone" anche un pubblico adulto, ben più di un "erotico", semplicemente con la potenza dell'immaginazione e con la forza che solo l'attesa di realizzare un desiderio, può avere?
Jacko O'Donnel è uno dei personaggi di carta e inchiostro più affascinanti, indisponenti, intriganti, garbatamente e al contempo ferocemente sexy di cui possiate leggere. Farà impazzire tutte le ragazze (e non solo) ma piacerà molto anche ai ragazzi che leggeranno questo libro perchè ha una miscela vincente di ingredienti, adatti a tutti.
Amore, magia, azione, intrighi... in un continuo altalenare tra atmosfere cupe e atmosfere scintillanti; un ininterrotto contrasto tra luci ed ombre; un insistente avvicendarsi di sogno e incubo che vi regaleranno una lettura indimenticabile!


ODYSSEA - OLTRE IL VARCO INCANTATO
 di Amabile Giusti

editore: Dalai
pagine: 367
prezzo: 15.90
Brossura

Trama

Se potesse, Odyssea, sedici anni e nessuna bellezza, chiederebbe molte cose a sua madre. Ad esempio perché da anni sono costrette a vivere come fuggiasche, senza una meta, una casa stabile e, soprattutto, senza un padre. Finché in una tiepida notte d'estate, attraversando un varco incantato nascosto nel bosco, sua madre la riporta a Wizzieville, dove è nata, e lei scopre di appartenere a una cerchia di persone speciali, dotate di rari poteri. Incredula, Odyssea si immergerà in un mondo intriso di magia, dove ogni esperienza - per lei che è sempre vissuta lontano da tutto e da tutti - ha il sapore della prima volta, ma si accorgerà presto, suo malgrado, che dietro la facciata idilliaca e fatata di Wizzieville brulica il Male. Un nemico sanguinario - lo stesso che ha ucciso suo padre dodici anni prima - perseguita la sua famiglia da generazioni ed è tornato sotto mentite spoglie per attuare il suo crudele disegno. Mentre la paura di non essere in grado di gestire i propri poteri arriverà a farle rimpiangere la vita fuori di lì - senza amicizie, né legami né radici - e a temere per l'incolumità di chi ama, terribili, inconfessabili incubi la assaliranno come artigli di un doloroso passato. Come se non bastasse, l'amore la coglie di sorpresa. Il misterioso e impavido Jacko, un giovanotto di poche parole che, a differenza di tutti gli altri, la tratta senza solennità e cerimonie, entra nella sua vita e devasta il suo cuore inesperto. Ma come mai tutti lo temono e lo disapprovano?



La recensione di Sangueblu

Amabile Giusti è un'altro di quei preziosi talenti italiani di cui possiamo andare più che fieri.
L'ho conosciuta e adorata, come tantissimi lettori, quando ho divorato il suo "Cuore Nero".
Eh sì, perchè è questo quello che avviene con i libri di Amabile: si divorano e si adorano.
Stavolta non sono i vampiri a farla da padroni... Non sono le sue tanto amate atmosfere Twilightiane a fare da sottofondo alla sua originalità e creatività, bensì le streghe e la magia che  possono rimandare all'altra celeberrima e venerata saga di Harry Potter.
Lungi da me fare paragoni o additare qualsiasi marcata somiglianza.
Non lo posso affermare con certezza (perchè ancora non ho mai avuto l'occasione e l'opportunità di chiederglielo personalmente) ma sono convinta che questa caratteristica che si riscontra nei romanzi della scrittrice calabrese è piuttosto una CELEBRAZIONE delle storie che tanto ama.
A lei il merito di "usarle" come tributo e non come modello, ed è proprio quest'ottica che me la fa tanto apprezzare.
Non ho mai letto Harry Potter - lo so.. lo so... sacrilegio - ma, non linciatemi, ho visto solo tutti i film ed anche per me è innegabile che la costruzione dell'impianto narrativo rimanda molto alle atmosfere della Rowling.  Ma atmosfere rimangono... perchè quello di Odyssea e del suo Wizzieville è completamente autonomo, variegato ed originale e soprattutto ha quell'ingrediente per me importantissimo - anche se ho passato ahimè da un pezzo l'età scolare - e cioè l'AMORE.
Il sentimento, anche se non proprio predominante, vista tutta la serie di eventi e di situazioni parallele che si sviluppano nella storia, nel romanzo investe un' importanza essenziale.
Al di là della magia, degli incantesimi, delle rivelazioni e dell'avventura è la TENSIONE amorosa e sensuale fra Odyssea e Jacko che rende la lettura una vera e propria droga.
I loro battibecchi... i loro momenti rubati... i loro sguardi... la loro complicità che tengono chi legge col fiato sospeso e con il groppo in gola... fino ad arrivare ad un finale d'eccezione, mai scontato o banale, in perfetto stile Amabile Giusti, che non fa mai scelte di "comodo".
Come molti di voi sapranno questo è il primo libro di una serie... quindi se da una parte potrete sentirvi appagati per come chiuderete l'ultima pagina, dall'altra potreste vivere i prossimi mesi in uno stato di perpetua nostalgia e desiderio che non passi troppo tempo prima di poter abbeverarci alla Sorgente di Olodern e mantenere in vita il nostro povero cuore assuefatto al mondo di Odyssea!

