venerdì 2 novembre 2012

GLI ZOMBI NON PIANGONO di Rusty Fischer

QUESTO LIBRO MI CI VOLEVA PROPRIO!!!
...Non solo perchè siamo reduci dall'appena trascorso Halloween, e cade perfettamente appropriato per il giorno che si sta celebrando  - ovvero la Festa dei Morti  (e dei Non-Morti, pardòn!!) - ma perchè è una vera e propria iniezione di buon umore. E ne avevo proprio bisogno! Se avete voglia di una lettura leggera, divertente e assolutamente fuori dagli schemi vi consiglio di "assaggiare" questa delizia prodotta da Rusty Fischer. Magari scoprirete anche voi di avere un debole per... i cervelli!!! ;-)


editore: Giunti
pagine:366
prezzo: 12.00 euro
Rilegato
( 1° libro serie "Living Dead Love Story" )
traduzione SARA REGGIANI


Trama


Maddy Swift è una studentessa normalissima e un po’ imbranata, frequenta il liceo della tranquilla cittadina di Barracuda Bay e ha una cotta per il nuovo ragazzo della scuola. La sera in cui Stamp finalmente la invita a una festa è anche quella in cui la sua vita cambierà per sempre. Perché è il suo primo fantastico appuntamento? Non esattamente. Quando Maddy, tutta agghindata, esce di casa, fuori piove a dirotto. Non trova la strada per raggiungere la festa e proprio quando crede di essere arrivata a destinazione viene colpita in pieno da un fulmine. Al risveglio, si trova con la faccia in una pozzanghera, stordita e completamente inzaccherata. Ma il fango è l’ultimo dei suoi problemi. Sono quel buco fumante sulla testa, il cuore che non batte più e i polmoni che non funzionano a farle sorgere qualche sospetto. Scopre con raccapriccio di essersi trasformata in una delle creature che più la spaventano: una morta vivente. E che la sua urgenza più impellente è mangiare immediatamente un cervello fresco, se vuole evitare il poco attraente processo di putrefazione. Aiutata da due compagni zombi, Maddy non solo imparerà a gestire la sua nuova identità, ma anche a difendere se stessa, il suo amore e tutta Barracuda Bay dallo
Zombi Armageddon. Un’esilarante commedia horror che rivisita tutti i triti stereotipi sugli zombi.

Recensione

"Non ci capisco più niente, Maddy, proprio niente. So che non eri troppo entusiasta di essere viva, allora non mi resta che sperare che almeno tu sia felice ora che sei...uno zombi..."

Un libro molto "visivo" e "visionario" che mi ha davvero piacevolmente stupito sotto molti punti di vista!
Innanzitutto non immaginavo che uno scrittore - maschio - potesse entrare così "bene" nella testa e soprattutto nel mondo di una ragazza adolescente... Invece Fisher, sicuramente grazie anche anche alla sua esperienza di insegnante di liceo, è riuscito a connotare la personalità della protagonista, i suoi sentimenti e i suoi desideri, e a rendere perfettamente il contesto attorno ai protagonisti - e a Maddy in particolare - non solo dal punto di vista prettamente di "vita scolastica", ma anche dal punto di vista psicologico/emotivo, soprattutto per quello che riguarda la sfera familiare e dell'amicizia.
Si percepisce che Fisher è uno che i ragazzi li conosce davvero.
Si vede in tante, tante sfumature; non ha tralasciato anche quegli apparentemente insignificanti "dettagli" che invece per un ragazzo di quell'età sono non solo importanti, ma capaci  addirittura di "trasformare" il loro quotidiano, di dargli un senso quasi.
Una parola, uno sguardo, un semplice "invito".
Banalità a per le quali, ad una certa età, siamo disposti a tutto.

Intendiamoci, non c'è assolutamente niente di assolutamente ed intenzionalmente "profondo" in questo romanzo che trabocca di battute, scene e situazioni assurde spudoratamente comiche e grottesche, ma in qualche modo l'autore è abilmente riuscito ad inserire anche dei momenti un po' più intensi che - mooolto alla larga - possono rendere il romanzo anche un po' più "serio". Principalmente mi ha colpito il padre di Maddy (un grande!) e il rapporto che hanno; il fatto di avere soltanto lui (una figura maschile) come punto di riferimento e anche il ruolo "quotidiano" e "assodato" che la morte ha sempre avuto nella loro vita. Per tanti aspetti una vera e propria presenza costante.
Lui è un medico legale. 
Lei ha l'hobby di disegnare, o meglio ricalcare, tombe.
Vivono accanto ad un cimitero.

Pur essendo un libretto non tanto corposo,  è davvero denso di avvenimenti e non ci si annoia mai! Un ritmo narrativo incalzante e piacevole, anche per via della grande autoironia della protagonista che racconta in prima persona la sua storia e in più occasioni si rivolge al lettore quasi chiedendogli sostegno e comprensione, fa si che il libro si legga in un baleno lasciandoci in più occasioni veramente sorpresi per la piega presa dagli eventi e per i colpi di scena inaspettati. Nonostante si parli comunque di adolescenti, vita scolastica e dinamiche amorose non è assolutamente un libro scontato! E soprattutto sul finale ci sarà una vera sorpresa... Almeno per me lo è stata!!!
Inoltre è un libro con tanta azione, soprattutto nell'ultima parte. Tant'è che visto anche il piglio che caratterizza la protagonista e il ruolo che viene ad assumere mi ha fatto pensare ad una versione zombesca di Buffy... una sorta di "Maddy l'Ammazzazombie"!!! ^__^

A tutti gli effetti è l'aspetto più surreale della storia, ma il fatto che Maddy scopra la sua nuova natura su internet è davvero... fantastico! Apprendere ( e credere possibile ) di essere una Non - Morta, una zombie per la precisione, tramite un test on line... è a dir poco un idea geniale dell'autore, tanto è assurda. Eppure... regge! Così come tutta la trama man mano che scorrono le pagine; e questo anche grazie ad una precisa e ben delineata mitologia "zombesca" di cui io, fino a questo momento, ero totalmente digiuna. Quindi, per tutte queste ragioni e anche per altre cha ancora bene non comprendo, questo libro mi è piaciuto un sacco e devo ammettere che ho una certa voglia di leggere il seguito. 
Non sarà stato amore a prima vista... ma in ogni caso sono rimasta fulminata!

...Ohò Ohò...
Non sarò mica diventata uno zombie anche io?!?!?!?
Corro subito a fare il test...


CARINISSIMO


La Serie "Living Dead Love Story"
1) Gli zombie non piangono  -  Zombies don't cry
2) Zombies dont forgive  ( previsto Aprile 2013 )


L'Autore



E' stato professore di liceo e ha colla­borato con famose riviste giovanili come The Mailbox, Learning e Bookbag. Ora è uno scrittore free lance a tempo pieno e un appassionato di horror. Oltre a Gli zombi non piangono, finalista del Bram Stoker Award, ha pubblicato diverse opere dedicate agli adolescenti: Stories for a Teen Heart, Chicken Soup for the Preteen Soul, Ushers, Inc., Becca Bloom and the Drumsticks of Doom. Fiero di essere nato in Florida, Rusty vive a Cape Canaveral.

2 commenti:

Mr Ink ha detto...

Lo sto leggendo proprio adesso! Concordo con voi :) Molto, molto carino!

mielelucegrace miele ha detto...

QUANDO HO VISTO QUESTO LIBRO ...HO PENSATO: NOOOO MI MANCANO SOLO GLI ZOMBI NELLE MIE LETTURE!!! FRA ALIENI, STREGHE, VAMPIRI, LICANTROPI, ANGELI ....... INSOMMA MI SEMBREVANO UN PO'TROPPO GLI ZOMBI :) E POI PENSAVO FACESSE PAURA E IO SONO UNA PAUROSA!PERTANTO HO DETTO NO! MA POI HO LETTO DIVERSE RECENSIONI E TUTTE POSITIVE E ORA SONO DAVVERO CURIOSA, LO METTO IN LISTA DESIDERI PERCHE' HO CAPITO CHE E' UN LIBRO SIMPATICO :)