In una scrittura impeccabile, sublime, senza alcuna sbavatura, Amabile Giusti ci conduce in un caleidoscopio di personaggi tutti a loro modo affascinanti e dalle sfumature e i risvolti inaspettati che sapranno toccare una vasta gamma di sentimenti umani.
Una delle cose che mi sono piaciuti di più del romanzo, a livello di messaggio ( e chi mi conosce da un po' sa quanto ci tenga ai messaggi più o meno intenzionali dei libri) sono stati:
L'amore all'interno della famiglia (genitori, figli, nonni, fratelli e sorelle) e la spesso difficile condizione di "svelarsi" e di "conoscersi davvero" anche con le persone che dovrebbero essere quelle con cui il conoscersi dovrebbe essere la cosa più semplice e "naturale".
La vicinanza che si può sentire anche con chi non c'è più...
E il "ruolo" dell'apparenza.


Se ancora non vi basta tutto ciò vi lascio con una piccola citazione per descrivere  Jacko
"Quel ragazzo era ciò che un dizionario avrebbe definito soggetto di bellezza non comune, capace di far tremare le ginocchia e suscitare pensieri spudorati, vale a dire uno schianto"
Ora non vi resta altro da fare che prendere il libro, mettervi comodi e gustarvi ciascuna pagina di questo capolavoro.
Non ve ne pentirete!

  +


La Recensione di Foschia 75



Non sono una Y-A addicted, è difficile che il genere mi affascini, ma questa volta mi inchino davanti alla magistrale penna di questa impeccabile scrittrice.
Non ho mai fatto le ore piccole leggendo un romanzo per ragazzi, ma una volta passata attraverso il portale tra Mondo-altrove e Wizzeville, ho perso la cognizione del tempo e dello spazio, divorando le righe come una bulimica.

Uno stile di scrittura che ti invita fin dalle prime pagine, pulito, senza fronzoli o tediose "sabbie mobili", immediato e magistralmente intrecciato.

Ciò che mi ha tenuto sulla corda tutta la lettura, è stato il magico rapporto nato tra i due protagonisti, capace di far tremare le corde di teenagers e mamme.... riuscire a sentire le sensazioni forti e intense di una ragazza di sedici anni alle prime scoperte dell'amore.... le farfalle nello stomaco, le prime amare lacrime di aspettative deluse.... tutto quello che la maggior parte di noi ha vissuto a quell'età nel mondo reale. Ho tremato, ho sofferto con, e per Odyssea. Ho amato dal primo sguardo Jacko, il suo indisponente carattere, sfuggente e scostante, insomma il ragazzo bello e impossibile che tutte noi ex-sedicenni abbiamo idealizzato.... quello capace di farci sognare e piangere, di farci tremare di desiderio e rabbia. Ecco, queste sono tutte quelle sensazioni dimenticate che Amabile Giusti ha risvegliato in me e che sono sicura moltiplicherà esponenzialmente in tutti quei lettori che appartengono alla stessa fascia d'età di Odyssea e Jacko. La "scenografia" che li circonda ricorda per certi versi la magia di Harry Potter, ma con una sua personale originalità. Parliamo di Wizzeville villaggio di maghi e streghe più o meno dotati di poteri, parliamo di ragazzi che vanno a scuola, alle prese con le prime cotte e le prime scazzottate per gelosia, parliamo di rapporti familiari e di amicizia, ma anche di malvagità e falsità.
Arrivi alla svolta con un'aspettativa da pelle d'oca, e sul più bello, quando pensi che dopo aver sconfitto (temporaneamente) il malvagio nemico, i due finalmente avranno un attimo per guardarsi negli occhi e pensare ai reciproci sentimenti..... TO BE CONTINUED....... rimangono le farfalle nello stomaco, e la speranza che non passi un anno per tornare ad essere "spettatori" di una storia d'amore in divenire, scritta dal destino e assolutamente fondamentale per il futuro di Wizzeville.

 + +

La recensione di Nippi


Ho incontrato Amabile Giusti la scorsa estate e con la sua fresca, pulita e semplice bravura mi ha fatto trascorrere dei momenti indimenticabili.
Ancora oggi Cuore Nero è un libro che ricordo come uno dei più belli letti, con un finale perfetto nella sua imperfezione.

Ed in questo inverno freddo e umido mi sono imbattuta nel suo nuovo lavoro che, devo ammetterlo, nella prima parte mi ha lasciato un po' interdetta; non so bene cosa mi aspettassi di leggere ma sicuramente non quello con cui inizialmente ho leggermente faticato a prendere confidenza.
Ho pensato che avrei preferito meno elemento fantasy e più romance e non ho capito che ero appena entrata all'interno di una bomba ad orologeria.
Tic tac, tic tac; la storia mi ha trascinato dentro ai suoi ingranaggi e in quel preciso istante la deflagrazione è stata inevitabile e travolgente.

Seppur su di un piano e un genere diverso, ho ritrovato questa splendida scrittrice vestita di nuovo, avvolta in una stoffa che le si addice perfettamente e che risalta ancor più le magnificenze che la sua penna imprime sulle pagine.
Un'ambientazione totalmente diversa, una trama per me assolutamente originale e una minuziosa fantasia nel descrivere ciò che circonda la protagonista Odyssea e ciò che cela il suo cuore, hanno reso questo romanzo un piacere irrinunciabile.

Ho adorato tutto di Odyssea, una creatura indecisa su ciò che rappresenta a sedici anni la vita, verso quale futuro la porterà, su ciò che si nasconde dietro il volto di una madre troppo silenziosa e sterile d'affetto, ma che affronta il mondo magico e pericolosamente incantato di Wizzeville con coraggio e determinazione.
Offre per prima l'amore a sua madre, tende una mano verso di lei frantumando così quel muro di segreti inconfessabili e quella paura di aprire il suo cuore.
E poi l'amore per Jacko che la rende cieca e timorosa nei suoi confronti, incapace di vedere il tormento che questo spavaldo ragazzo patisce per lei.
Seppur innocente e inconsapevole, il sentimento che li lega nasconde un vulcano pronto con la sua potenza a liquefare tutto quello che lo circonda e, merito di Amabile, tiene acceso un fuoco incandescente capace di arroventare l'anima più di qualsiasi amore raccontato con parole eloquenti.

Odyssea è un libro da vivere, da respirare e da godersi, oserei dire che è universale, adatto a tutti senza limiti di sesso, età e gusti letterari.
E' un libro perfetto.


 



DALAI EDITORE non lasciarci troppo a lungo senza il seguito.....
Grazie ad Amabile per questa magia....

...e Grazie KATIA!


L'Autrice


E' nata in Calabria ed è lì che vive ancor oggi: proprio sulla punta dello stivale, fra il mare e la montagna, vicino a una distesa di verde che, vista dall’alto, sembra la sagoma di un cavalluccio marino.

Ha frequentato il liceo classico e si è laureata in Giurisprudenza. Fa l’avvocato ma non si sente avvocato. Scrivere è la sua vita vera, al di fuori degli schemi imposti dal linguaggio secco e avaro del diritto. Si addormenta la sera sognando di scrivere, si sveglia la mattina con lo stesso chiodo fisso in testa, non è escluso che perfino davanti a un giudice, mentre perora una causa, la sua mente divaghi pensando a come plasmare una storia o finire un capitolo.
Dunque non sceglietela come avvocato, scriverebbe una citazione pensando alle favole!
È un tipo che ascolta molto e parla poco ma quando scrive non si ferma più...
Se volete farla contenta regalatele un saggio su Jane Austen, un ninnolo di ceramica (preferibilmente blu), un manga giapponese, o una piantina grassa (più spine ci sono meglio è). Preferibilmente tutti insieme.
Spera di invecchiare lentamente (perché questo pare sia l’unico modo per vivere a lungo...) ma mai invecchiare dentro! Dentro avrà sempre un’età con poco passato e molto futuro e scarsa saggezza.


Recensione Cuore Nero QUI

9 commenti:

Saya ha detto...

bellissimo...

Lenah ha detto...

Ho amato Cuore Nero, non vedo l'ora di leggere pure Odyssea!!
Bellissime recensioni ragazze! :D

foschia75 ha detto...

Cara Lenah, io ho qualche decina d'anni in più di te.... e ti posso assicurare che la tensione che c'è tra i due ha steso anche me.... sono sicurissima che te ne innamorerai e anche tu verrai colta da astinenza da Jacko....

mielelucegrace miele ha detto...

ho letto cuore nero da poco, devo dire che inizialmente ero scettica, poi più andavo a vanti con le pagine più mi legavo ai personaggi e ed è stata proprio una bella storia però ....però.... il finale mi ha davvero spiazzata!E' vero che non tutti i libri possono avere il lieto fine ma questo mi ha lasciato l'amaro in bocca..... pertanto prima di cimentarmi in un'altra lettura di amabile giusti aspetto ...... voglio dire, pure il canto della rivolta ha avuto un po' di tenerzza alla fine!!!

sangueblu ha detto...

Cioa @mieleluce! E' veo che Cuore Nero lascia oltre a l'amaro in bocca anche il cuore spezzato. ma io l'ho amato proprio per questo.... Insomma, ogni tanto ci vuole anche una scelata non convenzionale. E poi... più vero amore di così!!!
Comunque vai tranquilla perchè Odyssea è su tutto un altro piano e il finale di questo è sì spiazzante, ma IN POSITIVO!!! Non posso dirti niente se non che i brivid sono assicurati!!
Ti consiglio di leggerlo prima che puoi....
Fidati! Non te ne pentirai.............
Una droga, di quelle buone! <3

Mr Ink ha detto...

Uh, ero convinto di aver già lasciato un commento! Rieccomi :)
Il libro già mi incuriosiva, ma dopo le vostre recensioni sono ancora più curioso e felice di averlo tra le prossime letture! Inaspettatamente, pur avendolo letto senza nessuna aspettativa, ho trovato "Cuore Nero" un intenso romanzo di formazione spruzzato di fantasy. Lì c'era il confronto con Twilight (se di confronto si può parlare!), qui con Harry Potter. Ho altissime aspettative! :)

foschia75 ha detto...

Ciao Ink. sono ansiosa di leggere le tue impressione.... ti tengo d'occhio!!!
@Illy, scusa cara vedo solo ora la tua bellissima opinione che mi fa sorridere, visto quello che ci siamo dette quando hai iniziato a leggerlo!!!

Nippi ha detto...

Anna cara, ho imparato una lezione leggendo questo libro! La seconda metà l'ho divorata! E mi sono dimenticata di avvertirvi che avevo postato la rec!
Mea culpa!

Lenah ha detto...

Finito ieri, e concordo con le vostre recensioni!
Davvero bellissimo!